La terra degli uomini rossi - Birdwatchers

Film 2008 | Drammatico 108 min.

Regia di Marco Bechis. Un film con Abrisio da Silva Pedro, Alicelia Batista Cabreira, Ademilson Concianza Verga, Ambrosio Vilhava, Claudio Santamaria. Cast completo Genere Drammatico - Italia, Brasile, 2008, durata 108 minuti. Uscita cinema martedì 2 settembre 2008 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 3,12 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La terra degli uomini rossi - Birdwatchers tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un suicidio scatena la ribellione degli indio di Mato Grosso do Sul contro i locali fazendeiros. A guidarla sono Nadio e uno sciamano. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento. In Italia al Box Office La terra degli uomini rossi - Birdwatchers ha incassato 347 mila euro .

La terra degli uomini rossi - Birdwatchers è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,12/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,31
CONSIGLIATO NÌ
Un film di forte denuncia morale e politica che non assume mai la dimensione del pamphlet.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

2008, Mato Grosso do Sul (Brasile). Le attività economiche della zona sono legate allo sfruttamento in coltivazioni transgeniche dei terreni che in passato appartenevano agli indios e nelle visite guidate a turisti interessati al birdwatching. Lo status quo viene bruscamente interrotto quando Nádio, la guida ascoltata di una comunità indio decide di non poter sopportare lo stillicidio di suicidi di giovani senza più speranza. Inizia così una ribellione pacifica finalizzata a ottenere una restituzione delle terre indebitamente confiscate. Accanto a lui ci sono suo figlio e il giovane apprendista sciamano Osvaldo. I fazenderos inizialmente reagiscono cercando di frenare le spinte più estremiste del loro campo ma comunque ben decisi a non cedere neppure un ettaro di terra agli indios.
I Guarani Kaiowá sono un popolo indio che fin dal '600 (ricordate Mission?) hanno subito persecuzioni per non aver accettato l'opera di evangelizzazione dei gesuiti. Ancora oggi, nel Brasile di Lula, la loro sorte è quella di sopravvivere nel degrado delle riserve senza alcuna speranza nel futuro. Così come nelle riserve vivono gli splendidi neoattori di questo film che Bechis ha realizzato con la consueta passione civile unita a una grande lucidità intellettuale.
Il futuro che rischia di trasformarsi per molti giovani in un corpo che penzola da un cappio appeso a un albero sta all'origine di una vicenda che ha nella prima sequenza la sua chiave di lettura. Dei birdwatchers percorrono un fiume su una barca a motore quando, all'improvviso, su una riva compaiono degli indios con archi e frecce. Una volta che i turisti si sono allontanati quegli stessi indios...(Non è bene togliere la sorpresa su quanto accade ma chi vedrà il film potrà comprendere quanto il senso che deriva dal prosieguo dell'azione offra al film una marca molto forte). Bechis osserva sia i fazenderos che gli indios quasi come se fosse a sua volta un birdwatcher, cioè qualcuno che guarda da lontano. L'intento è evidentemente quello di non voler forzare la mano sul piano di una facile adesione emotiva richiedendo allo spettatore un più complesso lavoro di adesione alla lotta contro un'ingiustizia che si perpetua da secoli.
La terra degli uomini rossi diventa così un film di forte denuncia morale e politica senza assumere mai la dimensione del pamphlet. Proprio in questo procedere, che permette alla ragione di prevalere sulla passione, sta la forza di un film che Bechis ha saputo costruire 'ascoltando' nel senso più pieno del termine coloro che ogni giorno vivono l'umiliazione di non possedere più una terra che per loro non significa solo cibo ma anche (e soprattutto) radici e cultura.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
LA TERRA DEGLI UOMINI ROSSI - BIRDWATCHERS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
TIMVISION
-
-
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 29 gennaio 2012
osteriacinematografo

Brasile, Mato Grosso do Sul. I Guarani Kaiowa sono un popolo Indio spodestato delle proprie terre, dell’acqua, delle foreste, in luogo di coltivazioni transgeniche che affondano progressivamente le proprie radici in Amazzonia. Gli Indios sono confinati, ridotti alla fame, utilizzati come lavoratori per spodestare il verde che rimane in cambio di un boccone, sfruttati come animali da giardino per [...] Vai alla recensione »

domenica 24 gennaio 2010
Paola Di Giuseppe

Non si può definire un capolavoro, nonostante l'impegno e la forza del messaggio (Mato Grosso do Sul, coltivazioni transgeniche sulle terre degli indios spodestati e ghettizzati, ricchi turisti birdwatchers in cerca di visioni esotiche e fazenderos troppo affaccendati per dar retta ai Guarani Kaiowà, quelli che nemmeno i gesuiti riuscirono, nel ‘600, a convincere al loro dio).

lunedì 3 ottobre 2011
epidemic

una vicenda raccontata che riesce a racchiudere i temi cardine del problema,  Un buon lavoro che focalizza un conflitto mai veramente finito senza tra l'altro (come giustamente fa notare mymovies) esasperare i toni. A tratti intenso e drammatico riesce a non assumere mai i toni da commedia. 3 stelle meritate

mercoledì 28 dicembre 2011
Lella Sabadini

Mi spiace non poter dare un'altra stella a questo film di Marco Bechis che con tanta passione ha afrontato un tema non facile in un ambiente difficile. Interessante ed istruttivo manca però di pathos e si svolge quasi al ritmo di un documentario. Non coinvolge più di tanto e a volte risulta frammentario.Forse gli indigeni scelti come attori non hanno saputo essere all'altezza.

martedì 30 marzo 2010
don64

Dire che e' un film e' esagerare.A mio parere un film/documentario interpretato da gente indigena e da pochi altri attori poco noti.La trama e' praticamente incentrata su la popolazione del luogo del brasile che sembra sia ancora arretrata ai tempi degli indigeni.Riti magici,sete,fame,poverta',miseria.Nel complesso un film...che non lascia nulla quindi da dimenticare.Voto 6

giovedì 28 gennaio 2010
Francesco2

Non ho visto per disinteresse i lavori precedenti di Bechis, peraltro poco proiettati nella mia cttà, Palermo;detto questo, va detto che la sceneggiatura disegnata insieme ai suoi collaboratori è in varie situazioni qualcosa di disastroso, che ricorda l'Estremo Oriente del vietnamita "Cyclo".Un' ulteriore conferma è la scena dell'"omicidio", realizzata malissimo.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Non meritano neppure un vero odio, i "selvaggi" di La terra degli uomini rossi Birdwatchers ( Italia, 2008, 108'). Vinti, irrilevanti, i fazendeiro del Mato Grosso do Sul riservano loro l'attenzione che meritano degli insetti fastidiosi. E come insetti sono trattati, da secoli, i discendenti dei popoli autoctoni che in Brasile non hanno accettato l'integrazione nella religione degli invasori.

Alessio Guzzano
City

Mato Grosso significa Foresta Fitta, ma dall’ex polmone brasiliano gli alberi sono quasi spariti. Estirpati, per far spazio ai latifondi dei fazenderos, insieme ai legittimi abitanti: 500.000 indigeni divisi in oltre 200 popoli che vivono in riserve e lavorano sottopagati nelle raccolte, vittime di un elevato tasso di suicidi, in gran parte di giovanissimi.

Jean-Luc Douin
Le Monde

"La Terre des hommes rouges" : au coeur de la révolte des Indiens Kaiowa Au bord d'un fleuve où glisse une barque emplie de touristes apparaît un groupe d'Indiens, masqués par un bosquet. Ils sont quasi nus, maquillés, apparemment stupéfaits de cette intrusion sur leur territoire. Ils lancent mollement une flèche qui tombe à l'eau. La scène suivante les montre ôtant leurs déguisements et percevant [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

L’unico film recente al quale si può paragonare La terra degli uomini rossi di Marco Bechis è La foresta di smeraldo di John Boorman. Ma Boorman aveva tenuto conto delle esigenze spettacolari, ponendo un europeo al centro e gli indios sullo sfondo. Bechis tenta invece di rispettate la realtà e tenta la via di mezzo tra film a soggetto e documentario antropologico.

NEWS
NEWS
lunedì 1 settembre 2008
Lisa Meacci

Gli indiani di Bechis Oggi la Biennale ci porta in Brasile con La terra degli uomini rossi – Birdwatchers, il nuovo film di Marco Bechis. Il film racconta la triste realtà del Mato Grosso do Sul dove gli indios, costretti a ritirarsi nelle riserve, si [...]

NEWS
martedì 29 luglio 2008
Chiara Renda

La presenza italiana Corsicato, Ozpetek, Avati e Bechis sono i nomi dei registi di casa nostra che rappresenteranno l'Italia tra i film in concorso a Venezia in quest'anno di rinascita del cinema italiano.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati