Tutta la mia vita in prigione

Film 2007 | Documentario, 94 min.

Titolo originaleIn Prison My Whole Life
Anno2007
GenereDocumentario,
ProduzioneGran Bretagna
Durata94 minuti
Regia diMarc Evans
AttoriMumia Abu-Jamal, Boots, Noam Chomsky, Yasiin Bey, Snoop Dogg, Steve Earle, Will Francome, Alice Walker .
DistribuzioneFandango
MYmonetro 3,09 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Marc Evans. Un film con Mumia Abu-Jamal, Boots, Noam Chomsky, Yasiin Bey, Snoop Dogg, Steve Earle, Will Francome, Alice Walker. Titolo originale: In Prison My Whole Life. Genere Documentario, - Gran Bretagna, 2007, durata 94 minuti. distribuito da Fandango. - MYmonetro 3,09 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Tutta la mia vita in prigione tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il 9 dicembre 1981, mentre in Inghilterra veniva alla luce William Francorne, a Philadelphia un giornalista e attivista politico di colore veniva arrestato per il presunto omicidio di un poliziotto. In Italia al Box Office Tutta la mia vita in prigione ha incassato 1,1 mila euro .

Consigliato sì!
3,09/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,17
PUBBLICO 1,00
CONSIGLIATO NÌ
Un'inchiesta lucida e sconvolgente su un'America emarginata, terra di menzogne e ipocrisia.
Recensione di Tirza Bonifazi
mercoledì 24 ottobre 2007
Recensione di Tirza Bonifazi
mercoledì 24 ottobre 2007

Il 9 dicembre 1981, mentre in Inghilterra veniva alla luce William Francorne, a Philadelphia un uomo veniva arrestato per il presunto omicidio di un poliziotto. L'uomo era Mumia Abu Jamal, un giornalista e attivista politico di colore che ad oggi è rinchiuso nel braccio della morte nonostante le accuse contro di lui non siano mai state accertate.
È la voce fuori campo di Mumia Abu Jamal in persona a introdurci al documentario che, attraverso la persona di William Francorne, ne narra la vita. Partendo dal penitenziario dove Mumia è incarcerato, il giovane inglese fa un viaggio indietro nel tempo nella Philadelphia dei feroci anni '60, '70 e '80, quando la polizia bombardava con gli elicotteri i sobborghi abitati dagli esponenti del gruppo radicale Move per ripulire la città.
Lungo il percorso socio-politico - che finisce per sfiorare persino le polemiche sollevate sul modus operandi del Governo a New Orleans (post Katrina) - il regista Marc Evans, con lucidità e prove alla mano, mostra come sia stato manipolato il processo per mettere a tacere per sempre "la voce dei senza voce". Sebbene Mumia sia il protagonista (oscurato) del documentario - da qualche anno è stato vietato riprenderlo - Tutta la mia vita in prigione posa il suo sguardo su un paese di contraddizioni dove il sogno tanto declamato può svanire di fronte al colore della pelle e all'appartenenza politica.
L'inchiesta di Evans rappresenta l'America nera degli emarginati ed è necessaria non solo a fare luce sul caso di Mumia Abu Jamal ma anche a ricordare tutti gli innocenti condannati ingiustamente e i caduti in terra democratica.
Ravvivato da una grafica geniale quanto funzionale alla narrazione (realizzata dalla Foreign Office) e dalle canzoni di Snoop Dogg e le musiche di Davidge e Del Naja dei Massive Attack, il documentario che vede Colin Firth alla produzione e Amnesty International alla paternità (è il primo film che adotta), è un ritratto intenso e sconvolgente di un'America terra di menzogne e ipocrisia.

Sei d'accordo con Tirza Bonifazi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Il 9 dicembre 1981 a Philadelphia l'attivista afroamericano Mumia Abu-Jamal fu condannato a morte per l'omicidio di un poliziotto bianco, avvenuto in circostanze oscure e contraddittorie. Patrocinato da Amnesty International, il polimorfo documentario dello scozzese Evans è, anzitutto, la ricostruzione grafica della scena del delitto e dello svolgimento dei fatti, ma anche la rievocazione del clima politico degli anni '80, un'analisi delle lobby del potere reazionario e razzista cittadino e del movimento delle Black Panthers con la testimonianza di Angela Davis. Il discorso si allarga alla vergogna delle torture di Abu Ghraib e all'abbandono delle vittime dell'uragano Katrina a New Orleans, in gran parte povere e afroamericane, a indicare la situazione generale di una nazione in cui il sogno irrealizzato di annullare disparità e ingiustizie sociali appare irrealizzabile. Il ricorso ridondante alla contaminazione tra documentario e codici del cinema di fiction ha il suo apice con la presenza del giovane intervistatore William Francorne, nato a Londra lo stesso 9 dicembre 1981. Da quel giorno Mumia Abu-Jamal è rinchiuso nel braccio della morte. Distribuito da Fandango.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Cristina Battocletti
Il Sole-24 Ore

Potrebbe sembrare un documentario antiamericano In my whole life di Marc Evans, che sicuramente impressionerà il pubblico del Roma Film Fest (la proiezione è il 25 e 26 ottobre nella sezione «Extra»). Invece, a ripensarci a freddo,è un vero tributo d'amore alla patria della democrazia. Un grido d'allarme che Evans, regista gallese, già autore di Resurrection Man e Snow Cake, lancia perché si preservino [...] Vai alla recensione »

Antonello Catacchio
Il Manifesto

Tutto ha inizio il 9 dicembre 1982. Quel giorno nasce William Francome. Quella stessa notte Wesley Cook viene arrestato. Sono passati più i venticinque anni, che vengono scanditi, ossessivamente, giusto per dare un'idea di cosa significhi un tale lasso di tempo. Scorrono i secondi, i minuti, le ore, i giorni, gli anni. William cresce, Wesley è sempre in carcere.

Jay Weissberg
Variety

Il documentario del britannico Marc Evans ricostruisce la vicenda di Mumia Abu-Jamal, condannato a morte a Filadelfia per l'omicidio di un poliziotto, nel 1981. La condanna a morte è il frutto di un processo ingiusto, condizionato da un giudice razzista e dalle intimidazioni della polizia di Filadelfia. La pesantezza della condanna di Abu-Jamal va attribuita alla linea politica razzista del sindaco [...] Vai alla recensione »

Andrea Silenzi
XL

Dal 1981 l'attivista nero Mumia Abu-Jamal è nel braccio della morte in Pennsylvania. Un processo farsa lo ha condannato per l'omicidio di un poliziotto. L'indagine sul suo caso da parte di William Francome, protagonista del documentario, è un viaggio nel cuore oscuro della giustizia americana. Oltre che una rilettura di pagine razziste e vergognose di recente storia statunitense attraverso i racconti [...] Vai alla recensione »

Luca Barnabé
Ciak

Popolare giornalista radiofonico e attivista, Mumia Abu-Jamal venne arrestato il 9 dicembre 1981 con l'accusa di aver assassinato un poliziotto e nel luglio 1982 condannato alla pena capitale. Da 25 anni nel braccio della morte - nonostante irregolarità giudiziarie, accuse di razzismo al giudice, testimoni a discarico e la confessione del vero colpevole - Mumia è diventato l'emblema del movimento Usa [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati