La solitudine dei numeri primi

Acquista su Ibs.it   Dvd La solitudine dei numeri primi   Blu-Ray La solitudine dei numeri primi  
Un film di Saverio Costanzo. Con Alba Rohrwacher, Luca Marinelli, Martina Albano, Arianna Nastro, Tommaso Maria Neri.
continua»
Drammatico, durata 118 min. - Italia, Francia, Germania 2010. - Medusa uscita venerdì 10 settembre 2010. MYMONETRO La solitudine dei numeri primi * * - - - valutazione media: 2,19 su 141 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
mtth lunedì 17 gennaio 2011
l'approssimatezza dei numeri primi Valutazione 1 stelle su cinque
92%
No
8%


Può accadere - fra un equivoco e un trucco, tra tempi (inutilmente) dilatati e fastidiosi sussurri - che il gioco funzioni, e che almeno si trovi una parvenza formale di temi alti.
Il minimalismo citazionista può essere frainteso per opera autoriale.
Ma non qui, non si corre questo rischio durante o dopo la visione del film di Costanzo. Non v'è traccia della solitudine esistenziale che si vorrebbe restituire, del tormento che resta tutto da inferire. Se il libro peccava di superficialità, il film ne fa fare indigestione.
Neppure inavvertitamente sfugge di mano un guizzo che accarezzi la materia di cui è fatto l'inconscio, il lineamento di un personaggio. [+]

[+] lascia un commento a mtth »
d'accordo?
erixon lunedì 5 marzo 2012
terribile Valutazione 1 stelle su cinque
78%
No
22%

Il romanzo è un caso letterario pompato da premi comprati e pubblicità gratuita, essendo edito da Mondadori. La massa purtroppo ne parla come un capolavoro. Buchi e incongruenze, principalmente irrealtà. Qualità che non sono certo adducibili al neo-realismo. E, se già il libro presenta scarsezza di realtà, nonostante il tentativo dell'Autore diinquadrare le concrete difficoltà di un "disadattato" nell'interfacciarsi col mondo sociale, il film rende ancora più metafisica ergo impossibile la consecutio della trama con silenzi infiniti, flashback malamente intrecciati, scelte di casting errate (eclatante la diversità tra l'Alice adulta, Alba Rohrwacher, e l'Alice bambina, Martina Albano). [+]

[+] lascia un commento a erixon »
d'accordo?
popsa1111 lunedì 13 settembre 2010
pessimo film Valutazione 1 stelle su cinque
58%
No
42%

Il film tenta disperatamente di dare colore a un romanzo che seppur diventato un bestseller risultava scialbo, banale, un'incolore impresa commerciale progettata a tavolino sfruttando i mali della società contemporanea. Saverio Costanzo non vi è riuscito.Il film risulta lento, la narrazione procede attraverso una sequenza di flashback e flashforwards caotica irrazionale e priva di ritmo al punto da risultare irritante. La scrittura è lacunosa e mancano passaggi importanti per la sua comprensione al punto tale da non riuscire, nonostante la drammaticità della storia raccontata, a emozionare per nulla. Nel complesso un pessimo film, sicuramente da non andare a vedere.

[+] lascia un commento a popsa1111 »
d'accordo?
great steven venerdì 5 settembre 2014
trasposizione labile, mancante di nerbo ed energia Valutazione 2 stelle su cinque
100%
No
0%

LA SOLITUDINE DEI NUMERI PRIMI (IT, 2010) diretto da SAVERIO COSTANZO. Interpretato da ALBA ROHRWACHER – LUCA MARINELLI – ISABELLA ROSSELLINI – ROBERTO SBARATTO – MAURIZIO DONADONI – FILIPPO TIMI § Scritto dal regista con Paolo Giordano, autore del fortunato romanzo, e spinto da un produttore lungimirante che ne aveva comprato i diritti prima che diventasse un best-seller, è il 3° film di Costanzo, e il 1° su commissione, frutto di un’operazione difficile e ambiziosa: farne qualcosa di nuovo e diverso. Costanzo ne ha fatto “un horror sentimentale sulla famiglia” (parole sue) e la sua impossibile emancipazione, citando Bava, Argento e Kubrick (con occhiate a Polanski e Bellocchio) e circondandosi di collaboratori affidabili o di moda tra cui il poliedrico, quasi schizofrenico, musicista californiano Mike Patton, ma anche i Goblin nelle sequenze iniziali. [+]

[+] lascia un commento a great steven »
d'accordo?
stefano capasso lunedì 6 aprile 2015
arrendersi al dolore Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Alice e Mattia hanno avuto un infanzia difficile, segnata in primo modo dall'impossibilità di vivere i loro anni come avrebbero avuto diritto di fare. Si incontrano nell'adolescenza, frequentano lo stesso liceo, e di li cominceranno una relazione fatta di piccoli avvicinamenti e grandi lontananze. Il loro è un lungo travaglio che li porterà finalmente in età matura ad arrendersi l'un l'altro.

Saverio Costanzo dirige un film dalle tinte forti, sono di grande impatto la colonna sonora e la fotografia, che creano una forte sensazione di dentro fuori. [+]

[+] lascia un commento a stefano capasso »
d'accordo?
ultimoboyscout mercoledì 29 agosto 2012
numeri speciali, sospettosi e solitari. Valutazione 1 stelle su cinque
0%
No
0%

Gli anni dell'infanzia sono stati particolarmente difficili per Alice e Mattia, ed entrambi ne sono rimasti segnati, nell'animo e nella mente. L'incontro delle loro solitudini, però, potrebbe aprire uno spiraglio di felicità. Saverio Costanzo porta sullo schermo il best-seller di Paolo Giordano: affrontare un romanzo di successo non è mai facile, Costanzo lo fa con incredibile sensibilità e intelligenza, ma il risultato è scadente. Lo reinterpreta, evitando di mettere le pagine in immagini, da uno stile pop nel raccontare le storie di queste due anime afflitte e tormentate, non riuscendo  a dare loro il giusto spessore, forse anche a causa di attori non in stato di grazia. [+]

[+] lascia un commento a ultimoboyscout »
d'accordo?
viola96 sabato 24 settembre 2011
indecifrabile. Valutazione 3 stelle su cinque
50%
No
50%


Il cinema italiano di qualità è destinato,in un modo o nell'altro,a farsi da parte,minacciato dal crescente dominio delle commediole che incassano tanto e che non si ritraggono quasi mai.Il poco cinema Italiano che non sia prevalentemente commerciale è sotto ostaggio della politica(specialmente della Sinistra),dell'ecumenismo in genere,dell'assordante e liberatoria auto-proclamazione di classe elevata.Tratto da un romanzo discretamente riuscito di Paolo Giordano,"La solitudine dei numeri primi" è un'attenta contemplazione sul significato del dolore e sulla dolorosità della cura.Costanzo,che ha un tocco vagamente neo-realista e che si auto-importa nel buio e triste caos amniotico della vicenda,non riesce nell'impresa di trasportare sul grande schermo un romanzo di puro stampo sociale senza quindi incappare nel patetismo delle figure. [+]

[+] buona recensione ma la politica che c'entra? (di alessandro vanin)
[+] lascia un commento a viola96 »
d'accordo?
francesco2 domenica 17 luglio 2011
rovinare sempre tutto..per colpa della solitudine? Valutazione 2 stelle su cinque
33%
No
67%

Le prime scene ci mostrano una recita di cui sono protagonisti i due giovani protagonisti, allora bambini: non sappiamo subito che si tratta di una recita, perdipiù non certamente priva -Con contorni soft- di quella dimensione "Horror" che secondo vari giudizi, non a torto pervade parzialmente il film. Non sapendo se esista o meno nel libro una situazione del genere (L'incipit vero e proprio è comunque diverso), è possibile leggerlo come un suggerimento, meno didascalico probabilmente a vedersi di quanto possa apparire in questa recensione: la vita è una recita,e più che mai lo è per dei numeri primi come Alice e Mattia, (auto?) condannatasi alla solitudine ed a un certo grado di isolamento dal mondo. [+]

[+] lascia un commento a francesco2 »
d'accordo?
ralphscott mercoledì 22 settembre 2010
il meglio all'inizio Valutazione 2 stelle su cinque
38%
No
62%

Inizio strepitoso. Una lunga,spaventosa sequenza,dove le maschere della recita scolastica vengono inquadrate vorticosamente; la musica  che Morricone scrisse per "L'uccello dalle piume di cristallo" come protagonista sublime ed assoluto. In seguito,una sceneggiatura servile nei confronti del romanzo originale,affastella troppe dinamiche non sempre secondo logica,omettendone  molte altre.. Le vicende che segnano la vita di Alice e Mattia,vengono montate solo nell'ultima parte del film,contribuendo a confondere lo spettatore. Assurda la deriva lesbo tra Alice e Viola,in luogo dell'attrazione omo tra Matteo ed il suo paffuto compagno di banco. La Rohrwacher piace o irrita. [+]

[+] lascia un commento a ralphscott »
d'accordo?
goldy venerdì 10 settembre 2010
eccessivo Valutazione 2 stelle su cinque
46%
No
54%

Pur essendo i rapporti famigliari e scolastici descritti con inquadrature inequivocabili che motivano l'abisso di solitudine nel quale i due ragazzi sviluppano il rispettivo percorso affettivo non si può non obiettare che tutto in questo film è improntato a un insopportabile eccesso. Anche di fronte a una dolente inadeguatezza del vivere come questa raccontata nella storia, si sente la necessità di una certa qual ironia per alleggerire uno stile insopportabilmente greve. Santo cielo! Quanti giovani che andranno a vedere il film avranno vissuto gli stessi disagi ( se si esclude l'episodio della sorellina gemella) e non per questo avranno rinuciato a lottare per una loro felicità. [+]

[+] credo che .... (di dubbiosa)
[+] lascia un commento a goldy »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 »
La solitudine dei numeri primi | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | mtth
  2° | erixon
  3° | popsa1111
  4° | great steven
  5° | stefano capasso
  6° | viola96
  7° | ultimoboyscout
  8° | francesco2
  9° | goldy
10° | ralphscott
11° | luigi.blu
12° | rhino
13° | pietro muratori
14° | molinari marco
15° | nicolac
16° | hatecraft
17° | spike
18° | leonor
19° | arscritica
20° | tuesday
21° | jayan
22° | anna1
23° | m.d.c
24° | stefano73
25° | ginger snaps
26° | francesca50
27° | zozner
28° | cesare antonio borgia
29° | francesco giuliano
30° | kalibano
31° | vanreese
32° | jewel
33° | giulinet
34° | paride86
35° | maurizio
36° | domenico a
37° | giorgios23
38° | giugy3000
39° | graves
Nastri d'Argento (7)
David di Donatello (4)


Articoli & News
Approfondimenti
a venezia 2010
Libri
il libro
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 10 settembre 2010
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità