Un giorno di ordinaria follia

Acquista su Ibs.it   Dvd Un giorno di ordinaria follia   Blu-Ray Un giorno di ordinaria follia  
Un film di Joel Schumacher. Con Barbara Hershey, Robert Duvall, Michael Douglas, Tuesday Weld, Raymond J. Barry.
continua»
Titolo originale Falling down. Drammatico, durata 112 min. - USA 1993. MYMONETRO Un giorno di ordinaria follia * * * 1/2 - valutazione media: 3,57 su 43 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
brucemyhero martedì 16 novembre 2010
un giorno di ordinaria follia. Valutazione 4 stelle su cinque
97%
No
3%

La domanda che viene da farsi, è: quanto Bill è veramente 'malato', o quanto la società in realtà mette al muro persone, che spesso e purtroppo poi, non riescono a gestire le tante troppe sconfitte e malefatte subite?. Bill è fondamentalmente un giusto, non travisa la realtà. E non riesce ad accettare le imposizioni di ciò che lo circonda, fino a raggiungere un limite oltre il quale vi è ciò che la maggioranza delle persone, definisce pazzia. Ma diciamolo chiaramente: a quanti di noi capita ogni giorno o settimana, di aver voglia di fare a 'modo proprio'. Di abbattere ciò che ci separa da una normalità che in questa società non esiste?. [+]

[+] lascia un commento a brucemyhero »
d'accordo?
giusepped88 domenica 3 maggio 2009
cadere giù, punto di non ritorno Valutazione 4 stelle su cinque
76%
No
24%

Un impiegato in giacca e cravatta aspetta in macchina in una strada molto intasata che il traffico inizi a scorrere un po'. Fuori fa caldo e si comincia a perdere la pazienza, una scena che si ripete spesso anche in Italia quando si va al lavoro in una grande città oppure quando si va in vacanza in massa. Il nostro impiegato allora cosa decide? Va a casa a piedi. Fin qui sembrerebbe tutto normale, ma mano a mano che andiamo avanti nel film scopriamo che non è così, il protagonista imbocca un tunnel pericoloso senza ritorno che lo compromette sempre di più: distrugge un negozio di un coreano, provoca una sparatoria, minaccia il direttore di un fast food, viene preso avvicinato da un neonazista che nasconde un arsenale, il suo odio verso la società cresce e finisce per maturare l'idea di uccidere sua moglie. [+]

[+] lascia un commento a giusepped88 »
d'accordo?
fabiusss mercoledì 7 maggio 2008
duefacce Valutazione 4 stelle su cinque
71%
No
29%

Sarebbe potuto essere un capolavoro se solo Schumacher si fosse arrischiato a penetrare nell'analisi della contorta psiche umana. Psiche che riflessa in parallelo attraverso i 2 protagonisti (il cattivo Michael Duglas e il buon poliziotto Robert Duvall) mette in evidenza le debolezze dell'uomo. Un uomo, infatti. Entrambi rappresentano la doppia faccia razionale/istintiva dell'uomo. Razionale che portato all'esasperazione significa succube della società e istintiva, anch'essa elevata all'eccesso, sinonimo di nevrosi e pazzia. Shumacher riesce a legare e dividere questa duplice visione fino al punto di esaltarne una al cospetto dell'altra. Vince così il razionale che riesce ad accettare e contenere i suoi impulsi. [+]

[+] lascia un commento a fabiusss »
d'accordo?
paolomiki martedì 17 agosto 2010
amore puro Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

L'amore puro è quello che hai per i figli.Puoi perdere il lavoro la moglie la testa... ma perdere un figlio è la cosa più atroce. Perderlo per mano di una moglie una delle tante troppe che quando si separano ti vogliono mutilare totalmente è pura follia.Questa  follia che è sempre più diffusa,la follia dell'essere umano che mutila un'altro essere umano impedendogli di vedere i propri figli (ma perchè?) solo perchè non si vive più insieme.Il dramma della separazione e della conseguente contesa dei figli del "dopo" è descritto in questo stupendo film in modo eccezionale perchè nella parte finale il protagonista dimostra il suo amore verso la figlia in modo drammatico ma significativo. [+]

[+] lascia un commento a paolomiki »
d'accordo?
gertrude mercoledì 27 agosto 2014
povero bill... Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Bill, così vuole essere chiamato il protagonista interpretato da Michael Douglas, è bloccato nel traffico per lavori sotto ad un calvalcavia. Fa caldo, nessuna macchina sembra poter avanzare e qualche meccanismo nella testa del nostro pover uomo si inceppa. Non ce la fa più e abbandona la macchina andandosene a piedi. Man mano che la storia prosegue siamo proiettati non soltanto nella sua mente ma nelle vicende che lo hanno condotto a distruggere un negozio, a prendere a mazzate due aggressori, a farsi servire un panino grazie alla forza convincente di un mitra, e molto altro. Nel frattempo è anche l’ultimo giorno di servizio di un poliziotto (Robert Douvall) , costretto ad andare in pensione per la delicata situazione della moglie. [+]

[+] lascia un commento a gertrude »
d'accordo?
johnny fritz venerdì 22 aprile 2011
quando la misura è colma Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Il mondo, probabilmente, si divide in oppressi ed oppressori. Quella di William Foster (Michael Douglas) è la dimensione pubblica della tragedia: il remissivo e represso travet californiano sembra raccogliere incondizionatamente l’invito di Howard Beale («Io voglio che voi vi incazziate!») – perché tutto va male e non è normale. I drammi sono quelli quotidiani, ordinari, appunto, com’è ordinaria la follia, il riflesso di uno stato di cose che ha ormai varcato i limiti della tollerabilità. Quella di Martin Prendergast (Robert Duvall), invece, è la dimensione privata: non è più disposto ad accettare la mortificazione del proprio talento, della propria ambizione, della propria professionalità, e cedere così alle paranoie della moglie (dove finisce il malessere e dove comincia la maschera?) ed al disprezzo dei colleghi. [+]

[+] lascia un commento a johnny fritz »
d'accordo?
giu/da(g) giovedì 20 gennaio 2011
sospensione del giudizio Valutazione 3 stelle su cinque
83%
No
17%

William D Foster (Michael Douglas) , afflitto dal divorzio e da un lavoro non appagante decide di andare a casa per il compleanno della piccola figlia, ma reagirà violentemente a chiunque gli sbarri la strada. Contemporaneamente l'ispettore Prendergast (Robert Duvall) nel giorno di pensionamento si ritrova a dover fermare Foster. Costruito sul doppio binario Douglas/Duvall Un giorno di ordinaria follia ci spinge su quel sottile filo che separa lucidità da pazzia. Foster, nonostante la sua folle implacabilità, non è cattivo e potrebbe ai nostri occhi apparire come una sorta di eroe moderno che lotta contro quelle piccole ingiustizie quotidiane che ci riserva la vita, principalmente perché molti di noi avranno pensato, almeno una volta di sfogare la propria rabbia davanti al traffico incomprensibilmente bloccato o in un market dove non si possono cambiare banconote in spiccioli ("Sto difendendo i miei diritti di consumatore"). [+]

[+] lascia un commento a giu/da(g) »
d'accordo?
brando fioravanti martedì 3 aprile 2012
ti avrei ucciso io Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Un uomo rimane bloccato nel traffico mentre si dirige dalla propria figlia, improvvisamente scende e continua il percorso a piedi. In preda alla sua crisi nervosa comincia ad avere un comportamento violento e incontrollabile. Alla fine verrà ucciso da un poliziotto in un duello come nei far west. Ma in realtà il protagonista aveva una pistola giocattolo da sfoderare, si lascia uccidere. Dopo l'irrimediabile disastro doveva scegliere se morire o continuare a vivere dietro le sbarre. La metropoli è caotica e il poco spazio verde si riserva alle ville dei chirurghi e ai borghesi giocatori di golf, invece di farci un luogo per famiglie. Questo non giustifica tanta violenza. [+]

[+] lascia un commento a brando fioravanti »
d'accordo?
salvatore scaglia lunedì 26 dicembre 2011
tra colpa personale e sociale Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

La pellicola di Schumacher sottolinea, anzitutto, i problemi tipici della metropoli: vita febbrile, traffico paralizzato, automobilisti urlanti, cantieri aperti ... esprimono le difficoltà personali e familiari prima che sociali. Così il poliziotto pensionando (Duvall) e il forsennato (Douglas) hanno entrambi, alle spalle, un quadro matrimoniale non facile, anche se diverse sono le loro reazioni. Certo, il cittadino che dà di matto non è giustificato - secondo la reprimenda finale del sergente che sta per andare in pensione - nel fare della città il teatro delle proprie azioni di violenza. Tuttavia, durante lo scorrere delle immagini, si è spesso indotti a confondere vittime e colpevoli: non si comprende bene, cioè, se colpevole sia il folle o, piuttosto, chi l'ha licenziato, chi si gode spazi immensi di verde per farne il territorio della propria gang, un elitario campo da golf ovvero una villa esclusiva. [+]

[+] lascia un commento a salvatore scaglia »
d'accordo?
filippo catani martedì 27 gennaio 2015
un uomo in caduta libera Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Los Angeles. Un uomo abbandona la sua macchina in mezzo altraffico infuocato della città e, in preda a un crollo psicotico, inizia un folle percorso per arrivare a casa della moglie. A dargli la caccia un detective della polizia al suo ultimo giorno di servizio.
Joel Schumacher in un film adrenalinico, drammatico ma con qualche venatura ironica, traccia il ritratto di un uomo anonimo come tanti altri che improvvisamente decide di non accettare più le convenzioni della civiltà abbandonandosi alla follia e alla caduta libera. Douglas interpreta alla perfezione un personaggio deciso in tutti i modi a raggiungere la casa della ex moglie, a cui non potrebbe avvicinarsi, per trascorrere il compleanno della figlia. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Un giorno di ordinaria follia | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | brucemyhero
  2° | giusepped88
  3° | fabiusss
  4° | paolomiki
  5° | gertrude
  6° | johnny fritz
  7° | giu/da(g)
  8° | brando fioravanti
  9° | salvatore scaglia
10° | filippo catani
11° | yurigami
12° | evildevin87
13° | alex41
14° | nefas-scire
15° | gianmaria s
Rassegna stampa
Lietta Tornabuoni
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità