Advertisement
Cyrus: John C. Reilly, il grande caratterista

Un ruolo confezionato su misura dai fratelli Duplass.
di Nicola Falcinella

Una combinazione di ruoli
John C. Reilly (John Christopher Reilly) (57 anni) 24 maggio 1965, Chicago (Illinois - USA) - Gemelli. Interpreta John nel film di Jay Duplass, Mark Duplass Cyrus.

martedì 10 agosto 2010 - Incontri

Una combinazione di ruoli
Sorridente, disponibile e, a ragione, soddisfatto del film che ha portato a Locarno e del suo personaggio. È John C. Reilly, protagonista del buon Cyrus dei fratelli Jay e Mark Duplass. L'attore, che ha lavorato per De Palma, Allen, Malick, Altman, è stato in tre film di Paul Thomas Anderson (Sydney, Boogie Nights e Magnolia), nonché in The Hours e in Chicago, è noto soprattutto come grande caratterista e negli Usa come comico per la partecipazione a popolari show televisivi.
"Se chiedete di me ai giovani sotto i 20 anni mi conoscono per questi show, queste 'stupidaggini' che poi mettono in internet e rivedono" dice ridendo.

Invece questo John, divorziato che incontra la donna dei sogni ma si trova l'ostacolo del figlio ventunenne di lei, Cyrus, com'è?
È una combinazione dei ruoli che ho fatto fino adesso, è una combinazione di drammatico e di comico. Mi è piaciuto fare un uomo della mia età, con una certa maturità e tutte le cicatrici della vita. Ho dato molto emozionalmente al film, abbiamo improvvisato molto e abbiamo girato in ordine cronologico. Questo è stato d'auto, perché di solito non si fa e la difficoltà maggiore è ricordare a che punto dell'evoluzione psicologica del personaggio è la scena che bisogna fare.

Come si è preparato?
Mi sono preparato a essere impreparato! È stata una sfida, ma i Duplass mi davano conferma che le mie sensazioni sul set erano giuste. Un film di solito è la visione del regista, sei nelle sue mani, un suo strumento. Qui capitava che mi dicessero: non dire una parola di quel che c'è in sceneggiatura, vai d'istinto, sai cosa devi fare. In più non hanno voluto che frequentassi Jonah Hill, l'attore che fa Cyrus, prima del film, in modo che il nostro rapporto si evolvesse con quello dei personaggi.

I registi hanno detto di aver scritto il film su di lei.
Mia moglie è una produttrice indipendente e qualche anno fa mi fece vedere il loro The Puffy Chair. Ebbi occasione di parlarne bene sui giornali e di incontrare loro. Gli dissi: quando mi vorrete, sono pronto a lavorare con voi. Così quando mi hanno contattato con questa proposta non potevo rifiutare. È una cosa romantica e bellissima quando uno scrive un film su di te. E rara: non potevo dire di no! In più è raro che i registi ti lascino improvvisare tanto, quando si tratta di denaro ci vuole coraggio e follia per rischiare.

Però negli Usa il film sta andando bene.
Sono cattolico e mi sento in colpa quando i film non ripagano le spese! Sono contento quando le persone che si son prese dei rischi per fare un film vengono ripagate. Questo è un film difficile da vendere, drammatico e buffo insieme, è difficile da riassumere in poche parole, c'è bisogno del passaparola degli spettatori. Sono contento che non l'abbiamo promosso come un nuovo Step Brothers perché questo è più complesso. Ma negli Usa bisogna lottare per fare dei film d'arte. Si è considerato pazzi se non si è interessati primariamente al ritorno economico. Nei paesi dove è più difficile fare blockbuster è più semplice film d'arte, prendiamo adesso la Romania. A volte mi vien voglia di essere un attore europeo. Ma devo imparare le lingue!.

Com'è stato lavorare con due fratelli?
Bello! Di solito due registi che lavorano insieme si dividono i compiti, uno più tecnico, l'altro più creativo. invece loro no, parlavo di tutto con entrambi.

E la battuta "Io sono Shrek" quando è nata?
Ah ah! Sul set. L'ho pensata io, mi è venuto naturale pensare a lui. Shrek è la prova che c'è un altro modo di essere affascinante con le donne. E lui conquista la ragazza!.

Le piacerebbe doppiare un personaggio di un'animazione?
Ne ho già fatti un paio piccoli, mi piacerebbe farne altri. Anzi, sono in trattative per due. Staremo a vedere.

Gallery


Jonah Hill (Jonah Hill Feldstein) (38 anni) 20 dicembre 1983, Los Angeles (California - USA) - Sagittario. Interpreta Cyrus nel film di Jay Duplass, Mark Duplass Cyrus.
Come si è preparato?
Marisa Tomei (57 anni) 4 dicembre 1964, New York City (New York - USA) - Sagittario. Interpreta Molly nel film di Jay Duplass, Mark Duplass Cyrus.
Però negli Usa il film sta andando bene.
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati