La quinta stagione

Acquista su Ibs.it   Dvd La quinta stagione   Blu-Ray La quinta stagione  
Un film di Peter Brosens, Jessica Woodworth. Con Aurélia Poirier, Django Schrevens, Sam Louwyck, Gill Vancompernolle, Peter Van den Begin.
continua»
Titolo originale La cinquième saison. Drammatico, durata 93 min. - Belgio, Paesi Bassi, Francia 2012. - Nomad Film uscita giovedì 27 giugno 2013. MYMONETRO La quinta stagione * * * - - valutazione media: 3,42 su 15 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
francisdeckhaunt mercoledì 12 settembre 2012
la quinta stagione dell'uomo Valutazione 5 stelle su cinque
87%
No
13%

AVVISO: Contiene informazioni sul finale del film. 

La Cinquième Saison è l'ultimo capitolo della trilogia, dedicata al rapporto uomo-natura, creata dalla coppia di registi Peter Brosens e Jessica Woodworth. La storia è ambientata in una piccola comunità che vive coltivando i prodotti della terra, dipendendo completamente dalla natura; ed è proprio la natura stessa che, fermando il corso delle stagioni (indimenticabile la neve che cade in piena estate), trasformerà un tranquillo villaggio in una caccia al colpevole, o meglio al capro espiatorio. Quest'ultimo altri non poteva essere che lo straniero, un apicoltore, Pol, con un figlio disabile, che viene accusato di tutto quello che sta succedendo. [+]

[+] lascia un commento a francisdeckhaunt »
d'accordo?
peer gynt venerdì 7 settembre 2012
la natura espelle l'uomo dalla terra Valutazione 2 stelle su cinque
70%
No
30%

Bell'idea iniziale, che ricorda alla lontana film come "E venne un giorno" di Night Shyamalan: il genere umano castigato dalla Natura. In un paese della campagna belga all'improvviso la Natura cessa di fare ciò che ha sempre fatto: creare, dare la vita. Tutto muore, le mucche non danno latte, le api scompaiono e il falò che dovrebbe bruciare il fantoccio dell'inverno non si accende. Un horror quieto, dalla bella fotografia che mostra paesaggi aridi e freddi, nebbie che inglobano e addormentano la vita, alberi secchi che cadono inesorabilmente. Ma dopo un ottimo inizio, incominciano a fioccare immagini allegoriche e simboli che si ispirano alle ataviche paure di una cultura contadina ancora pagana. [+]

[+] lascia un commento a peer gynt »
d'accordo?
bio24 lunedì 10 settembre 2012
candidi cieli per cupe emozioni Valutazione 5 stelle su cinque
70%
No
30%

La prima parte del film è effettivamente spensierata e il candore del cielo ammira dall’alto il rincorrersi di due giovani innamorati nella foresta. E’ inverno, come ci annuncia una scritta sullo schermo e l’assenza di foglie sugli alberi, e nel villaggio sono ormai ultimati i festosi preparativi per il consueto rito che saluta la stagione più fredda dell’anno per dare il benvenuto alla primavera. La comunità è unita, tutti ridono e ballano e se qualcuno si dimostra violento nel linguaggio viene isolato. Ma qualcosa va storto. La piramide di legna, altare predisposto per il sacrificio di Zio Inverno, non ne vuole sapere di bruciare. Da questo momento l’umore dei personaggi, gli episodi narrativi e la tonalità della musica subiscono un’accelerazione lenta ma costante e inesorabile verso il dramma più profondo. [+]

[+] lascia un commento a bio24 »
d'accordo?
pensierocivile lunedì 5 agosto 2013
uno struzzo è per sempre Valutazione 2 stelle su cinque
64%
No
36%

In un piccolo e isolato villaggio delle Ardenne il rito di saluto all'inverno è andato male, la natura perde la ciclicità delle stagioni ammantando le vite degli abitanti di grigiore, pioggia e morte: le mucche non danno più latte, i semi non germogliano più, gli alberi muoiono. La reazione umana è lo scoramento, la resa, la follia, la violenza di gruppo che si scaglia su un uomo in roulotte e su suo figlio disabile; non hanno alcun legame con la terra e per questo, identificati come causa della sventura. Ma LA QUINTA STAGIONE non è solo questo, non è solo l'eterno conflitto con l'altro, il diverso, lo straniero, è anche la ragazzina che si prostituisce in cambio di zucchero o poco altro, il commerciante che comincia a conservare insetti in barattoli per potersi sfamare o ricavare ancora denaro, il rapporto di un uomo col suo gallo. [+]

[+] xenofobia e natura moribonda (di giorgio robino)
[+] lascia un commento a pensierocivile »
d'accordo?
giorgio robino lunedì 14 settembre 2015
xenofobia e natura moribonda Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Già mentre guardavo questo "horror quieto" o film di fantapolitica", come è stato definito, ho pensato che il fim piacerebbe a registi come Bergman, a Buñuel, a Godard, a Jodoroskij (sicuramente! ed a cui si potrebbe chiedere). Quello che mi è piaciuto ma allo stesso tempo mi ha dato fastidio è la FOTOGRAFIA, ricerca troppo perfetta e statica della pittura quasi in ogni fotogramma, nei movimenti di macchina lenti e sempre con movimenti lineari non-conformi al punto di vista umano (orrizzontale): dal basso all'alto, dall'alto al basso, orrizzontali ma circolari; tutto bello c'è però un pò di autocompiacimento nel lento procedere del procedere fotografico semistatico. Sta cosa dopo un pò non la sopportavo più, ma forse poco importa perchè inquest'opera è interessante il messaggio. [+]

[+] lascia un commento a giorgio robino »
d'accordo?
angelo umana domenica 4 agosto 2013
la natura che si fa gioco degli uomini Valutazione 2 stelle su cinque
80%
No
20%

La quinta stagione è un tempo che non esiste, inventato dalla natura in un paesino del Belgio, è un inverno che rifiuta di essere scacciato via per mezzo di quella cerimonia comune a tanti luoghi dove si vive d’agricoltura (la catasta di legna bruciata con i pupazzi di cartapesta), che a latitudini venete si chiama “brusar la vecia”. E’ una piccola fine del mondo, la natura che si rifiuta di andare avanti, forse si prende gioco degli umani che nei bisogni sviluppano maggiormente le loro inimicizie e i pregiudizi, diventano l’un l’altro avversi. Nel paesino del film accade che la comunità cerchi e individui il capro espiatorio nell’allevatore d’api e “filosofo” Pol, che ha un giovane figlio in sedia a rotelle, Octave, dal papà chiamato “il giudice, l’angelo custode”. [+]

[+] la violenza commessa in massa è anonima (di angelo umana)
[+] lascia un commento a angelo umana »
d'accordo?
stefanocapasso domenica 9 febbraio 2014
cosa accade se non si chiudono le stagioni Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
100%

Attraverso il racconto di piccole storie individuali all’interno di una comunità rurale della campagna belga, “La quinta stagione” con un linguaggio paradossale di citazioni e simboli descrive cosa accade quando, per un incidente, la vita rimane imprigionata dentro l’inverno. Le stagioni che seguono, pur mantenendo il loro carattere, portano a sviluppi inaspettati. Tutto comincia d’inverno, un periodo di speranza, fertile; in questo senso, il freddo e la neve aiutano la vicinanza della comunità, gli amori sono teneri, si creano relazioni e se ne rafforzano altre. La festa che simbolicamente dovrebbe bruciare lo zio inverno pero va male; il falò non si accende. [+]

[+] lascia un commento a stefanocapasso »
d'accordo?
stefanocapasso domenica 9 febbraio 2014
cosa accade se non si chiudono le stagioni Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
100%

Attraverso il racconto di piccole storie individuali all’interno di una comunità rurale della campagna belga, “La quinta stagione” con un linguaggio paradossale di citazioni e simboli descrive cosa accade quando, per un incidente, la vita rimane imprigionata dentro l’inverno. Le stagioni che seguono, pur mantenendo il loro carattere, portano a sviluppi inaspettati. Tutto comincia d’inverno, un periodo di speranza, fertile; in questo senso, il freddo e la neve aiutano la vicinanza della comunità, gli amori sono teneri, si creano relazioni e se ne rafforzano altre. La festa che simbolicamente dovrebbe bruciare lo zio inverno pero va male; il falò non si accende. [+]

[+] lascia un commento a stefanocapasso »
d'accordo?
La quinta stagione | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | francisdeckhaunt
  2° | peer gynt
  3° | bio24
  4° | pensierocivile
  5° | giorgio robino
  6° | angelo umana
  7° | stefanocapasso
  8° | stefanocapasso
Rassegna stampa
William Goss
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 27 giugno 2013
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità