Il grande sogno

Acquista su Ibs.it   Dvd Il grande sogno   Blu-Ray Il grande sogno  
Un film di Michele Placido. Con Riccardo Scamarcio, Jasmine Trinca, Luca Argentero, Massimo Popolizio, Alessandra Acciai.
continua»
Drammatico, durata 101 min. - Italia, Francia 2009. - Medusa uscita venerdì 11 settembre 2009. MYMONETRO Il grande sogno * * 1/2 - - valutazione media: 2,58 su 90 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

il sogno grande e il sogno piccolo Valutazione 3 stelle su cinque

di Andrea D


Feedback: 435 | altri commenti e recensioni di Andrea D
giovedì 17 settembre 2009

Ho visto questo film in un cinema del quartiere San Lorenzo a Roma, a poche centinaia di metri da quella città universitaria in cui il nuovo lavoro di Placido è in gran parte ambientato. Aiutato da un'atmosfera favorevole, mi sono fatto dare una mano dalla puntuale magia del cinema e sono andato a fare una visita, seppure romanzata, in un'epoca nella quale non ho vissuto. Il film parte bene con la ricostruzione di un ambiente, di un'atmosfera, al di fuori e all'interno della mura della Sapienza, senza far mancare qualche ammiccamento nei confronti dei giovani, non solo quelli che si rivoltavano contro i professori trionfi e bachettoni (specie non estinta), ma soprattutto di quelli seduti in sala tra il pubblico, come per guardagnarsi un consenso e incuriosire: non è poi cambiato così tanto, sembra dirci quello che vediamo. Lo studente che apostrofa non delicatamente un professore, invitandolo ad un risveglio dal torpore culturale di cui la lezione è imbevuta, è Luca Argentero, migliore attore maschile, assolutamente convincente nel ruolo dello studente che si ribella e inizia a chiamare "compagno" ognuno di quelli che occuperanno l'università. Ma non tarda ad arrivare il volto femminile, Jasmine Trinca, in quella che è una performance misuratissima, praticamente perfetta. Lei è una ragazza di educazione cattolica, dell'opinione che il sogno di modificare la società si debba radicare innanzitutto in un cambiamento dell'istruzione universitaria, costruita per i figli dei borghesi (come la stessa città universitaria, appunto, da Mussolini) e da destinare all'accessibilità da parte di tutti. Il punto estremo di Argentero trova così un freno in un terreno più riflessivo e meno utopista, una via mediana di compromesso. Ma c'è un terzo punto di vista, quello del poliziotto (Riccardo Scamarcio, qui in una prova sufficiente, forse perché ben diretto), un poliziotto che vorrebbe in realtà essere un attore, e che cede alla passione artistica nel momento in cui, inviato come spia tra gli studenti, si infatua del personaggio della Trinca, decidendo di non denunciarla. E' quindi apprezzabile che Placido non abbia preso esclusivamente la parte di chi si rivolta, ma anche esplorato la posizione di chi si trovava a dover contrapporsi alla ribellione. Vediamo poliziotti picchiati, o ufficiali che si rifiutano di ricorrere a una risposta violenta, la solita repressione che diventa la soluzione. La pellicola, di conseguenza, non opta per una suddivisione manichea, ma per una esposizione alternata di macrostoria e microstoria. Quello che ci si vuole dire è che gli aspetti di un qualsiasi problema collettivo dovrebbero essere analizzati a livello individuale per essere giudicati; bisognerebbe avvicinarsi col microscopio alle entità umane che sono al di sotto delle bandiere e osservare la loro personale ed esclusiva quotidianità: ed è per questo che il film pian piano si chiude verso questo microcosmo, facendo sfumare un po' - troppo, forse - la Storia alle spalle, focalizzando la vicenda dei tre ragazzi e delle persone che a loro ruotano intorno, in particolare i familiari, che sono lì, con i loro problemi e le loro diversità, a far capire che non è tutto semplicisticamente riducibile ad un conflitto tra due estremi. Peccato per la retorica del finale, un po' da "Notte prima degli esami". Serve ancora fare film di questo tipo? Non so. Però so che domani, quando tornerò a studiare nella biblioteca di quell'università, non la guarderò con gli stessi occhi.

[+] lascia un commento a andrea d »
Sei d'accordo con la recensione di Andrea D?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
33%
No
67%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
maryluu giovedì 17 settembre 2009
complimentoni
100%
No
0%

Complimenti Andrea, hai scritto praticamente tutto quello che avrei scritto io. Sono pienamente d'accordo. Anche secondo me Argentero è stato davvero il migliore. Bello e bravo. Il film è molto interessante, soprattutto storicamente. Applausi a Placido dunque. Bacioni

[+] lascia un commento a maryluu »
d'accordo?
reiver venerdì 18 settembre 2009
cavolo
0%
No
0%

t'avevo lasciato un chilometro di commento ma non l'ha pubblicato...Uff...

[+] lascia un commento a reiver »
d'accordo?
reiver venerdì 18 settembre 2009
...
0%
No
0%

Intanto ti rifaccio i complimenti per la recensione,poi domani torno a scrivere...che cavolo di sito!!!

[+] lascia un commento a reiver »
d'accordo?
andrea d venerdì 18 settembre 2009
per ivano
0%
No
0%

E' vero, il sito dà dei problemi. Io per sicurezza prima di pubblicare qualcosa di lungo salvo sempre tutto, nel caso scompaia tutto....

[+] lascia un commento a andrea d »
d'accordo?
marezia venerdì 18 settembre 2009
complimenti anche da parte mia.
0%
No
0%

Però, però... premettendo che lo vedrò molto a breve credo che 3 stelle siano poche. Dalla tua recensione io non deduco difetti o, peggio, una interpretazione in malafede di quegli anni e cioè troppo sessantottina o troppo conservatrice e questo è molto. Quanto poi al passaggio dalla macrostoria alla microstoria penso che Placido abbia fatto un po' quello che Gaber fece con la sua canzone chiamata "Chiedo scusa se parlo di Maria" e io sono d'accordo; ceto, i critici meno perché evidentemente sordi durante la conferenza stampa non hanno voluto capire il progetto che vi era dietro e poi forse nemmeno questo è il vero problema. Placido è un uomo coraggioso, tenace e non etichettabile, libero e in gamba e questo in Italia è un difetto. [+]

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia venerdì 18 settembre 2009
testo
0%
No
0%

Chiedo scusa se parlo di Marianon del senso di un discorso, quello che mi vienenon vorrei si trattasse di una cosa miae nemmeno di un amore, non conviene./Quando dico "parlare di Maria"voglio dire di una cosa che conosco benecertamente non è un tema appassionantein un mondo così pieno di tensionecertamente siam vicini alla pazziama è più giusto che io parli di Maria la libertàMaria la rivoluzioneMaria il Vietnam, la CambogiaMaria la realtà./Non è facile parlare di Mariaci son troppe cose che sembrano più importantimi interesso di politica e sociologiaper trovare gli strumenti e andare avantimi interesso di qualsiasi ideologiama mi è difficile parlare di Maria la libertàMaria la rivoluzioneMaria il Vietnam, la CambogiaMaria la realtà. [+]

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
andrea d sabato 19 settembre 2009
per marezia
0%
No
0%

Ciao Marezia, grazie per il testo della canzone. Effettivamente può rispecchiare quello che è anche l'intento di Placido nel film. Quanto alle tre stelle, c'è da dire, oltre al fatto che ci sono un po' troppi ammiccamenti iniziali ai giovani, che la seconda parte, e in particolare il finale, sono un po' tirati via di fretta. Soprattutto la fine, che sembra quella di "Notte prima degli esami", e non è un difetto da poco per un film che aveva retto bene. Nel complesso, poi, si ha l'impressione di vedere un'opera valida ma certamente non un film indimenticabile, e non sicuramente ai livelli di coesione di "Romanzo Criminale".

[+] lascia un commento a andrea d »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
vabbeh,
0%
No
0%

"Romanzo criminale" è sicuramente un'altra cosa, davvero PERFETTO e da Oscar tanto sembra poco italiano però 3 stelle a naso mi sembrano ingenerose. Insomma, molte volte le intenzioni sono più importanti dell'esito delle stesse e se quest'ultimo riesce nella sostanza anche i difetti passano in secondo piano anche perché, parliamoci chiaro, se una giornalista di "El Paìs" arriva a mettere in relazione l'organigramma di una società che fa cinema con la politica denigrando per questo ciò che dovrebbe essere considerato di per sé e cioè un film allora di che cosa parliamo? Della critica o della politica? Placido ha fatto benissimo a tacciare quella domanda di stupidità e a parlare di ipocrisia.

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
/2
0%
No
0%

Ed è stato un signore perché ha ribattuto con osservazioni elementari, indiscutibili. Chissà come mai cambiano le società ma non cambia il risultato: tanto polverone e poca onestà intellettuale. Io se fossi Placido non parlerei più con giornalisti e critici, non ne vale la pena.

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
fine
0%
No
0%

E quindi spero che il pubblico non si faccia fregare né dai nostalgici del '68 né dai detrattori di Berlusconi infiltrati un po' ovunque e premino l'onestà (e il Cinema italiano) quindi 4 stelle sulla fiducia. Alla prossima.

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
errore
0%
No
0%

premi

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
p.s.
0%
No
0%

E poi i film diretti da Placido sono generosi, spettacolari, pensati per il pubblico, per emozionarlo e lasciargli dentro qualcosa. Si sa, è per questo che nonostante tutto e tutti è amato da chi conta e cioè noi. Loro andassero in gondoleta...

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
vabbeh/errore
0%
No
0%

"il" film. (E' meglio.)

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
andrea d sabato 19 settembre 2009
ancora per marezia
0%
No
0%

Marezia, a quale episodio di critica ti riferisci? Comunque appena vedi il film fammi sapere. Io darei 4 stelle a "Romanzo Criminale", ma fidati che per questo film sarebbero di troppo. E' molto carino, con dei momenti davveroo riusciti, ma non eccezionale.

[+] lascia un commento a andrea d »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
la conferenza stampa del suo film.
0%
No
0%

Cerca "www.vivacinema.it". Ne vale la pena: è l'emblema della inutilità degli incontri con la stampa se la stampa è gestita come purtroppo accade oggi giorno e, caso strano, sempre a danno degli stessi. Facessero le pulci a Garrone che ha passato l'estate in Sardegna con Mora e tanti altri presunti vip... Ma figurati se si permettono...

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
senz'altro.
0%
No
0%

Per il momento ho recensito solo "Cosmonauta" e "Tris di donne

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
marezia sabato 19 settembre 2009
etc etc"
0%
No
0%

(il titolo mi fa veramente schifo e quindi il cervello si rifiuta di ricordarlo esattamente) perché erano i più a rischio, a presto per questo. P.S. "Romanzo criminale" è da 5 stelle... 6, 7, tutto il firmamento. Ciao

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
andrea d domenica 20 settembre 2009
ho recensito...
0%
No
0%

..."Basta che funzioni", il nuovo film di Allen, se ti va di dare un'occhiata. Ciao!

[+] lascia un commento a andrea d »
d'accordo?
marezia domenica 20 settembre 2009
certo che mi va.
0%
No
0%

E' sempre un piacere leggere i tuoi scritti.

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
luana lunedì 21 settembre 2009
buon per te,,,
0%
No
100%

Ti è servito lo sguardo di Placido per vedere l'Università sotto altri occhi.Che Sapienza...ma fammi il favore..e non vado oltre..Ma l'OLTRE è chimera di pochi.Bye bye e continua con le tue esercitazioni foristiche.Hai l'approvazione di Marezia..sai che guadagno...Guadagni parecchi crediti...ma svegliati..esci dai film in questo modo almeno e impara ad entrare nella VITA.

[+] lascia un commento a luana »
d'accordo?
marezia martedì 22 settembre 2009
anche con lui ce l'hai?
0%
No
0%

Parli di VITA... lo conosci l'adagio: Vivi e lascia vivere?

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
andrea d martedì 22 settembre 2009
per luana
0%
No
0%

Gli autori di cinema ci sono anche per questo, per far vedere le cose sotto altri occhi e non sempre gli stessi. Il monolitismo non mi appartiene, forse è roba tua.

[+] lascia un commento a andrea d »
d'accordo?
luana mercoledì 23 settembre 2009
per andrea d..scusami...
0%
No
0%

Giusto il tuo approccio agli autori di cinema ed altro...mi chiedevo solo come certe pappette edulcorate possano incidere ( ma è tutto relativo)...devi essere una persona molto aperta e "affamata" colta e misurata ma guardati e riguardati il Carpe Diem ("L'attimo fuggente") perchè quello è un film che parla di rivoluzione vera..ma è più sottile, più disturbante, più facilmente eliminabile come le più scomode verità...Ciao. Luana. In realtà sono dispiaciuta per il mio intervento un po' veemente..un po' volgare..un po' demente cmq aggressivo.

[+] lascia un commento a luana »
d'accordo?
andrea d mercoledì 23 settembre 2009
l'attimo fuggente
0%
No
0%

E' ovvio che siamo lontani da "L'attimo fuggente", che poi era un film molto meno politico, sulla poesia.

[+] lascia un commento a andrea d »
d'accordo?
marezia giovedì 24 settembre 2009
ad andrea d
0%
No
0%

Non le credere. Se abbassi la guardia ora ti attaccherà di nuovo, fa sempre così.

[+] lascia un commento a marezia »
d'accordo?
luana venerdì 25 settembre 2009
per andrea d
0%
No
0%

Sì è vero " sul diventare cio' che si è" ma all'interno di un sociale. Non mi sono mai sentita sedotta dalla politica..ho vissuto il post '68..i tempi di Moro per intenderci..ero ancora molto giovane e ti assicuro che la notizia del rapimento è suonata come prevedibile, dopo una quasi assuefazione a delitti, gambizzazioni e rapimenti quotidiani.Allora mi scocciavo perchè alle superiori c'era sempre sciopero "contro i fasci", per cui nelle ore perse andavo con le mie amiche in bar eleganti dove proprio i "fasci"..i " sanbabilini" (Milano) ci offrivano caffè e cappucccini.Li ho vissuti come tempi pessimi,ma so che c'erano persone e licei dove si discuteva molto e produttivamente.Voglio dire allora la politica mi sembrava l'unica possibilità di aggregazione e la cosa non mi piaceva. [+]

[+] lascia un commento a luana »
d'accordo?

Ultimi commenti e recensioni di Andrea D:

Il grande sogno | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | olgadik
  2° | giorgio47
  3° | raffaella langiulli
  4° | paioco89
  5° | nino pell.
  6° | francesco2
  7° | jayan
  8° | ele-sb-
Festival di Venezia (1)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 11 settembre 2009
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità