Questa è la mia vita

Film 1962 | Drammatico 85 min.

Regia di Jean-Luc Godard. Un film Da vedere 1962 con Anna Karina, Sady Rebbot, Gilles Queant, André S. Labarthe, Guylaine Schlumberger. Cast completo Titolo originale: Vivre sa vie. Genere Drammatico - Francia, 1962, durata 85 minuti. - MYmonetro 3,47 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Questa è la mia vita tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 2 marzo 2016

Godard, partendo da un'inchiesta giornalistica, racconta le vicende di Nanà che diventa prostituta. La versione dvd di Ermitage presenta finalmente la versione originale integrale francese, unitamente alla versione censurata che circolò in Italia. Il film è stato premiato al Festival di Venezia,

Consigliato sì!
3,47/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 3,94
CONSIGLIATO SÌ
Da commessa Nanà diventa prostituta nel Godard più Brechtiano.

Da commessa Nanà diventa prostituta: ha cominciato occasionalmente per bisogno urgente di denaro, poi è rimasta definitivamente sul marciapiede. Tenta di liberarsi del suo protettore, che non è affatto d'accordo. Jean-Luc Godard, partendo da un'inchiesta giornalistica ("Où en est avec la prostitution?" di Marcel Sacotte) utilizza una suddivisione decisamente poco convenzionale, di stampo brechtiano, in 12 quadri, con episodi non legati fra loro e preannunciati da una didascalia, omaggio al cinema muto - così come la citazione de La passione di Giovanna d'Arco di Dreyer. Alla ricerca di quel "definitivo per caso" che Godard individuava nell'immediato, il film si avvale di frequenti piani-sequenza, della presa diretta del suono, di sequenze montate a blocchi, dell'introduzione di brani letti dagli attori che accentuano l'effetto di straniamento, e di una molteplicità di registri, che anticipa molti temi del cinema godardiano successivo.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nanà (Karina), giovane commessa, diventa una professionista del marciapiede. Ha anche un protettore, Raoul (Rebbot) che, oltre a darle istruzioni e porle divieti, la vende. Non essendo l'acquirente d'accordo sul prezzo, ne nasce un alterco, seguito da una sparatoria... 4° lungometraggio di J.-L. Godard (e il 3° con la danese Karina, nome d'arte di Ann Karin Bayer), è considerato da alcuni l'opera meno invecchiata e più adulta del suo primo periodo, quella in cui le invenzioni appaiono più congeniali e integrate a un progetto che non è soltanto cinematografico. I 12 quadri - nei quali Nanà vive la sua vita, rivelandone casuali frammenti - hanno registri diversi (sociologico, documentario, letterario, cinematografico: quello in cui al cinema Nanà piange vedendo la morte della Giovanna d'Arco di Dreyer) con linguaggi diversi, non uniti da una logica narrativa, ma giustapposti, forse ricombinabili: "vivere la propria vita", accettarla com'è, mostrarla nella sua mescolanza di realtà e di finzione (rappresentazione), ma anche aiutarne una comprensione, aprire a un possibile giudizio. Affrontato altrove in modi obliqui, allusivi, episodici, qui il tema della prostituzione diventa centrale. Lo spunto è quello di un'inchiesta giornalistica ( Où en est avec la prostitution? di Marcel Sacotte), ma "le domande e le risposte vere vengono da ben più lontano, come rivela la citazione da Montaigne che apre il film: ‘Bisogna prestarsi agli altri e donarsi a sé stessi’" (A. Farassino). Premio speciale della giuria a Venezia.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

QUESTA È LA MIA VITA disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€12,99
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 10 ottobre 2016
giorgia1971

Considerato uno dei capolavori di J.L. Godard,concepito come un'opera d'arte ,una sintesi di tutte le arti(riconosciute o no),mischiando dunque fotografia(splendido il bianco e nero),musica,scrittura(dialoghi),filosofia e letteratura. Nonostante il film sia concentrato sul tema della prostituzione Godard riesce con estrema maestria a "raccontarcelo" ,elegantemente con disincanto(ma solo apparente) [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 ottobre 2016
giorgia1971

  Considerato uno dei capolavori di J.L. Godard,concepito come un'opera d'arte ,una sintesi di tutte le arti(riconosciute o no),mischiando dunque fotografia(splendido il bianco e nero),musica,scrittura(dialoghi),filosofia e letteratura. Nonostante il film sia concentrato sul tema della prostituzione Godard riesce con estrema maestria a "raccontarcelo" ,elegantemente con [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 febbraio 2015
il befe

ottima storia

Frasi
Non sono cattivo, Nanà, sono triste.
E io non sono triste, Paul, sono cattiva.
Dialogo tra Nanà (Anna Karina) - Paul (André S. Labarthe)
dal film Questa è la mia vita
winner
premio speciale della giuria
Festival di Venezia
1962
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati