Pioggia di ricordi

Film 1991 | Animazione, Film per tutti 118 min.

Titolo originaleOmohide Poro Poro
Titolo internazionaleOnly Yesterday
Anno1991
GenereAnimazione,
ProduzioneGiappone
Durata118 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diIsao Takahata
AttoriMiki Imai, Toshirô Yanagiba, Youko Honna, Mayumi Iizuka, Masahiro Ito Chie Kitagawa, Yoshimasa Kondô, Yuuki Masuda, Yuki Minowa, Issei Takahashi, Michie Terada, Yorie Yamashita.
Uscitagiovedì 4 luglio 2024
TagDa vedere 1991
DistribuzioneLucky Red
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti
MYmonetro 3,72 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Isao Takahata. Un film Da vedere 1991 con Miki Imai, Toshirô Yanagiba, Youko Honna, Mayumi Iizuka, Masahiro Ito. Cast completo Titolo originale: Omohide Poro Poro. Titolo internazionale: Only Yesterday. Genere Animazione, - Giappone, 1991, durata 118 minuti. Uscita cinema giovedì 4 luglio 2024 distribuito da Lucky Red. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: Film per tutti - MYmonetro 3,72 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Pioggia di ricordi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 3 luglio 2024

Un'impiegata ventisettenne viaggia nella campagna mentre ricorda la sua infanzia a Tokyo. In Italia al Box Office Pioggia di ricordi ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 106 mila euro e 57,5 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,72/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA
PUBBLICO 3,43
CONSIGLIATO SÌ
Un'egloga sul distacco definitivo dalla tormentata età dell'adolescenza, raccontata con il tocco agrodolce di Takahata.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 16 marzo 2020
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 16 marzo 2020

1982. Taeko, lavoratrice single di città, ritorna in campagna, nella regione di Yamagata, come attratta da una forza invisibile. Qui viene ospitata dalla famiglia di Toshio, semplice e di buon cuore, che si dimostra premuroso nei suoi confronti. Mentre assapora le delizie della vita agreste, Taeko rivive pagine solitarie e dolorose della propria infanzia e adolescenza negli anni Sessanta, quando il desiderio di esprimere la propria personalità era sistematicamente oppresso dalle decisioni paterne.

Intriso di lirismo già dallo splendido titolo originale - Omohide poro poro, suono onomatopeico che si rifà al rumore delle gocce di pioggia battente - Pioggia di ricordi è forse il film ideale per avvicinarsi all'"altra metà del cielo" dello Studio Ghibli, ossia Isao Takahata, cofondatore insieme al ben più celebre e celebrato Hayao Miyazaki.

Dove quest'ultimo in genere lavora su elementi fantastici per sviscerare dubbi e paure dell'animo umano, Takahata predilige ambientazioni realistiche e si concentra sulla psicologia di personaggi, imprigionati dalle convenzioni oppure da invincibili forze esterne. Alla seconda categoria appartiene il tragico La tomba delle lucciole, mentre Pioggia di ricordi è emblematico della prima e svolto su un registro di commedia. La protagonista, una donna single di 27 anni che viaggia in campagna, accompagnata dai ricordi dell'adolescenza, diviene il cancello attraverso cui scoperchiare un mondo di paure e insicurezze sopite, guardando ad esse da un punto di vista disincantato, benché ancora ferito dai traumi del passato. Per Taeko la vacanza agreste diventa la fatidica madeleinette proustiana e scatena una sequenza di impressioni che unisce fenomeni di costume - rock, minigonne - e passaggi di crescita - il primo ciclo mestruale, i primi amori. Takahata sembra smarrirsi in dettagli apparentemente trascurabili per estrarne piccoli haiku che contengono in sé minuscoli insegnamenti di vita. Ad esempio, quando la famiglia di Taeko si riunisce per assaggiare l'ananas - simbolo di esotismo, di delizia a lungo attesa e in fondo deludente (per tutti tranne che per Taeko stessa) - è come se venisse svelata la diversità di personalità della ragazzina, desiderosa di esprimersi ma bloccata dal tradizionalismo paterno.

Taeko adolescente rimane così perennemente vicina a quella matura, una presenza costante verso cui la donna continua a rinviare il doveroso commiato. Sarà la natura a fungere da catalizzatore, scatenando una reazione psichica, chimica e affettiva, che porterà Taeko alla tardiva maturazione. Un passaggio che non significa accettare un modello di vita conservatore e tradizionalista, bensì una nuova consapevolezza. Dove la vita di città rallenta la crescita individuale, la provincia e il viaggio esteriore e interiore compiuto verso di essa conducono all'emancipazione. Pioggia di ricordi è anche un esperimento azzardato e pienamente riuscito per lo Studio Ghibli, che guarda per la prima volta a un pubblico adulto e lo conduce in sala, conseguendo un successo straordinario al botteghino. Per distinguere i due piani narrativi Takahata ricorre a tratti differenti di disegno: semplice e quasi abbozzato quello legato al ricordo del passato, verista e sfaccettato quello del presente di Taeko. Tra le molte curiosità disseminate in modo meticoloso da Takahata, anche l'utilizzo della musica folk ungherese per sottolineare l'alterità del mondo agreste, in un'egloga indimenticabile su un tardivo rito di passaggio all'età adulta.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?

PIOGGIA DI RICORDI disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
€9,99 -
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 6 febbraio 2016
laurence316

Uno dei più misconosciuti film dello Studio Ghibli, in gran parte a causa della scarsa (quasi nulla) distribuzione al di fuori del Giappone, il 3° di Takahata, Pioggia di ricordi, tratto dall'omonimo manga di Okamoto e Tune, è un film d'animazione totalmente fuori dalla norma, un racconto realistico, nostalgico e romantico pensato per gli adulti.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 4 luglio 2024
Davide Di Giorgio
Sentieri Selvaggi

Il secondo lungometraggio animato che Isao Takahata realizza per lo Studio Ghibli (il primo è Una tomba per le lucciole) esce nel 1991. Tratto da un manga di Hotaru Okamoto e Yuko Tone, il film segna una tappa importante per lo Studio, imprimendo una svolta realistica che non implica necessariamente un affondare nel tragico (come accadeva in Una tomba per le lucciole).

NEWS
TRAILER
mercoledì 3 luglio 2024
 

Regia di Isao Takahata. Un film con Miki Imai, Toshirô Yanagiba, Youko Honna, Mayumi Iizuka, Masahiro Ito. Dal 4 al 10 luglio per la prima volta al cinema. Guarda il trailer »

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
RASSEGNA STAMPA
SHOWTIME
    Oggi distribuito in 2 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2024 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati