On the Road

Acquista su Ibs.it   Soundtrack On the Road   Dvd On the Road   Blu-Ray On the Road  
Un film di Walter Salles. Con Elisabeth Moss, Terrence Howard, Danny Morgan, Alice Braga, Kristen Stewart, Kirsten Dunst.
continua»
Titolo originale On the Road. Drammatico, - USA 2012. - Medusa uscita giovedý 11 ottobre 2012. MYMONETRO On the Road * * 1/2 - - valutazione media: 2,63 su 48 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Edulcorazione conformistica del mito Valutazione 2 stelle su cinque

di gianleo67


Feedback: 61167 | altri commenti e recensioni di gianleo67
domenica 22 febbraio 2015

Sal Paradise (pseudonimo di Jack Kerouac) racconta le vicende che, dopo la morte del padre, lo videro vagabondare dapprima in solitaria e poi insieme all'amico disadattato Dean Moriarty (pseudonimo di Neal Cassady), per tutti gli Stati uniti d'America dalla East alla West Coast e da qui fino in Messico, fino al ritorno a Ozone Park, nei sobborghi del Queens, New York, dove riversò di getto ed in un unico rotolo di carta da parati lungo 36 metri le sue memorie nel libro autobiografico 'On the road' che divenne simbolo e manifesto insieme della contro-cultura americana e della cosidetta 'Beat generation'.
Se lo stesso Kerouac aveva intuito le potenzialità cinematografiche del suo soggetto più importante con un progetto che non vide mai la luce, doveva essere il segno di un crudele e ironico contrappasso il fatto che questo venisse messo in scena, nella forma di un biopic-letterario patinato e conformista, da un autore aduso all'edulcorazione consumistica del mito ('I diari della motocicletta') come Walter Salles. Resoconto autobiografico di un romanzo autobiografico, il film di Salles utilizza le vicende di una genesi letteraria che si forma già come esperienza umana e professionale (se la vita secondo Kerouac può essere intesa come imprescindibile fonte di ispirazione) che si presta con naturale semplicità ad un adattamento cinematografico che abdica alle funzioni precipue ed alle potenzialità del mezzo stesso per ridurlo alla narrazione consolatoria di un raccontino per immagini fatto di bei ragazzotti che cercano nella dimensione di nuove esperienze lisergiche la risposta ad una frammentazione esistenziale e ad uno sradicamneto cultuale che l'autore sudamenricano non sfiora nemmeno lontanamente. Ammesso che l'importanza e l'influenza di Kerouac (più di quella di altri autori decisamente radicali come Burroughs) nella cultura del Novecento sia commisurabile al mito pop che da essa sembra essere scaturito, già dalle modalità di un'esperienza letteraria così innovativa e vitale emergono prepotenti i germi di un disadattamento sociale che oscilla continuamente tra le rassicurazioni dei (falsi) valori borghesi (la famiglia, il lavoro, il consumismo) nell'America del dopoguerra e l'inquietudine di una generazione che sente l'irrefrenabile e selvaggio bisogno di rimettersi continuamente in discussione attraverso l'approdo ad una dimensione del quotidiano apparentemente priva di progettualità e votata consapevolmente all'autodistruzione (l'alcol, le droghe, il sesso, la precarietà economica, il vagabondaggio). Del radicalismo hippie di un'esperienza così devastante e fondativa, Salles ne estrapola solo gli aspetti più banalmente riconducibili ad un cinema di intrattenimento in cui la piaggeria degli argomenti, l'appeal dei personaggi e la ridondanza di un simbolismo posticcio concorrono tutti insieme a riconfermare quei codici della retorica di genere che mortifica tanto il valore storico e filologico dell'opera letteraria quanto l'originalità di un approccio autoriale che ne sappia reinterpretare (non è questa in ultima istanza la funzione principale del cinema impegnato?) i sentimenti ed i significati più profondi. Abbandonata l'idea di dare spessore ai personaggi o di ricreare i fermenti più autentici di un'epoca di radicali mutamenti della società americana, si passa dalle banalità dei luoghi comuni (letterari) più scontati all'esaltazione en-passant della musica jazz, dai locali fumosi dell'East Long Island agli spazi sconfinati dei paesaggi americani (ben fotografati da Eric Gautier), dalle folli auto in corsa lanciate lungo la Route 66 alla ginnastica spensierata a gaudente dell'amore libero, tutto al solo scopo di poter concludere la narrazione con il messaggio consolatorio che l'esperienza sia servita almeno a raccontarla come si deve. Presentato in concorso al Festival di Cannes 2012 è un film che sembra lasciare il tempo che trova, giustificando nella misura ipertrofica del metraggio (140 min), nella buona resa del montaggio e nella bella colonna sonora, il prezzo di un biglietto che avremmo potuto senz'altro spendere meglio. 

[+] lascia un commento a gianleo67 »
Sei d'accordo con la recensione di gianleo67?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di gianleo67:

Vedi tutti i commenti di gianleo67 »
On the Road | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedý 22 giugno
Cosa sarÓ
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità