Journey To the West

Un film di Chow Kwok, Chi-kin Kwok. Con Qi Shu, Zhang Wen, Bo Huang, Show Luo, Sheung-ching Lee.
continua»
Titolo originale Xi you xiang mo pian. Avventura, durata 110 min. - Cina 2013.
   
   
   

Journey to the Trash: Il viaggio nel ridicolo Valutazione 2 stelle su cinque

di laurence316


Feedback: 27050 | altri commenti e recensioni di laurence316
domenica 6 gennaio 2019

A cinque anni dal mezzo fallimento di CJ7 – Creatura extraterrestre, Chow ritorna nei cinema con un progetto diretto con il quasi sconosciuto Derek Kwok, per adattare, molto liberamente, uno dei Quattro romanzi classici della letteratura cinese, Il viaggio in Occidente. A conti fatti, si rivela esserne piuttosto un prequel, che racconta delle “disavventure” del mona­co Tang Sanzang antecedenti il compiersi del suo leg­gendario viaggio in compagnia dei “tre demoni”, che, come ricorda il titolo, in questo film vengono vinti, “conquistati”.

E l’interessante incipit (
che ha il suo cul­mine nella comparsa del demone acquatico, dalle fattez­ze inquietanti ma stranamente anche esilaranti) promet­teva un simpatico, giusto un tantino stravagante fantasy con curiose venature horror e comiche (un nuovo gene­re? "Demenzial-horror", dalle parti di La casa II, ma coi tratti peculiari dell’umorismo a la Chow?), un puro di­vertissement gustabile da chiunque nella giusta predi­sposizione mentale (ovvero pronto anche a qualche ra­pida regressione infantile).

Peccato che, col proseguire della visione,
Journey to the West: Conquering the De­mons si faccia sempre meno interessante e divertente, diventi sfilacciato, ripetitivo, alla lunga noioso, e so­prattutto non si dimostri per nulla in grado di costruire gag efficaci (e difatti sono sin troppe quelle che non colpiscono nel segno).

I personaggi e le loro vicende non appassionano (vedi il caso eclatante della forzatissi­ma e afflosciatissima storia dell’amore non corrisposto tra Miss Duan e il monaco, alla cui insul­saggine non riesce a porre rimedio neppure la simpatia dell’interprete, Shu Qi), perché tanto sceneggia­tura quanto regia (per non parlare poi degli effetti digitali) arrancano, e nel complesso il film manca sorprendentemente della consueta ironia (ed anche autoironia) tipica dei film di Chow, e pare prendersi perfino sul serio nel finale, quando si tratta di trarre la morale buddhista dalle vicende narrate (anche se è forse eccessivo parlare di “propaganda” religiosa, perché non se n’è di certo mai vista una talmente delirante ed eccentrica, quantomeno nel XXI secolo, nonché una, al contempo, talmente inefficace [probabilmente anche agli occhi dello spettatore cinese, che comunque non avrà di certo bisogno di un film per entrare in contatto con taluni aspetti della filosofia e della morale buddhista, e che saprà ovvia­mente cogliere più a fondo di uno spettatore occidentale tutti i riferimenti alla propria cultura, e di con­seguenza, forse, anche certe battute che paiono cadere nel vuoto]).

Inefficace, dunque, se lo scopo era diffondere un qualche sorta di messaggio, ma soprattutto spesso involontariamente ridicolo. In partico­lare, nell’ultimo terzo del film, quello che si potrebbe definire della “resa dei conti”, dove si sprofonda arditamente in un apoteosi del
trash che forse nella sua sfacciataggine possiede addirittura una qualche genialità (per nulla divertente, però), tra esagerazioni fin incredibili, autoreferenziali scopiazzature (ve­dasi alla voce “palmo del Buddha”, qui trasposto, a proposito di esagerazioni, su scala “planetaria”) e veramente ridicole “citazioni” (pare quasi di intravedere King Kong ad un tratto, ma si tratterà di un ab­baglio). Il tutto reso ancora più inservibile da una pessima CGI, di cui è satura quasi ogni scena, che, a differenza di altri film del regista, non è quasi mai utilizzata in maniera particolarmente creativa, e con­tribuisce solamente al ridicolo complessivo.

Incomprensibilmente apprezzato,
Journey to the West: Conquering the Demons rappresenta invece un punto basso nella carriera di Chow, che ciò malgrado ottiene uno straordinario successo di pubblico (incassa oltre 1,2 miliardi di yuan, equivalenti a circa 215 milioni di dollari). E si guadagna pure un seguito, uscito nel 2017: Journey to the West: The De­mons Strike Back, diretto da Tsui Hark.

[+] lascia un commento a laurence316 »
Sei d'accordo con la recensione di laurence316?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di laurence316:

Vedi tutti i commenti di laurence316 »
Journey To the West | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | laurence316
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Frasi | Pubblico | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità