La vita che vorrei

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La vita che vorrei   Dvd La vita che vorrei   Blu-Ray La vita che vorrei  
Un film di Giuseppe Piccioni. Con Luigi Lo Cascio, Sandra Ceccarelli, Galatea Ranzi, Fabio Camilli, Roberto Citran.
continua»
Sentimentale, durata 125 min. - Italia 2004. - 01 Distribution uscita venerdì 1 ottobre 2004. MYMONETRO La vita che vorrei * * * - - valutazione media: 3,25 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
rastadahb venerdì 11 ottobre 2013
fragile Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

Quando un film parla di film, si crea nella mente dello spettatore una strana catena. Scopo principale di una catena è legare, e quali legami siamo indotti ad osservare? La coppia Lo Cascio-Ceccarelli è legata alla Stefano-Laura, che a sua volta è legata ai fedifraghi innamorati in costume ottocentesco. la catena li tiene limpidamente stretti tra loro e slegati da tutto, non è una catena per tenerli fermi bensì per permettergli di non separarsi. Il primo legame, tra gli attori “reali” e gli attori “recitati” è già delicato in quanto possono comprendere bene le difficoltà di un attore e possono approfondirle come è stato fatto: chi più dell’attore è un nido di kaos, ove si fondono cocomeri e fiammiferi con malta ed erbacce? La testa di un attore non può essere rigida e bloccata, e non può essere perciò limpida e prevedibile. [+]

[+] lascia un commento a rastadahb »
d'accordo?
gianleo67 venerdì 8 marzo 2013
effetto notte...secondo piccioni Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Stefano e Laura sono gli attori protagonisti di un melodramma in costume ambientato nell'800  che narra la storia di un amore fedifrago tra un rispettabile uomo sposato e la discussa dama di compagnia di un vetusto aristocratico. Lui è un attore affermato e schivo, lei una donna sola e sensibile con poche esperienze professionali e difficili trascorsi. La loro storia d'amore finisce per intrecciarsi con quella del film, confondendo realtà e finzione in una inestricabile dialettica sentimentale.
Piccioni si cimenta anche questa volta con i turbamenti interiori di personalità conflittuali e irrisolte che si agitano sullo sfondo di una dimensione meta-cinematografica in cui l'occhio dello spettatore è portato a scrutare, con il grado di profondità concesso dai limiti materiali del mezzo espressivo, un processo di 'diagenesi dei sentimenti' nel loro lento ed inesorabile progredire attraverso gli strati più profondi della coscienza alle soglie di una intelleggibile rappresentazione artistica. [+]

[+] lascia un commento a gianleo67 »
d'accordo?
mirror lunedì 15 novembre 2010
molto bello Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%


vedere un film italiano bello è ormai cosa rara. Grazie a Piccioni e pochi altri ogni tanto succede. Ottimi anche gli attori. Da vedere!

[+] lascia un commento a mirror »
d'accordo?
salvatore scaglia domenica 3 gennaio 2010
i sentimenti oggi, non solo nel mondo del cinema Valutazione 0 stelle su cinque
89%
No
11%

Ho assistito alla proiezione de "La vita che vorrei", film intenso sull’importanza dei sentimenti, in occasione della rassegna "Cinema Sotto le Stelle" 2005 - nell’ambito delle "Orestiadi" di Gibellina (TP) -, sotto una splendida volta celeste ancora prodiga di astri cadenti. Il titolo è il Leitmotiv dell’opera: c’è chi vorrebbe essere un attrice di successo; chi vorrebbe essere amata veramente; chi vorrebbe riflettere maggiormente su se stesso... Ma il lungometraggio di Piccioni si incentra sulle figure di Laura (Sandra Ceccarelli) e Stefano (il palermitano Luigi Lo Cascio), la cui vicenda si staglia sull’efficace rappresentazione del cinismo del pianeta-cinema, tra agenti amorali, cineasti incapaci, produzioni di convenienza meramente economica ed occulte - quanto sofisticate – regie, volte a favorire, nell’edificio del film, la performance di un attore a detrimento di un altro. [+]

[+] lascia un commento a salvatore scaglia »
d'accordo?
macsz sabato 22 novembre 2008
il metacinema di piccioni Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

da effetto notte alla donna del tenente francese; dalla signora con e senza camelie ai mèlo di matarrazzo: la vita che vorrei, opera diciamo "della maturità" di piccioni, si dedica al cinema nel cinema come molti altri registi, una volta divenuti "autori", si sono sentiti chiamati a fare. la confezione è perfetta, come le interpretazioni degli attori ("interpretazioni di interpretazioni" incluse); il film coinvolge ed esamina aspetti interessanti della recitazione nonché del rapporto amoroso e, nello specifico, dell'amore tra attori. unici appunti: l'età dei due protagonisti, comunque bravissimi (lo cascio non è un po' troppo giovane? e la ceccarelli, non è un po' troppo vecchia?); e, infine, la solita melodia strappalacrime di barber, davvero abusata al cinema. [+]

[+] lascia un commento a macsz »
d'accordo?
maryluu sabato 17 novembre 2007
carino Valutazione 2 stelle su cinque
100%
No
0%

Gli attori reali sono riusciti a esprimere al meglio i contrasti interiori dei personaggi. Fantastico Lo Cascio, peccato non sia molto bello. Ambientazioni molto carine, soprattutto per le riprese del film nel film. Direi: un bel 7 !!!

[+] lascia un commento a maryluu »
d'accordo?
sandy sabato 11 agosto 2007
un film meraviglioso Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

grandioso..da vedere!!!!!!!!!!!!!

[+] lascia un commento a sandy »
d'accordo?
pippo mercoledì 25 luglio 2007
si, decisamente mediocre Valutazione 1 stelle su cinque
18%
No
82%

Questo film ha quel sapore inerte ed inutile che spesso possiedono le pietanza preparate da mani incapaci che hanno sfogliato e studiato a lungo sofisticate ricette su importanti manuali di cucina. Si voleva celebrare il melodramma ottocentesco, ci si era apparecchiati con cura, ma Piccioni non e' Visconti e nemmeno Zeffirelli, d'altra parte Lo Cascio, qualcuno lo avra' notato, non e' Lancaster e nemmeno William Hurt. Se il melodramma e' la cura dosata degli eccessi io, di eccessivo in questo film ho percepito solo la noia.

[+] lascia un commento a pippo »
d'accordo?
mb venerdì 20 luglio 2007
emozionante Valutazione 5 stelle su cinque
83%
No
17%

film molto toccante, delicato e ben recitato. Lo consiglio.

[+] lascia un commento a mb »
d'accordo?
soldino lunedì 2 aprile 2007
sempre bravo piccioni Valutazione 4 stelle su cinque
83%
No
17%

Di questo film si dice che Ceccarelli e LoCascio siano la parte migliore, cio' che lo rende degno di nota. Mi pare pero' che anche al di la' dei 2 grandi protagonosti (perfetti cosa altro dire), il film abbia una sua importanza, che anzi i 2 attori risultino cosi' bravi anche perche' il film gira bene. Dopo Luce dei miei occhi era difficilissimo ripetersi ad altissimo livello, il parametro corrente essendo il Grande fratello(peccato che i genitori non siano andati al cinema quella sera...). Qualcuno ha definito LoCascio triste, sempre uguale: ma se non ti piace guarda la TV, personalmente non posso chiedere molto di piu' ad un film ed ai suoi protagonisti. Voto 8.

[+] lascia un commento a soldino »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
La vita che vorrei | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità