La felicità porta fortuna - Happy Go Lucky

Film 2008 | Commedia 118 min.

Regia di Mike Leigh. Un film Da vedere 2008 con Sally Hawkins, Alexis Zegerman, Eddie Marsan, Andrea Riseborough, Samuel Roukin. Cast completo Titolo originale: Happy-Go-lucky. Genere Commedia - Gran Bretagna, 2008, durata 118 minuti. Uscita cinema venerdì 5 dicembre 2008 distribuito da Mikado . - MYmonetro 3,52 su 131 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La felicità porta fortuna - Happy Go Lucky tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Poppy, giovane insegnante dallo spirito libero, passa le sue giornate preoccupandosi più del presente che del futuro e tra lezioni a scuola, lezioni di guida e lezioni di flamenco. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Berlino, 2 candidature e vinto un premio ai Golden Globes. In Italia al Box Office La felicità porta fortuna - Happy Go Lucky ha incassato nelle prime 10 settimane di programmazione 926 mila euro e 164 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,52/5
MYMOVIES 3,75
CRITICA 3,44
PUBBLICO 3,08
CONSIGLIATO SÌ
Un film contemporaneo, realista, che invita al buonumore e alla riflessione, interpretato da una straordinaria Sally Hawkins.
Recensione di Luciana Morelli
Recensione di Luciana Morelli

Londra non è solo pioggia e toni cupi ma ha anche un lato solare e colorato, quello rappresentato alla perfezione da Pauline, una giovane maestra elementare che solo a guardarla mette allegria. Poppy, così la chiamano tutti, è uno spirito libero, ama i vestiti kitsch e vive con l'amica del cuore, anche lei insegnante, in un piccolo delizioso appartamento nel nord della città. Passa le sue giornate preoccupandosi più del presente che del futuro e tra lezioni a scuola, lezioni di guida e lezioni di flamenco, Poppy ha raggiunto il perfetto equilibrio con se stessa e con gli altri. Non vive nelle fiabe ma tiene i piedi saldamente per terra senza mai perdere di vista la realtà, affrontando la vita quotidiana con un pizzico di ottimismo, con autoironia e spontaneità. Si sa, cuor leggero, Dio l'aiuta.
Filmmaker britannico tra i più apprezzati e controversi del cinema europeo, Mike Leigh sceglie la commedia per tentare di alleggerire i toni della seriosa Berlinale e portare a casa l'unico premio che manca ancora nella sua bacheca. A quattro anni dal pluripremiato Il segreto di Vera Drake il regista torna a parlare di donne e vita vissuta con un personaggio a tinte forti, adorabile e goffo allo stesso tempo, che probabilmente in mano ad un'altra attrice avrebbe finito per ri sultare eccessivo. Sally Hawkins invece è straordinaria, e rapisce l'attenzione dal primo all'ultimo secondo, saltando insieme ai suoi rumorosi braccialetti da un siparietto ad un altro senza pause. La sua interpretazione, fatta di buffe smorfie e battute a raffica, strappa più di qualche applauso e rimarrà certamente nella memoria e nella storia di questo festival. Si ride, e anche molto, ma i momenti seri sono in agguato dietro l'angolo, narrati da Leigh con il suo solito humor e con una saggezza fuori dal comune.
Un film contemporaneo Happy-Go-Lucky, realista e che invita al buonumore e alla riflessione, la storia di un piccolo universo di felicità che riconcilia con il Cinema. Definirlo eccezionale sarebbe poco.

Sei d'accordo con Luciana Morelli?

LA FELICITÀ PORTA FORTUNA - HAPPY GO LUCKY disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 1 febbraio 2010
Fabrizio Cirnigliaro

Happy Go Lucky è un film con dei dialoghi spassosi, battute a raffica per una storia semplice che fa riflettere su quanto sia diventato cupo il mondo che ci circonda. Basta un pò di cordialità, di ottimismo , di buon umore a spiazzarci e farci sentire indifesi, incapaci di lasciarci andare. Sorridere e cercare di divertirsi, accettando sempre nuove sfide, sembra quasi un atto rivoluzionario.

mercoledì 14 maggio 2014
dreamland

Non mi esprimerò riguardo la forma del film (un po perchè umilmente non penso di averne gli strumenti, un po perchè tutto sommato, riguardo quest'ultima e la recitazione dei personaggi, l'ho trovato piacevole). Ciò che invece mi preme fare avendolo appena visto è esprimere il mio disappunto riguardo il messaggio del film sulla positività dello "stile di vita" della protagonista.

mercoledì 13 maggio 2009
ragnocchio

Sembrano imbecilli le persone che sorridono senza un motivo apparente anche perchè oggi non si sorride più con molta facilità.E così una come Poppy che ride anche delle cose più semplici e banali passa per una stolta che ride sempre. Ma si può essere felici anche solo guardando il cielo o incrociando qualcuno per strada, musone o sorridente che sia? Questo film ci fa pensare di sì e forse vuole proprio [...] Vai alla recensione »

domenica 30 maggio 2010
Kronos

Certo, lo sappiamo, Mike Leigh è un regista che divide: il classico prendere o lasciare. Sappiamo anche dei molti premi e riconoscimenti ottenuti nel corso di una lunga e prestigiosa carriera. Del suo talento nella direzione di attori/attrici. Ma tutto questo, unitamente all'invidiabile dentatura di Sally Hawkins, basta a fare di 'Happy go lucky' un gioiello da non [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 novembre 2009
Kerry

La protagonista è una cretinetta senza spessore, senza sogni, che non guarda oltre il fine settimana per uscire e sbronzarsi. Enfatizzando la mancata avvenenza della Hawkins conciata come un rifiuto post new-wave, il registra cerca di orchestrare una specie di non-storia, finendo con il fare un non-film. Noioso, senza spessore, senza trama, con attori che diventano macchiette e mai personaggi.

mercoledì 4 novembre 2009
Kerry

Dalle recenzioni mi aspettavo un bel film, invece è una commediuccia banale con una protagonista che non ha spessore alcuno. Un film noioso, una storia tanto piatta da essere quasi inesistente, una vera delusione dal cinema inglese che in questo stesso ambito ha più volte dato prova di avere grandi attori e registi. Sally Hawkins trasformata in una stupidina innervosente e ridicola.

lunedì 31 agosto 2009
dido93

...questo film è di una mediocrità e di un'inconsistenza davvero impressionanti... Trama vuota e piatta (casomai vi fosse...); attori che si sforzano di far valere le loro doti mimiche ma che, in realtà, sanno bene che stanno tenendo su una baracca senza fondamenta...!!! Inguardabile e "palloso"...evitatelo... Consiglio: se avete voglia di una bella commedia allegra, divertente, solare.

venerdì 7 agosto 2009
et_in_arcadia_ego

A parte che Poppy e' evidentemente una lesbica irrecuperabile,il che tutto sommato sarebbero pure fatti suoi; a parte che e' cattiva e vendicativa tanto che il libraio che non se la filava alla fine vedra' fallire il suo negozio; a parte tutto questo e' proprio il personaggio in se' stesso ad essere artificiosamente e caricaturalmente post-dickensiano e soprattutto antipatico in una maniera esagerata. [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 agosto 2009
poldo

Un film anche simpatico ma che non dice molto... guardabile, a tratti allegro ma non ha una storia...

martedì 2 giugno 2009
menego11

Semplicemente, se si prendesse il film scena per scena, tutte potrebbero essere oggetto di taglio. Un ammasso di skatch senza nessun filo logico, nessuna ironia, nessuna inventiva (la morale di fondo è sviluppata in modo totalmente banale). Il personaggio della protagonista è costruito malissimo. Non ricordo di aver visto una commedia così brutta da tempo, roba da farti rivalutare il cine-panettone. [...] Vai alla recensione »

domenica 10 maggio 2009
formistake

dopo aver visto l'osannato the millionare, ormai posso aspettarmi davvero di tutto dai critici. non so che film abbiano visto loro in questo caso, ma quello che ho visto io era un corso per giovani sceneggiatori dal titolo "errori da principianti" capitolo 1: il conflitto, questo sconosciuto capitolo 2: i personaggi possono stare anche in silenzio, ogni tanto capitolo 3: il primo atto forse non [...] Vai alla recensione »

domenica 29 marzo 2015
Xcacel

Il film parte male, e non decolla mai, si trascina per due ore nel nulla, con la protagonista che vince un orso d'argento solo per il numero record di smorfie. L'antitesi di quello che dovrebbe esserci in una commedia inglese. Due ore perse per vedere dove andava a parare.

domenica 20 aprile 2014
riky70

E' possibile contare tutti i denti della protagonista, fino ai denti del giudizio con tutte le carie. tranquilli, avete tutto il tempo del film per farlo. Se amate le storielle tutte sorrisetti e sfiga presa bene è il film che fa per voi, altrimenti vi consiglio di aprire il frigo e mangiare qualcosa, poi andate a dormire.

mercoledì 4 novembre 2009
larrykind

Il film di per sè è carino, gradevole, ritmo rilassato, mai palloso, le attrici e attori bravi. Tuttavia il commento di copertina dice cose secondo me banali, trite e ritrite sulla spontaneità e sul prendere la vita con leggerezza, con una specie di ottimismo "frankCapriano". Il film è praticamente privo di analisi psicologica della protagonista, ma approfondisce quella dei personaggi che le girano [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Lietta Tornabuoni
La Stampa

Una giovane donna londinese vitale, aperta, sempre ridente o sorridente, espansiva, curiosa e innamorata della sua vita che le piace, maestra elementare tra bambini che le piacciono, luminosa, allegra, è la protagonista de La felicità porta fortuna di Mike Leigh, il regista inglese di Sorrisi e bugie. Non è una stupida, al contrario, né un'illusa. Càpita che si scontri con il lato oscuro dell'esistenza: [...] Vai alla recensione »

Sasha Carnevali
Ventiquattro

Mike Leigh, 65 anni, regista e sceneggiatore candidato a cinque Oscar, vincitore di due Palme d'Oro (1993 e 1996) e di un Leone d'Oro (1004). Il suo ultimo film Happy-go-lucky (Orso d'Argento alla protagonista Sally Hawkins) è nelle sale italiane da oggi con il titolo La felicità porta fortuna. Il suo metodo di lavoro è fuori dall'ordinario. Ce lo spiega? A volte ho una traccia, mai una premessa: [...] Vai alla recensione »

Kenneth Turan
The Los Angeles Times

Happy-Go-Lucky" is something different from virtuoso British writer-director Mike Leigh. For what feels like the first time in his more than 35 years of bringing an exceptional level of insight and intensity to the exploration of human behavior, Leigh has put a thoroughly happy person front and center in one of his films. That's not to say that Leigh's earlier films, works like "Life Is Sweet," "Naked" [...] Vai alla recensione »

Jean-Luc Douin
Le Monde

"Be Happy", la leçon d'optimisme de Mike Leigh Mike Leigh a une réputation trompeuse. Ce jeune homme en colère, il a combattu, dans les années 1980, la politique ultralibérale de Margaret Thatcher, stigmatisé les inégalités sociales, dénoncé la mise à l'écart des défavorisés. Cet engagement ne l'empêche pas d'apprécier la satire narquoise. Moins viscéralement réaliste que son compatriote Ken Loach, [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

A Berlino fu un colpo di fulmine. Da anni non si vedeva un'ondata di buonumore così contagiosa in un festival. Merito di Mike Leigh e dell'impagabile Sally Hawkins (orso d'argento), una maestra d'asilo così survoltata da diventare una cartina di tornasole della crisi attraversata dal malconcio Occidente. Specie sul fronte maschile. Sorriso a prova di bomba, abiti assurdi, graziosa ma soprattutto buffa, [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Si risolve in un vero «one woman show» il nuovo film di Mike Leigh, esponente del neorealismo britannico meno rabbioso e ideologizzato di Ken Loach. In effetti «La felicità porta fortuna» esibisce un piglio controcorrente nel raccontare le pene quotidiane e i multiformi impegni di una trentenne londinese d'oggi, che senza essere cretina o ritardata riesce sempre e comunque a sorridere alla vita.

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Già il nome della protagonista è esplosivo: Poppy. Poi rievoca il pop e in qualche modo la gioia di vivere. Infatti è così che Poppy affronta la vita, con un sorriso a tutto tondo che non intende modificare, a nessun costo. La incrociamo quando le capita subito un disguido, le rubano la bici. Pazienza, vorrà dire che prenderà finalmente la patente, facendo impazzire l'istruttore che sembra la personificazio [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Poppy fa la maestra in una scuola materna a Londra Nord, zona socialmente svantaggiata e piena di problemi. Lei però guarda alla vita con una fiducia illimitata; tanto da contagiare coloro che le stanno intorno. Chi si aspettava da Mike Leigh ("Naked", "Segreti e bugie") il ritratto di una fatina dei nostri giorni, trentenne celibe, proletaria e grondante gioia di vivere? Il regista britannico resta [...] Vai alla recensione »

Davide Turrini
Liberazione

Se c'è un regista di cui ci fidiamo ciecamente è l'inglese Mike Leigh. Propugnatore di un cinema ad altezza lavoratore, con Happy go-lucky Leigh riaggiorna il suo taccuino realista regolato da sempre sui ritmi della working class londinese. Al centro c'è la trentenne Poppy (Sally Hawkins), maestra d'asilo in un sobborgo proletario della capitale. Tutt'attorno una fauna tipicamente british, fatto di [...] Vai alla recensione »

Karen Durbin
The New York Times

The 32-year-old English actress Sally Hawkins has been in steady demand ever since she made a brief but pungent film debut six years ago as a hilariously moody, sex-crazed teenager in Mike Leigh’s “All or Nothing.” But despite solid work in movies and British television, nothing could have predicted the brilliance of her lead performance as Poppy, an endearingly gawky primary-school teacher looking [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Mike Leigh esce dai drammi socio-familiari per la commedia brillante a sfondo piccolo-borghese con Happy Go Lucky - La felicità porta fortuna, in originale solo Happy-Go-Lucky, con tanto di trattini: ovvero «Cuor contento il ciel l'aiuta». E per lui Sally Hawkins - premiata a Berlino per questa interpretazione - impersona un'insegnante elementare che affronta le contrarietà col sorriso.

winner
miglior attrice
Festival di Berlino
2008
winner
miglior attrice in un film brillante
Golden Globes
2009
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati