Un milione di anni fa

Film 1966 | Avventura 100 min.

Titolo originaleOne Million Years B.C.
Anno1966
GenereAvventura
ProduzioneGran Bretagna
Durata100 minuti
Regia diDon Chaffey
AttoriJohn Richardson, Raquel Welch, Percy Herbert, Robert Brown, Martine Beswick, Jean Wladon, Lisa Thomas, Malya Nappi, Richard James, William Lyon Brown Frank Hayden, Terence Maidment, Micky De Rauch, Yvonne Horner.
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Don Chaffey. Un film con John Richardson, Raquel Welch, Percy Herbert, Robert Brown, Martine Beswick, Jean Wladon, Lisa Thomas, Malya Nappi, Richard James, William Lyon Brown. Cast completo Titolo originale: One Million Years B.C.. Genere Avventura - Gran Bretagna, 1966, durata 100 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Un milione di anni fa tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il film è ambientato agli albori della vita umana. Un selvaggio delle rocce viene salvato da una ragazza della tribù del mare che egli salva a sua vol...

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,75
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer

Il film è ambientato agli albori della vita umana. Un selvaggio delle rocce viene salvato da una ragazza della tribù del mare che egli salva a sua volta dall'attacco di un gigantesco animale. Dopo molte avventure le due tribù si scontrano; a far cessare la battaglia è una violenta eruzione che lascia solo pochi sopravvissuti.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Rifacimento di Sul sentiero dei mostri (1940, USA) di Hal Roach. Forse il più Kitsch dei film sull'era paleolitica, sugli uomini delle caverne in lotta tra di loro, per ragioni di territorio e di donne (la bella Loana), e contro dinosauri e vulcani in eruzione. Conta per i trucchi speciali, i mostri semoventi e l'alto artigianato di Ray Harryhausen, le musiche di Mario Nascimbene, l'anatomia dirompente di R. Welch il cui poster fece furore tra i ragazzi del '68.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Il giovane Tumak, insofferente della crudeltà di suo padre Akhoba, è cacciato dalla tribù degli uomini delle montagne. Sceso lungo la costa rischia di essere ucciso da una testuggine gigantesca, ma viene salvato da Loana e da altri uomini del popolo del mare. Entrato, poi, in conflitto con il capo Ahot Tumak fugge insieme a Loana e torna sulle montagne dove Akhoba, nel frattempo, è stato deposto dall'altro suo figlio Sakana. Mentre la presenza della ragazza accende la passione del nuovo capo, la tribù deve affrontare gli uomini del mare che hanno seguito le tracce dei fuggiaschi. Una spaventosa eruzione vulcanica pone fine all'insensata guerra. Per i pochi superstiti, tra i quali i due giovani amanti, si tratta adesso di affrontare una nuova vita.
Abbandonato un progetto di rifare King Kong, la Hammer realizza un remake di Sul sentiero dei mostri affidandosi all'esperienza di Ray Harryhausen ed alla prorompente bellezza di Raquel Welch. Il risultato è un grosso successo che rilancia il filone pseudofantascientifico delle avventure in mondi preistorici, nel quale la verità preistorica è allegramente negata. In questo e in altri film (e già in quello del 1940) cavernicoli dalle sembianze di "fusti" hollywoodiani e di affascinanti "cover-girl" combattono dinosauri, pterodattili, ceratosauri, brontosauri, triceratopi ed altri animali estinti da tempo. Nel film di Don Chaffey il ritratto della vita tribale è quanto mai approssimativo: i personaggi si esprimono con suoni gutturali e la principale differenza tra il popolo delle montagne e il popolo del mare è dato dal colore dei capelli e dall'uso delle armi. Il racconto è una storia di avventure e di amore nella cornice di una natura selvaggia - gli esterni vennero girati nelle isole Canarie - pronta a scatenarsi nella furia degli elementi. Per la realizzazione dei trucchi, Harryhausen si servì della stop-motion ma accettò anche - per ragioni di economia - di ingigantire con effetti ottici comunissimi rettili. Tra le scene più emozionanti, quella in cui la bella Raquel Welch viene germita dalle zampe di uno pterodattilo.Inizialmente il ruolo di Loana era stato proposto ad Ursula Andress che aveva già lavorato, un anno prima, con la Hammer e con John Richardson in La dea della città perduta. La colonna sonora di Mario Nascimbene utilizza - con notevole anticipo sulle rielaborazioni musicali computerizzate - il sistema del "Mixerama" che consente di dilatare in studio un suono strumentale o vocale alterandone la qualità e la durata. Il musicista italiano sottolinea ed integra mirabilmente gli effetti di Harryhausen ed accompagna lo svolgimento della vicenda fin dal prologo nel quale polveri cosmiche, spirali di nebbia ed eruzioni portentose compendiano in pochi minuti la nascita del mondo.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati