La mia droga si chiama Julie

Film 1969 | Drammatico 120 min.

Titolo originaleLa sirène du Mississippi
Anno1969
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia, Italia
Durata120 minuti
Regia diFrançois Truffaut
AttoriJean-Paul Belmondo, Catherine Deneuve, Nelly Borgeaud, Martine Ferrière, Marcel Berbert Yves Drouhet, Michel Bouquet, Roland Thenot.
TagDa vedere 1969
MYmonetro 3,17 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di François Truffaut. Un film Da vedere 1969 con Jean-Paul Belmondo, Catherine Deneuve, Nelly Borgeaud, Martine Ferrière, Marcel Berbert. Cast completo Titolo originale: La sirène du Mississippi. Genere Drammatico - Francia, Italia, 1969, durata 120 minuti. - MYmonetro 3,17 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La mia droga si chiama Julie tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un industriale dell'isola di La Réunion s'innamora follemente d'una ragazza conosciuta tramite un'inserzione matrimoniale.

Consigliato sì!
3,17/5
MYMOVIES 3,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Cinema
Trailer
Un film sulla conoscenza della realtà attraverso l'amore.
Recensione di Alessandro Regoli
Recensione di Alessandro Regoli

Coltivatore di tabacco sull'isola di Reunion, Louis Mahé (Jean-Paul Belmondo) è un giovane che non sa nulla delle vicende della vita e dell'amore. Una volta conosciuta la bella Julie (Catherine Deneuve) tramite un annuncio su un giornale e dopo una fitta corrispondenza, i due decidono di sposarsi.
Il giorno del fatidico incontro, però, all'appuntamento si presenta una Julie diversa, più bella, più affascinante, cui Louis non sa resistere. Dopo un'iniziale idilliaca convivenza, appena segnata da qualche piccola perplessità che ogni tanto turba il sentimento puro di Louis, Julie finirà per rivelarsi una persona diversa.
Tratto dal romanzo "La sirène du Mississipi" di William Irish (edito in Italia con il titolo di Vertigine senza fine) e preannunciato nel film precedente, Baci rubati, quando Jean-Pierre Léaud tiene in mano una copia di questo libro, Truffaut realizza un giallo che strizza l'occhio alle atmosfere e alle figure hitchockiane e omaggia Jean Renoir (cui il film è dedicato) citando nella sequenza iniziale La Marsigliese.
La mia droga si chiama Julie è un film sulla conoscenza della realtà attraverso l'amore. Una realtà che per il sognatore Louis si rivela più dura di quanto avesse immaginato e per Julie una piacevole scoperta di un sentimento che forse non avrebbe mai pensato di poter provare. Ma i due, per poter vivere la loro storia d'amore, devono lasciarsi alle spalle le loro vite precedenti, fatta di falsità e abitudini piccolo- borghesi per Louis, di truffe e bugie per Louis/Marion.
Un giallo ottimamente costruito nella prima mezz'ora in cui gli indizi e i dettagli si accumulano fin dal momento in cui Luis/Marion, vera e propria Sirena che ammalia l'ingenuo Louis, scende dalla nave (la Mississipi) facendo insinuare il sospetto che dietro una relazione apparentemente perfetta si nasconda un mistero che aspetta soltanto di essere disvelato. Un giallo che perde di tensione quando, nella seconda parte, al mistero si sostituisce il bisogno l'uno dell'altra, il desiderio totalizzante di stare insieme, contro tutto e contro tutti, che finisce per trasformare il loro rapporto in una vera e propria vertigine senza fine.

Sei d'accordo con Alessandro Regoli?

Un industriale dell'isola di La Réunion s'innamora follemente d'una ragazza che arriva dalla Francia in seguito a un'inserzione matrimoniale e che è molto più bella del previsto. La donna si rivelerà presto una truffatrice ma l'industriale, pur di rimanere con lei, diventerà suo complice non esitando neppure di fronte all'omicidio.


LA MIA DROGA SI CHIAMA JULIE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 14 novembre 2011
Luca Scialo

Lous Mahé è il ricco proprietario di una fabbrica di tabacco sull'isola ri Reunion, isola africana colonia francese. Conosce su un giornale di annunci una donna, Julie Roussel, con la quale, dopo un periodo di corrispondenze, si incontra. La donna è diversa da quella in foto, ma è anche più bella. I due si sposano ma ben presto affioriranno molti lati strani della [...] Vai alla recensione »

martedì 14 agosto 2012
Francesca Giulia

Anche se non fosse bello il film "La mia droga si chiama Joulie" in francese "La sirène du Mississipi" merita di essere visto solo per la presenza di Catherine Deneve, in una delle sue più splendide apparizioni, in questo ruolo di femme fatale fredda e ambigua. Questo film, forse meno conosciuto di altri di Truffaut,come "Effetto notte", "Baci rubati" o "La signora della porta accanto", è veramente [...] Vai alla recensione »

domenica 13 novembre 2011
fedeleto

Un uomo,ricco proprietario di un industria che fabbrica tabacco,vuole prendere moglie,e con un annuncio conosce una donna bellissima.Appena si sposano egli decide di cointestare tutti i suoi conti anche a lei,peccato che pochi giorni dopo ella sia fuggita con il malloppo e che in realta' non sia la Julie che lui aveva conosciuto per via epistolare,ma in realta' sia una ladra esperta a sedurre [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 dicembre 2009
ralphscott

Da Réunion alla Costa Azzurra,una contradditoria Deneuve ama e minaccia il ricchissimo Belmondo,cieco d'amore. Julie,nel DVD distribuito in Italia,si spoglia una sola volta (anziché due),ma affascina sin dalla sua comparsa,con canarino appresso. Dolce e spietata

domenica 22 ottobre 2017
Francis Metal

Qui si vede che Truffaut vedeva i film di Hitchcock, non capivo come mai il regista di Effetto Notte e i 400 colpi amasse tanto Hitchcock... Questo è un film micidiale, un uomo perde la testa per una bellissima donna, e continua ad amarla anche se scopre che gli ha mentito ed è una criminale.

martedì 14 agosto 2012
Francesca Giulia

Anche se non fosse bello il film "La mia droga si chiama Joulie" in francese "La sirène du Mississipi" merita di essere visto solo per la presenza di Catherine Deneve, in una delle sue più splendide apparizioni, in questo ruolo di femme fatale fredda e ambigua. Questo film, forse meno conosciuto di altri di Truffaut,come "Effetto notte", "Baci rubati" o "La signora della porta accanto", è veramente [...] Vai alla recensione »

Frasi
- Non trovi che la donna delle pulizie ha l'aria losca?
- Tu vedi il male dappertutto!
- Non vedo il male dappertutto, è dappertutto!
Dialogo tra Louis Mahè (Jean-Paul Belmondo) - Julie Roussel; Marion Vergano (Catherine Deneuve)
dal film La mia droga si chiama Julie - a cura di ar
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati