La più bella serata della mia vita

Acquista su Ibs.it   Dvd La più bella serata della mia vita   Blu-Ray La più bella serata della mia vita  
Un film di Ettore Scola. Con Janet Agren, Alberto Sordi, Michel Simon, Charles Vanel, Pierre Brasseur.
continua»
Commedia, Ratings: Kids+16, durata 108 min. - Italia 1972. MYMONETRO La più bella serata della mia vita * * * 1/2 - valutazione media: 3,49 su -1 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
giulio andreetta mercoledì 28 ottobre 2020
grande capolavoro con alberto sordi Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
0%

Grande capolavoro con Alberto Sordi e regia di Ettore Scola. Si tratta di un adattamento cinematografico di un pezzo teatrale scritto da Friedrich Dürrenmatt. La trama è semplice e allo stesso tempo avvincente: un uomo che sta traghettando una considerevole somma di contanti in una banca svizzera rimane in panne con la sua auto in mezzo alle montagne. Qui riuscirà fortunosamente a ricevere ospitalità presso un antico castello medievale, ospite nientemeno che di un conte e di alcuni suoi amici. Ma tutti loro si rivelano essere giudici o avvocati in pensione che per diletto organizzano finti processi, e in questo caso l'imputato è proprio Alberto Sordi. [+]

[+] lascia un commento a giulio andreetta »
d'accordo?
renatoc. sabato 21 ottobre 2017
insolito film dell' albertone nazionale Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

Film mai più riproposto dopo la prima uscita, (negli anni '70 si usava ancora riproporre i films di alcuni anni prima nei periodi estivi!) e con rarississimi passaggi in TV! Mi è capitato di rivederlo pochi giorni fa e l'ho trovato un film veramente insolito! Un imprenditore italiano che segue un'esca, cioè una janet Agren in moto con casco ma con una scollatura che le arrivava al ventre e lo porta in un castello dove dei magistrati in pensione si dilettavano a fare dei processi a dei malcapitati ospiti! Qui il protagonista ritrova la motociclista nei panni di una cameriera del castello, ma non la riconosce! L'Albertone alla fine, anche attratto dall'idea di una possibile notte con la cameriera, accetta di lasciarsi processare, e lì vengono f [+]

[+] lascia un commento a renatoc. »
d'accordo?
parsifal venerdì 12 maggio 2017
l'inaspettato è sempre in agguato Valutazione 0 stelle su cinque
100%
No
0%

IL Maestro Scola, con la collaborazione di Amidei, nel 1972 decise di mettere su pellicola il racconto La Panne, Una storia ancora possibile diF. Durrenmatt, che collaborerà alla stesura della Sceneggiatura. Vicenda decisamente intrigante ed originale, condita con ironia e a tratti a tinte fosche, narra del viaggio di un manager italiano, spregiudicato e con pochi scrupoli, interpretato da A. Sordi, in Svizzera con il fine di esportare illegalmente dei capitali e depositarli nelle banche elvetiche. Terminata l'operazione, il gaudente manager non resiste alla tentazione di seguire una conturbante motociclista ( Janet Agren) sino a raggiungere una disagiata strada di montagna , in prossimità di un castello. [+]

[+] lascia un commento a parsifal »
d'accordo?
toty bottalla venerdì 2 agosto 2013
la morte ha gli occhi azzurri! Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Il racconto di dùrrenmatt è suggestivo ma forse un regista come scola avrebbe potuto distaccarsi di più dalla narrazione originale dando più mistero all'evento filmico steatralizzandolo un pò, il finale delude perchè privo di magia, sordi è bravo come sempre e janet agren...una dolce morte! Saluti.

[+] lascia un commento a toty bottalla »
d'accordo?
marco governi giovedì 7 marzo 2013
confesso di avere peccato in parole opere e omi... Valutazione 4 stelle su cinque
43%
No
57%

Alberto Sordi in grande forma, smagliante. Un film onirico. Come può essere una corte che giudica il comportamento sociale di un individuo (SordI), che non ha commesso nessun reato effettivo, ma che il suo malanimo e desiderio di successo lo rendono meschino, piacione, succube degli eventi, approfittatore, tenero. Un processo alla coscienza di Sordi (forte l'influsso Freudiano). I giudici ti obbligano a confrontarti con la tua coscienza, vita vissuta fino a quel momento. Quanti ne avrebbero voluti condannare di imputati, colpevoli solo di meschinità e di avere desiderato il male? Con questo gioco hanno l'occasione. Bellissima Simonetta diavolo tentatore all'inizio del film e angelo della morte alla fine.

[+] lascia un commento a marco governi »
d'accordo?
marco petrini mercoledì 11 luglio 2012
la giustizia divina? Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
0%

Il film è bello fino al Giudizio del Tribunale: il finale del film è veramente sconcertante. Peccato, un film da quattro stelle, interpretato discretamente, con un sempre discreto Alberto Sordi, reso poco gradevole da un finale che, come minimo, sembra tirato via. Meritava certamente una conclusione diversa.

[+] lascia un commento a marco petrini »
d'accordo?
dario giovedì 29 settembre 2011
pasticciato Valutazione 2 stelle su cinque
0%
No
100%

Il finale rovina tutto. Peccato perchè il meccanismo funziona bene, la recitazione è gradevole e l'ambientazione perfetta. Sordi funziona perchè interpreta soltanto, non dirige (ultima, sciagurata parte della sua carriera: la perla della quale è la recitazione in Tutti a casa). I 4 francesi sanno recitare anche senza parlare. Una Janet Agren, poi, al top in tutti i sensi.

[+] lascia un commento a dario »
d'accordo?
fsromait lunedì 22 marzo 2010
torno dopo aver letto l'originale di durrenmatt e Valutazione 5 stelle su cinque
88%
No
13%

... non posso fare a meno di ribadire che, semmai, il grande Ettore Scola e Sergio Amidei non hanno snaturato nulla bensì, semmai, non possono aver fatto altro che, sapientemente, sviluppare e ampliare i significati intrinseci all'opera dello scrittore svizzero. Molto bello il preambolo narrativo del breve libro; belli i dialoghi e le battute della prima parte, che si ritrovano quasi invariati nel film; tuttavia, il "divenire" e la "nemesi" finale, rappresentati nell'opera di Scola, a mio avviso trascendono di gran lunga gli spazi e i tempi relativamente angusti e affrettati della pura ed essenziale narrazione originale. Scola e Amidei conferiscono al racconto, insieme all'ambientazione "sperduta" tra le montagne svizzere, un elemento onirico e, ripeto, "senza tempo", che non sono riuscito a ritrovare nel libro; quest'ultimo ha un valore di "prodromo" ispiratorio che richiedeva di essere raccolto e fatto evolvere. [+]

[+] lascia un commento a fsromait »
d'accordo?
ludwigo sabato 10 gennaio 2009
sordi strabiliante Valutazione 5 stelle su cinque
83%
No
17%

Bellissimo film, uno dei miglio del Sordi anni Settanta

[+] lascia un commento a ludwigo »
d'accordo?
carla g. giovedì 25 ottobre 2007
film "la più bella serata della mia vita" Valutazione 4 stelle su cinque
91%
No
9%

neppure io capisco perchè questo film sia stato dimenticato, soprattutto dalla critica . D'accordo, si discosta molto dall'originale dal racconto di Duerrenmatt, ma è dichiaratmente aquesto "liberamene ispirato". Grande cast, gande Sordi, atmosfera magica, sospesa nel tempo, e finale carico di significati (ineluttabilità del "giudizio" che aspetta ciascuno di noi, come è scritto in uno dei precedenti commenti) .

[+] lascia un commento a carla g. »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
La più bella serata della mia vita | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | parsifal
  2° | renatoc.
  3° | giulio andreetta
  4° | marco governi
Shop
DVD
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità