Blood Story

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Blood Story   Dvd Blood Story   Blu-Ray Blood Story  
Un film di Matt Reeves. Con Chloë Grace Moretz, Kodi Smit-McPhee, Richard Jenkins, Elias Koteas, Cara Buono.
continua»
Titolo originale Let me In. Horror, Ratings: Kids+16, durata 115 min. - USA, Gran Bretagna 2010. - Filmauro uscita venerdì 30 settembre 2011. - VM 14 - MYMONETRO Blood Story * * * - - valutazione media: 3,21 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La solitudine,vampiro di noi stessi Valutazione 2 stelle su cinque

di hughile.altervista.org


Feedback: 611 | altri commenti e recensioni di hughile.altervista.org
lunedì 3 ottobre 2011

Blood story è uno di quei film da cui ti aspetti il genere preannunciato dal trailer“L’horror più inquietante”per scoprire che invece di horror ha ben poco ed è prevalentemente un film drammatico,realizzato sulla base di un lungo flashback.A parte alcune sporadiche scene di sangue,il film s’incentra molto sulla storiella d’amore tra la bambina-vampiro Abby ed il piccolo dolce Owen.Un film che sembra scopiazzare,anche se molto lontanamente,la storia di Bella ed Edward in Twilight vista attraverso uno specchio ed in formato“mignon”in quanto qui è il personaggio femminile ad essere un vampiro e perché i due protagonisti sono appena dodicenni,mentre in Twilight sono più che adolescenti.Owen e Abby sono simili perché entrambi soli,lui è figlio unico di una coppia separata,vive con la madre che si sforza di seguirlo,ma nel momento più bisognoso Owen è lasciato solo a se stesso,con una madre ubriaca ed un padre assente;lei per sua natura vive isolata da tutto e tutti con un solo amico che la notte và in giro a procurarle ciò di cui ha bisogno.Ma mentre per lei il tempo non passa mai e ha dodici anni da sempre,il suo amico ormai è vecchio e stanco e non può più aiutarla.Questo film è una storia di solitudini,ogni personaggio Owen,la madre,Abby,il suo amico-padre,il bullo pur vivendo in compagnia dell’altro è in realtà un singolo che vive appartato e privato della comprensione altrui,vittima di un solo vampiro che è il sentimento di solitudine che lo mangia da dentro e che lo incupisce come la notte.E’ di sera infatti che Owen si trova sempre solo, a giocare con l’immagine sua riflessa allo specchio,a scartare caramelle,a canticchiare,a spiare il mondo intero dalla finestra della sua cameretta perché solo lì si sente al sicuro o quasi;è di sera che la madre si abbandona al sonno con un bicchiere sul comò che ha svuotato per obliarsi,che Abby può uscire ma senza poter mai essere amica di nessuno e che il suo amico va a caccia per lei,uccidendo ed occultando cadaveri ormai al limite di una crisi esistenziale perché vuole“farsi prete”.Ma solo è anche il bullo della scuola che tormenta Owen con la sua banda di compagni perché in realtà lui stesso riceve dal fratello maggiore l’identico trattamento che riserva ad Owen.La notte che isola ed emargina è però per Owen ed Abby anche lo scenario dei loro incontri che sebbene li facciano diventare amici,anche se non possono,li tengono sempre lontani dal mondo che non li vede mai.Abby diventa per Owen la sua unica confidente,la sua unica amica,la sua ragazza.Abby che combatte contro la sua natura per stargli vicino,lo ascolta e gli dà quella fiducia in se stesso che lui non ha per“Farsi rispettare”.I due comunicano con un linguaggio che non ha età,tempo,limiti,il linguaggio dell’amore,un amore puro.Owen è un figlio dimenticato da genitori anonimi ( della madre non si conosce il volto e spesso viene offuscata, del padre solo la voce),vittima di un divorzio che lo rende fragile e che neanche le continue benedizioni della madre riescono a rassicurare,un bambino che quando scopre la verità che nasconde Abby ha paura e vorrebbe l’aiuto di un adulto,ma non lo trova e così decide da solo quale sia la cosa migliore da fare per lui e quale risposta dare alla domanda di Abby:”Meglio vivere e partire o restare e morire?”Sotto questi vari profili,il film si direbbe anche molto più interessante ed attuale di ciò che ci si aspettava e totalmente estraneo al genere horror che voleva con forza calzare.

[+] lascia un commento a hughile.altervista.org »
Sei d'accordo con la recensione di hughile.altervista.org?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
54%
No
46%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di hughile.altervista.org:

Blood Story | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | igna91
  2° | andrea levorato
  3° | alespiri
  4° | riccardo76
  5° | tiamaster
  6° | lucadrago
  7° | levo95
  8° | nuno's
  9° | iacio
Critics Choice Award (2)


Articoli & News
Poster e locandine
1 | 2 | 11 | 12 | 13 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 |
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità