Alice nelle città

Acquista su Ibs.it   Dvd Alice nelle città   Blu-Ray Alice nelle città  
Un film di Wim Wenders. Con Rudiger Vogler, Yella Rottlander, Lisa Kreuzer, Edda Köchl, Ernest Boehm, Sam Presti, Lois Moran.
continua»
Titolo originale Alice in den Stadten. Drammatico, Ratings: Kids+16, durata 110 min. - Germania 1973. MYMONETRO Alice nelle città * * * - - valutazione media: 3,15 su 9 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Alice nella metropoli. Strade per una narrazione Valutazione 4 stelle su cinque

di Signora Aby


Feedback: 0 | altri commenti e recensioni di Signora Aby
lunedì 31 ottobre 2011

Strade d’America, una macchina, una polaroid, istantanee di un paesaggio che inevitabilmente parla della solitudine e dello sguardo interrogativo di chi lo attraversa. Immagini incrociate con freddezza, quasi a mimare e riprodurre in maniera ossessiva, il disagio e lo spaesamento indotti dai differenti piani dello spazio ai quali l’osservatore si affaccia; una spiaggia e la monotonia del mare, i rettilinei spogli e identici nelle periferie del North Carolina investite dal sole, lo Skyway Motel con vista sulle insegne al neon e le pubblicità che ricoprono gli edifici, prospettive effimere replicate dalla televisione, centro di gravità che si impone nella stanza, distorcendo e, allo stesso tempo, fiaccando ogni attenzione, su cui non manca di sfogarsi il disagio del protagonista, infine la frenesia dei marciapiedi di New York, cartoline della metropoli per antonomasia. In mezzo a questa diffrazione di luci, suoni e stati d’animo, la sola costante è la volontà di fuga del viaggiatore. Il desiderio del ritorno in Germania non è affatto mediato dal pensiero di recuperare le proprie origini. L’Heim che si è abbandonato non rappresenta in alcun modo l’insostituibile che solo può fare chiarezza sulla propria identità.
Schiacciato dal peso delle immagini che in America lo hanno braccato e infine accerchiato, e rendendosi conto dell’impossibilità di trarne qualsiasi immaginazione, il protagonista segue l’istinto di mettersi al riparo dallo stato allucinatorio con cui è in lotta da tempo.   
A fargli recuperare la strada di una narrazione sarà il nuovo viaggio che, in maniera del tutto casuale, comincia a fianco della piccola Alice. Accomunati da un abbandono, della propria identità nel caso del protagonista, della madre per ciò che riguarda Alice, la bambina dimostra comunque un attaccamento quasi commuovente alla realtà, riuscendo a riportarla anche alla percezione del suo compagno d’avventura.
Il lavoro di Wenders si potrebbe definire una regressione del punto di vista dell’immagine destinata a far risuonare le corde più fragili e nascoste dell’essere. Un flusso labirintico di prospettive e sensazioni che appaiono fatalmente e brutalmente iscritte l’una nell’altra. Ciò a cui siamo avviati è un’agghiacciante constatazione dell’accumularsi di movenze figurative che finiscono per governare la vita stessa. Eppure un simile convincimento ci permette di approdare a quel mito della trasparenza dell’esserci da cui ben volentieri si fece guidare anche André Breton; quel che conta, in un libro di epifanie, passages e ricordi come Nadja è proprio il tracciato narrativo che si risveglia nella “peripezia ambulatoria”, nello “hasard des rues” tessuto allo sguardo sul quotidiano.
Struggente rappresentazione dell’uomo moderno alle prese con un’identità in frantumi, eredità della guerra, Wenders è un cantore di quella divisione che occupa la Germania ma in cui, ci possiamo spingere a dire, l’intero corso della storia occidentale si specchia. Il dramma tedesco che ha occupato il XX secolo è quindi il termine di paragone che permette di avviare una riflessione sull’identità europea e che, sembra avvertirci la poetica di Wenders, è un frutto doloroso e perciò non lo si può cogliere se non passando per un’esperienza cruda, “a freddo”, cui l’impassibilità e l’aridità del “movimento” cinema sembrano adattarsi con impressionante naturalezza.    

Claudia Ciardi, ottobre 2011

 



 


[+] lascia un commento a signora aby »
Sei d'accordo con la recensione di Signora Aby?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
100%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Signora Aby:

Alice nelle città | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | fedeleto
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Foto | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità