Guida per riconoscere i tuoi santi

Acquista su Ibs.it   Dvd Guida per riconoscere i tuoi santi   Blu-Ray Guida per riconoscere i tuoi santi  
Un film di Dito Montiel. Con Robert Downey Jr., Shia LaBeouf, Chazz Palminteri, Dianne Wiest, Channing Tatum.
continua»
Titolo originale A Guide to Recognizing Your Saints. Drammatico, durata 98 min. - USA 2006. - Mikado uscita venerdì 9 marzo 2007. MYMONETRO Guida per riconoscere i tuoi santi * * * - - valutazione media: 3,44 su 45 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
giorpost lunedì 21 settembre 2015
un intenso r.downey jr divide la scena con labeouf Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Dito Montiel è un quindicenne sensibile e pieno di sogni con un talento da scrittore, ma vive in un quartiere difficile del Queens, "costretto" a frequentare adolescenti sbandati e amicizie infruttuose. Tra queste c'è Antonio, personalità deviata e carattere difficile, molto affezionato al papà di Dito, essendo il suo brutalmente violento. Della comitiva fanno parte Nerf e Giuseppe, inclini a problematiche psicologiche, e tre ragazze estroverse tra le quali c'è Laurie, per cui Dito nutre una sincera passione.
Un giorno, al liceo, fa la conoscenza di Mike, coetaneo irlandese con la stessa passione per la letteratura e i due, insofferenti allo status attuale, decidono di racimolare soldi per partire quanto prima alla volta della California, trovando un lavoro part-time. [+]

[+] lascia un commento a giorpost »
d'accordo?
dario lunedì 28 aprile 2014
monotono Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Il film è fermo, bloccato su una scrittura ammalata di se stessa. Il regista non sa andare oltre un compiacimento di sè e delle proprie modeste invenzioni descrittive. Egli vorrebbe limitarsi ad una rafigurazione delle cose, regalandoci una sorta di testimonianza di certa realtà, sicuramente vissuta. Ma tutto appare sbiadito da una rivisitazione frettolosa e decisa moralmente a priori. E' un film per un solo spettatore: il regista. Siamo stanchi di questi autocitazionismi senza sangue. Personaggi fasulli, attori fuori giri, inevitabilmente.  

[+] lascia un commento a dario »
d'accordo?
dargam martedì 20 novembre 2012
un racconto filmico difficilmente narrabile Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

trovo difficile e sminuente parlare della trama del film, che in sé è una trama come altre. In realtà ciò che rende originale questo film è il modo di narrare la vicenda, con passaggi tra passato e presente, che assorbe lo spettatore e lo fa rendere parte di una storia, in cui ogni personaggio appare autentico. Vero, senza ammiccamenti ad un certo modo di narrare l'America.

[+] lascia un commento a dargam »
d'accordo?
framenne venerdì 16 settembre 2011
giovani vite bruciate Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Dito e' uno scrittore che ritorna a New York dopo 15 anni di assenza per rivedere la sua famiglia, e in particolare per sistemare un rapporto difficile con il padre. Nel viaggio di ritorno ripercorre la sua adolescenza e i passi che lo hanno portato ad abbandonare il posto in cui e' nato e le persone con cui e' cresciuto. Un film che si ispira a fatti realmente accaduti e che riprende le vite giovani dei ragazzi che crescono sulle strade di New York. Chazz Palminteri e Shia LaBeouf esilaranti. Assolutamente da non perdere.

[+] lascia un commento a framenne »
d'accordo?
eugenio martedì 7 giugno 2011
alla ricerca delgli affetti perduti Valutazione 3 stelle su cinque
71%
No
29%

Ognuno di noi è un firmamento che in virtù della sua decantata forza non ha il coraggio di alzare gli occhi verso il cielo ma contempla il basso, il terreno, accontentandosi di un’esistenza grigia scandita dall’assenza degli affetti familiari.E’ quanto accade al protagonista dell’esordiente scrittore/regista Montiel, vincitore con il suo “Guida per riconoscere i tuoi santi” del premio speciale della giuria alla 63° mostra internazionale del cinema di Venezia. Dito (Robert Downey Jr) è un affermato scrittore di successo residente a Los Angeles che ha trascorso la sua giovinezza nel quartiere di Astoria (nel Queens) tra droga, rapporti sessuali precoci e criminalità da “teppistello” di periferia. [+]

[+] lascia un commento a eugenio »
d'accordo?
lisadp martedì 4 gennaio 2011
onesto, reale, potente Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

Quando un film fa successo è un'affare, quando non lo fa, è un capolavoro! E' questo che succede al giorno d'oggi nel mondo del cinema: il pubblico vuole film e storie commerciali e non sa più apprezzare le vere trame, come questa.
E' una storia vera, che non insegna a come comportarsi fisicamente, ma a come essere moralmente ed è per questo che meriterebbe un monumento. Lasciando da parte le buone o ottime recitazioni degli attori e prendendo solamente la trama tra le mani possiamo vedere un pozzo di umanità tra l'amore, la vendetta, l'amicizia, la paura, quella vera, gli affetti che si affievoliscono ma legati da qualcosa di concreto e che quindi non si possono spegnere. [+]

[+] lascia un commento a lisadp »
d'accordo?
jasonbourne sabato 1 gennaio 2011
"sono dito montiel e abbandonerò tutti" Valutazione 4 stelle su cinque
83%
No
17%

Film duro, crudo e senza mezzi termini. Il brutto rapporto di Dito con il padre, il fratello dell'amico Antonio che muore nelle rotaie, i pestaggi. Mentre Shia LaBeuf continua ad affermarsi, Robert Downey Jr. interpreta la sua parte con maestria, è inquieto, vorrebbe dimenticare il suo passato, ma non può, forse non avrebbe mai voluto andarsene ma ormai quello che è fatto è fatto e deve affrontare la situazione come è.
C'è un buon uso di flashback che non confondono lo spettatore e lunghe inquadrature dirette. Un film ben costruito che lascia disorientati e commossi.

[+] lascia un commento a jasonbourne »
d'accordo?
cronix1981 lunedì 9 agosto 2010
una vita difficile Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Quando un film ti colpisce in maniera imprevedibile, non è facile trovare le parole per descriverlo. Un paragone che può sembrare ardito, ma che meglio di tutti esprime lo stato d'animo alla fine del film è il gancio di un pugile allo stomaco che ti fa barcollare. Perchè si, questo film è un pugno nello stomaco che scuote per la sua brutalità. Tuttavia ha la capacità di far riflettere sui temi che maggiormente riguardano l'esistenza dell'essere umano nella società moderna: famiglia, amicizia e amore. Dito Montiel debutta sul grande schermo con un'opera davvero convincente: il racconto autobiografico della sua adolescenza. 1986 Astoria, Queens. Sobborgo degradato di New York. Dito è un giovane come i tanti del quartiere. [+]

[+] lascia un commento a cronix1981 »
d'accordo?
cantastorie giovedì 21 gennaio 2010
"e' tutto quello che ti rimane" Valutazione 3 stelle su cinque
50%
No
50%


Il passato non ti molla mai. Qualunque cosa succeda, i ricordi tornano anche se abbiamo cercato di lasciarceli alle spalle. Dito, che per sfuggire all'atmosfera asfissiante di Queens, NY, se ne è andato in California, ad anni di distanza rivive la sua adolescenza riscrivendola in libro. E quando ritorna a casa, pregato dalla madre, nulla è cambiato. Gli amici, il branco, la dolce madre, il padre 'sordo' sono sempre lì, con le loro vite spezzate. C'è un dolore sordo nel giovane Dito, quella sofferenza che a sedici anni è difficile esprimere razionalmente; si percepisce il clima senza vie d'uscita nella cerchia di amici. C'è una violenza inaudita e uno strazio che colpiscono lo spettatore, ammutolendolo. [+]

[+] lascia un commento a cantastorie »
d'accordo?
roberta gilmore mercoledì 20 gennaio 2010
quando un film ti sorprende in positivo Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

non avevo alcun tipo di aspettativa nell'accostarmi alla visione di questo film, se no il fatto che vi fosse robert downey jr. invece, questo film mi ha sorpresa, mi è piaciuto moltissimo e l'ho trovato semplice e coinvolgente. non sono d'accordo con chi l'ha definito un film inutile e volgare, perchè di volgarità ce n'è ben poca, e poi film inutili sono altri (e non sto qui a citare gli innumerevoli orribili film che ho visto, perchè altrimenti si fa notte). secondo me, bisogna avere un pò meno pregiudizi quando si vede un film: bisogna liberare la mente ed essere maggiormente aperti a qualcosa di innovativo, una volta tanto!!

[+] lascia un commento a roberta gilmore »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 »
Guida per riconoscere i tuoi santi | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 9 marzo 2007
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità