MYmovies.it
Advertisement
Inception: per DiCaprio il film è complesso e ambiguo

Uscite quattro nuove immagini del film.
di Marlen Vazzoler

Una narrazione su più livelli
Lukas Haas (43 anni) 16 aprile 1976, Los Angeles (California - USA) - Ariete. Interpreta Nash nel film di Christopher Nolan Inception.

mercoledì 14 aprile 2010 - News

Una narrazione su più livelli
Pochi giorni fa Hero Complex ha postato la sua visita sul set inglese dell'atteso thriller di Christopher Nolan, Inception, una delle pellicole più ambiziose del regista, girata in Marocco, Francia, Giappone e in altre tre nazioni e finanziata da un budget di 160 milioni di dollari. Protagonista del film è Dom Cobb (Leonardo DiCaprio) uno specialista di una nuova branca dello spionaggio, un ladro di sogni che sottrae segreti dalle menti dopo aver iniettato droghe nei soggetti e averli collegati ad un misterioso apparecchio, il contraption. Il suo unico problema nel suo lavoro è il suo passato che l'ha reso un sognatore ferito dopo la morte dell'adorata moglie.
La pellicola che potrebbe essere la prima rapina esistenzialista prodotta ad Hollywood viene promossa come un prodotto con le parti cervellotiche di Mission Impossible viste alla Matrix. Un film ambientato in giro per il mondo in cui il protagonista può aver avuto il suo subconscio imballato da Sigmund Freud, ma avere un passaporto timbrato da Ian Fleming.
"Complesso e ambiguo sono il modo perfetto per descrivere la storia" ha detto DiCaprio in una recente intervista telefonica al Los Angeles Times. "E sarà una sfida riuscire a renderlo. Ma questo è ciò che Chris Nolan è specializzata a fare. È stato in grado di trasmettere narrazioni davvero complesse che operano su una moltitudine di livelli diversi... e renderli interessanti e coinvolgenti. Guardi Insomnia o Memento, questi film lavorando su così tanti livelli diversi. Questa è la sua esperienza: è ciò che fa meglio, è un dato di fatto".
Un progetto che nasce nell'adolescenza
N olan pensava di fare questa pellicola da quando aveva 16 anni: "Ho scritto la prima bozza dello script sette o otto anni fa, ma risale a molto più in là, questa idea di avvicinare il sogno e la vita del sogno in un altro stato della realtà. [In un sogno] è possibile guardarsi intorno ed esaminare i dettagli e raccogliere una manciata di sabbia sulla spiaggia" ha detto Nolan. "Non ho mai particolarmente trovato un limite a ciò, vale a dire che, mentre si è in quello stato, il tuo cervello può riempire tutta quella realtà. Ho cercato di lavorare che l'idea della manipolazione e della gestione di un sogno cosciente, una capacità che queste persone hanno. In realtà, lo script si basa su quelli comuni, esperienze e concetti molto basici, e dove ti possono portare? L'unica idea stravagante che il film presenta, in realtà, è l'esistenza di una tecnologia che consente di inserire e condividere lo stesso sogno di qualcun altro".
La scelta di utilizzare DiCaprio ha portato dei cambiamenti nella sceneggiatura che l'anno resa più accessibile agli spettatori: "Ho inserito buona parte delle sue idee. Leo è molto analitico, in particolare dal punto di vista del personaggio, ma anche su come funziona la storia ed è collegata al suo personaggio... In realtà è stata una interessante serie di conversazioni, e credo che abbiano migliorato il progetto enormemente. Penso che la vita emotiva del personaggio ora guidi la storia più di quanto facesse prima".

Cos'è Inception?
Ma quanto Nolan ha cambiato la versione originale di Inception? "Originariamente l'ho scritto come un film su una rapina, che tradizionalmente sono deliberatamente molto superficiale in termini emotivi. Sono frivoli e glamour, e in loro c'è una specie di patina e divertimento. Originariamente ho cercato di scriverlo in quel modo, ma quando ci sono tornato sopra mi sono reso conto che - per me - non funzionava un film che si affida così pesantemente sul concetto dello stato interiore, l'idea del sogno e della memoria. Mi resi conto che avevo bisogno di alzare la posta emotiva in gioco. Ciò che abbiamo trovato lavorando su Batman è che è l'emotività che collega meglio il pubblico con il materiale. I problemi del personaggio, queste sono le cose che tirano il pubblico verso di sé e amplificano l'esperienza non importa quanto strane possano essere le cose".
Nolan quando deve descrivere la pellicola, pensa spesso ad un labirinto, utilizzato come tema principale della campagna virale. "Pensate ad un film noir e immaginate la storia in un labirinto, non volete stare a guardare i personaggi da sopra il labirinto mentre fanno le scelte sbagliate, perché è frustrante. In realtà si vuole essere nel labirinto con loro, girando al loro fianco, che lo rende più eccitante... mi piace molto essere in quel labirinto".
Una versione non finita della pellicola potrebbe essere inoltre diretta a Cannes, le voci nelle ultime settimane si sono fatte sempre più consistenti. Inception uscirà nei cinema italiani il 3 settembre.

Gallery


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati