L'Immortale

Acquista su Ibs.it   Dvd L'Immortale   Blu-Ray L'Immortale  
   
   
   

Grande impatto visivo, trama esile Valutazione 2 stelle su cinque

di Paolo_89


Feedback: 1678 | altri commenti e recensioni di Paolo_89
martedý 19 febbraio 2013

L’introduzione de L’immortale, muta e breve, traccia con chiarezza sufficiente la situazione narrativa di partenza del film e semina una buona dose di curiosità nello spettatore: un padre di famiglia di nome Charly Matteï viene crivellato di colpi in un parcheggio sotterraneo mentre il suo bambino aspetta che esca, sul marciapiede. La tecnica di ripresa, che accantona i movimenti fluidi nella scena della sparatoria per mostrare lo scontro con la macchina in spalla, stacchi veloci e alternanza tra ralenti e velocità normale, è anch’essa un’attrazione tecnica molto efficace; il trucco, poi, è cosi realistico da provocare repulsione, se si osserva lo stato in cui lo sventurato Charly è ridotto. Quando la narrazione prosegue, tuttavia, i virtuosismi tecnici come il montaggio parallelo, gli stacchi sul movimento di personaggi in luoghi diversi o la presenza di flashback dai colori spenti che contrastano col presente e chiariscono i retroscena, sembrano acquisire più importanza della trama stessa, che consiste in una serie di vendette, programmate ed eseguite, dall’ex boss della mafia Charly. Quando questi virtuosismi si rarefanno, si comprende più facilmente la natura esile della storia, e non ci si affeziona facilmente ai personaggi. Charly, interpretato da Jean Reno, e la poliziotta che gli dà la caccia, Marie Goldman (Marina Foïs) sono i più credibili, gli altri sembrano degli automi: la violenza brutale che trapela all’inizio del film, comprensibile in un ambiente del genere, non è smussata da alcun tratto umano o debolezza, se si esclude qualche piagnisteo in punto di morte. La tensione c’è, soprattutto in alcune scene in cui è a rischio la vita del protagonista, ma non è abbastanza forte da coinvolgere fino in fondo. Il finale aperto, che riscatta parzialmente il film e ricorda la celeberrima conclusione de I quattrocento colpi (Les Quatre Cents Coups, 1959, F. Truffaut) lascia un interrogativo insoluto: è possibile liberarsi del proprio passato, pur lasciando uno stuolo di morti dietro di sé?

[+] lascia un commento a paolo_89 »
Sei d'accordo con la recensione di Paolo_89?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
83%
No
17%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Paolo_89:

L'Immortale | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Luca Marra
Pubblico (per gradimento)
  1░ | dano25
  2░ | dario carta
  3░ | paolo_89
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdý 5 novembre 2010
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità