Vanishing on 7th Street

Acquista su Ibs.it   Dvd Vanishing on 7th Street   Blu-Ray Vanishing on 7th Street  
Un film di Brad Anderson. Con Hayden Christensen, Thandie Newton, John Leguizamo, Taylor Groothuis, Jacob Latimore.
continua»
Horror, durata 92 min. - USA 2010. - One Movie uscita venerdì 29 luglio 2011. MYMONETRO Vanishing on 7th Street * * - - - valutazione media: 2,48 su 30 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Un film con buoni propositi, ma mal realizzato Valutazione 2 stelle su cinque

di Riccardo76


Feedback: 6592 | altri commenti e recensioni di Riccardo76
giovedì 17 novembre 2011

L’ultimo film di Brad Anderson sembrerebbe intriso di messaggi impliciti, soprattutto filosofici. Uno tra questi potrebbe essere quello che, considerando la nostra società basata soltanto sull’immagine,essa risulti oramai arrivata sull’orlo di un baratro e non può far altro che crollare e ricominciare da zero, facendosi avvolgere dalle tenebre per rinascere in una nuova luce. La lettura si potrebbe estendere però anche al livello metacinematografico, dove un cinema ormai saturo necessiterebbe di rinnovamento, e la scena iniziale, ambientata in una sala di proiezione,  confermerebbe tale ipotesi. Infine, attraverso un’interpretazione religiosa dell’opera, la luce potrebbe rappresentare la fede, l’unica salvezza contro le tenebre del male, che stanno prendendo sempre di più il sopravvento in una società oramai quasi completamente atea e allo sbando, come si vede dalla scena finale ambientata in una chiesa dove la luce divina è simboleggiata da una candela.

Quindi, Vanishing on 7th street, sembrerebbe un valido film, con molti buoni propositi e spunti di riflessione, se non fosse per il fatto che, trattandosi di un thriller paranormale – con risvolti catastrofici e fantascientifici – esso non riesce a tenere in tensione lo spettatore, finendo per annoiarlo a morte, a causa di una struttura debole. Tanto per cominciare il film si presenta come un concentrato di cliché visti e rivisti in pellicole del passato, per citarne le migliori, E Venne il Giorno  di Shyamalan, l’Ultimo uomo della  terra  di Ragona  e  La notte dei morti viventi  di  Romero, che, se da un lato possono rappresentare eleganti citazioni, dall’altro finiscono per dare l’impressione del dejà-vu, provocando un crollo di interesse, di tensione e di attenzione dal momento in cui lo spettatore se ne rende conto. Uno dei cliché più sfruttati qui presente è la composizione del gruppo dei sopravvissuti: ritroviamo infatti puntualmente l’eroe giovane, bello e sprezzante del pericolo, poi,  il solito ferito, che, come sempre, finisce per risultare d’impaccio agli altri, quindi,  l’esperto di pronto soccorso per curare quest’ultimo – in questo caso una sedicente fisioterapista – e , infine, non poteva mancare la vittima innocente, un bambino, che spera ancora nel ritorno della madre.  Anche le situazioni risultano quelle già sfruttate a più non posso nei peggiori B-movie: i sopravvissuti braccati in un locale circondato dai mostri, la necessità di fuggire per mancanza di munizioni ( in questo caso torce e tutto ciò che fa luce),  il tentativo di recuperare un mezzo per la fuga. Già con questi elementi la tensione cala inesorabilmente, ma anche la sceneggiatura non aiuta, con le sue poche scene di suspense, ed i prolungamenti di tempo estenuanti di certe situazioni.
Anche per quanto riguarda gli effetti speciali, poi, il film scivola nel ridicolo: le ombre infatti, con i loro movimenti goffi e i loro lamenti, ricordano molto gli spiriti cattivi di Ghost, che rappresentano la parte meno riuscita di quel capolavoro; solo che in quel caso correva l’anno 1989, e perciò si poteva giustificare la grossolanità degli effetti speciali, ma non nel caso di una pellicola del 2011, con tutte le tecniche digitali a disposizione.  Infine, anche i dialoghi contribuiscono al crollo di tensione e attenzione, rallentando fastidiosamente un ritmo già di per sé lento, per non parlare della loro inconsistenza, costruiti sulla banalità più assoluta.
Ma c’è qualcosa da salvare? – Sì, ma non molto: oltre ai messaggi impliciti citati all’inizio, un piccolo colpo di scena, quasi alla fine, in cui si fa credere  allo spettatore qualcosa che in realtà non avviene realmente e il finale, che per fortuna, si distacca dalla massa dei predecessori e ci regala una poetica scena di chiusura. Tuttavia, questo non basta a far scrollare di dosso dallo spettatore una noia mortale!      

[+] lascia un commento a riccardo76 »
Sei d'accordo con la recensione di Riccardo76?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Riccardo76:

Vedi tutti i commenti di Riccardo76 »
Vanishing on 7th Street | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | cattivit
  2° | mr.duff
  3° | riccardo76
  4° | cenox
  5° | riccardo76
  6° | marsmarc
  7° | tecmec
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 29 luglio 2011
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità