Wall Street

   
   
   

Classica americanata, ma estremamente preveggente Valutazione 3 stelle su cinque

di Lore64


Feedback: 3186 | altri commenti e recensioni di Lore64
sabato 30 ottobre 2010

Il filmetto in sé è una classica americanata, con una regia e una recitazione sopra le righe, personaggi caratterizzati in modo elementare e ripartiti fra buoni e cattivi, e happy end finale (l'azienda aerea si salva) con tanto di ravvedimento del protagonista e punizione dei cattivi. Idiozia per la plebe, insomma. Tuttavia il film offre una caratterizzazione indimenticabile, ed estremamente preveggente, del capitalismo terminale che è andato trascinando nella rovina l'impero statunitense ed i suoi satelliti nel corso degli ultimi trent'anni: un capitalismo retto da gente completamente disinteressata ad integrare la propria vita nell'ambito di una progettualità a lungo termine, ansiosa solo d'intascare soldi nel più breve tempo possibile facendo il meno possibile, in cui la finanza si è sradicata interamente dalla sua funzione originaria di supporto all'economia reale ed è diventata un mostro che fa il deserto dove passa, sgretolando tutto ciò di cui viene in possesso nell'ottica di massimizzare il rendimento del semestre successivo, senza minimamente curarsi se in tal modo sega l'albero che lo regge. Concisi ma estremamente azzeccati anche i collegamenti colla dimensione politica - "non crederai mica di vivere in una democrazia?" chiede Gekko al suo allievo - e con quello dell'arte degenerata, integratasi perfettamente nel mondo della speculazione dilagante, in cui si tratta di azzeccare quale "illusione" - quale moda o cordata - prevarrà nei mesi successivi allo scopo di moltiplicare il valore dell'obbrobrio partorito dall'imbrattatavole di turno ed acquistato a suon di milioni nel mondo delle aste truccate e della critica asservita, al pari della politica, alla plutocrazia finanziaria. Tutto: economia, arte, politica, persino la statistica usata per analizzare i dati economici, tutto diventa "illusione", un gioco delle allodole manipolabile da chi ha più soldi, più aggressività e meno scrupoli. Nei secoli a venire gli storici riconosceranno in questo filmetto un'acquaforte della parabola del "tramonto dell'Occidente" (O. Spengler) ormai giunto allo stadio terminale.

[+] lascia un commento a lore64 »
Sei d'accordo con la recensione di Lore64?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
24%
No
76%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Lore64:

Vedi tutti i commenti di Lore64 »
Wall Street | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | fabrizio cirnigliaro
  2° | gordongekko
  3° | ilpredicatore
  4° | ale9191
  5° | dux
  6° | filippo catani
  7° | antonio the rock
  8° | edueccì
  9° | nicolò
10° | http://www.ernyblog.com
11° | dado1987
12° | lore64
13° | enzo70
Premio Oscar (2)
Nastri d'Argento (2)
Golden Globes (2)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 |
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità