Il giovane favoloso

Acquista su Ibs.it   Dvd Il giovane favoloso   Blu-Ray Il giovane favoloso  
Un film di Mario Martone. Con Elio Germano, Michele Riondino, Massimo Popolizio, Anna Mouglalis, Valerio Binasco.
continua»
Biografico, durata 137 min. - Italia 2014. - 01 Distribution uscita giovedý 16 ottobre 2014. MYMONETRO Il giovane favoloso * * * 1/2 - valutazione media: 3,60 su 150 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

la grande bellezza di Leopardi Valutazione 5 stelle su cinque

di pepito1948


Feedback: 125 | altri commenti e recensioni di pepito1948
martedý 21 ottobre 2014

Il manifesto con Leopardi capovolto non è solo una trovata pubblicitaria, peraltro di grande effetto, ma anche il preavviso che la figura del Giovane favoloso firmato Martone contraddice sia l’iconografia classica del poeta, ancorata a tutt’oggi al ritratto-disegno, accademico e senz’anima,  eseguito da Luigi Lolli e ripreso da tutti i libri di letteratura e di studi leopardiani, sia l’impostazione del racconto in termini stilistici e di messa in scena.
Martone sviluppa il tracciato narrativo secondo diverse direttrici: la liberazione dalla gabbia di Racanati, -centro culturalmente polveroso dello Stato pontificio governato da prelati e istitutori ligi ai dettami delle gerarchie ecclesiastiche- prima attraverso l’evasione mentale verso un fuori immaginario conseguita con l’esplorazione bibliotecaria a lume di candela di quasi tutto lo scibile umano, poi mediante la fuga fisica verso le grandi città piene di nuovi fermenti intellettuali, sociali, letterari come Roma, Firenze, Napoli; la delusione verso i circoli portatori di innovative correnti di pensiero come la teoria dell’utile in economia, i fervori liberali,  il romanticismo letterario e lo scetticismo nei confronti di dogmi propalati dalle elite preminenti come   la riduzione della sommità del sapere umano al “saper la politica e la statistica”, nonché verso la religione e le sue serrature arrugginite; l’uso e l’affinamento della poesia come antidoto a tutto questo e come “illusione che non disillude”di una felicità oltre la storia, oltre le barriere dell’immaginario comune, oltre la crudeltà della natura perfida e spietata, che si è accanita senza tregua sul suo corpo; la ricerca inflessibile, nell’apparente dissintonia tra la sua visione senza speranza della vita e la spinta di un’inesauribile vitalità, dei piaceri minimi o sublimi, della bellezza in tutte le sue forme, dell’amore o comunque della sua idea, delle amicizie sincere, fruibili lontano dalla ricchezza, dalle elite borghesi, dalle più trite convenzioni sociali.
Il Leopardi del regista napoletano sfugge alla immobilità della rassegnazione, cade e si rialza sotto il peso crescente di malanni dovuti alla sua divorante precocità, di un sapere che aveva prosciugato nei pochi anni dell’infanzia e dell’adolescenza l’intera biblioteca di famiglia, e ne aveva fatto ben presto un abile filologo, filosofo, poeta, prosatore, traduttore in poesia  di classici greci. Leopardi non vive la storia, proprio perché l’invincibile infelicità umana rende inutile ogni sforzo dei contemporanei verso il progresso delle idee, della politica, della società, ma è interessato a vivere  i singoli sprazzi vivificanti come le bicchierate con i popolani, gli accessi trasgressivi negli antri infernali dei bordelli, gli affetti veri o (di)sperati, in attesa della fine (“invidio i morti, e solo con loro mi cambierei”, da Operette morali). La storia si affanna a scorrere, segue i suoi tracciati nella vana illusione di prospettive irreali ma non si eleva. Solo la poesia,  cambiando dimensione, s’innalza e spazia nell’”oltre” senza limiti e senza disillusioni. Infatti Martone non fornisce riferimenti storici precisi, se non indirettamente (la pestilenza a Napoli) e sorvolando sugli eventi politici di quel periodo, per rimarcare il distacco del poeta dagli avvenimenti contemporanei. Il suo Leopardi scrive ininterrottamente, s’immerge nell’estro senza limiti della sua poesia che prorompe in tutta la sua potenza espressiva come se fosse un’eruzione di pensiero nel suo istantaneo traboccare, battibecca con gli intellettuali infastiditi dal suo catastrofismo umano ironizzando sulle loro contraddizioni (come può un popolo essere felice senza la felicità dei singoli individui?). Il suo Leopardi contempla l’ossimoro permanente di Madre natura che impone la sua ferocia (immaginata come un’enorme statua d’argilla con i tratti del volto della propria  madre che si sgretola) ma offre anche una sconfinata ingannevole bellezza: i boschi, i laghi, il mare, la lava rossa del Vesuvio, il firmamento in una notte trapuntata di luci possono dare una felicità illusoria, ma è per questa consapevolezza che Leopardi è infelice pur assorbendo l’assorbibile. In questa ottica di lotta per la vita ma contro la sua inanità, il malfermo Leopardi assume una grandezza granitica, eroica, epica, che sfida l’insidia del tempo.
La poesia dei versi leopardiani “detti” (la “colonna poetica” che costituisce la spina dorsale emozionale del film), delle immagini piene di rumori, di autenticità, di vita, magnificamente ideate dagli autori, dell’alternarsi delle musiche moderne di Sasha Ring, morbidamente malinconiche,e quelle scolpite del classico Rossini, che accompagnano i due registri della dolorante vitalità e della mestizia, si espande in ogni angolo dell’opera dandole una preziosità luccicante a tutto campo, corroborata anche da un cast di altissimo pregio grazie alla perizia registica di un maestro che non manca mai di stupire, di sorprendere, di reinventare  ed affascinare. Un’autentica grande bellezza.

[+] lascia un commento a pepito1948 »
Sei d'accordo con la recensione di pepito1948?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di pepito1948:

Vedi tutti i commenti di pepito1948 »
Il giovane favoloso | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1░ | gaiart
  2░ | peer gynt
  3░ | maurizio meres
  4░ | antonello chichiricco
  5░ | valentino giorgi
  6░ | adelio
  7░ | ilaria pasqua
  8░ | romifran
  9░ | alex2044
10░ | antonietta dambrosio
11░ | debboschi
12░ | luciacinefila
13░ | filippo catani
14░ | francesca meneghetti
15░ | jackiechan90
16░ | aristole
17░ | carlosantoni
18░ | luigi chierico
19░ | nino pell.
20░ | holden60
21░ | dromex
22░ | martineden
23░ | enzo70
24░ | aristoteles
25░ | dario
26░ | dejan t.
27░ | cress95
28░ | no_data
29░ | renatoc.
30░ | great steven
31░ | silvano bersani
32░ | maramaldo
33░ | mauridal
34░ | amgiad
35░ | ennas
36░ | iuras
37░ | fabio cesarini
38░ | giuliog02
39░ | elgatoloco
40░ | maxzar
41░ | lore64
42░ | lbavassano
43░ | andrejuve
44░ | andrea alesci
45░ | degiovannis
46░ | dave san
47░ | dana scully
48░ | angelo mandelli
49░ | frenky 90
50░ | edoardo lorenzi
51░ | flyanto
52░ | papat
53░ | kuiper
54░ | mareincrespato70
55░ | saint loup
56░ | ollipop
57░ | elgatoloco
58░ | onufrio
59░ | snoyze
60░ | consu13
61░ | alexander 1986
62░ | zarar
63░ | aldo s.
64░ | sabrina lanzillotti
65░ | jayan
66░ | mauro
67░ | mario nitti
68░ | natadiluglio
69░ | luca scial�
70░ | joker 91
71░ | angelo umana
72░ | foffola40
73░ | gpistoia1939
74░ | melvin ii
75░ | pisiran
Nastri d'Argento (8)
Globi d'oro (5)
David di Donatello (21)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedý 16 ottobre 2014
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità