La parola ai giurati [1]

Acquista su Ibs.it   Dvd La parola ai giurati [1]   Blu-Ray La parola ai giurati [1]  
Un film di Sidney Lumet. Con E.G. Marshall, Lee J. Cobb, Henry Fonda, Martin Balsam, Ed Begley.
continua»
Titolo originale Twelve Angry Men. Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 95 min. - USA 1957. MYMONETRO La parola ai giurati [1] * * * * - valutazione media: 4,38 su 32 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
pensionoman lunedì 11 aprile 2011
cos'è un capolavoro. la lezione di sidney lumet... Valutazione 5 stelle su cinque
96%
No
4%

è incredibile come un film di quasi 60 anni fa, girato in bianco e nero, interamente in un'unica stanza, interamente basato sui dialoghi dei 12 protagonisti, sia un perfetto capolavoro dell'arte cinematografica, che regge a distanza di oltre mezzo secolo al gusto dello spettatore moderno, soddisfacendolo ampiamente con la sua modernità e attualità, ed anzi lasciandolo stupito per la qualità della sua dimensione creativa e il livello di introspezione dei personaggi. sapiente spaccato della giustizia (non solo americana), narra con straordinario appassionante realismo della lunga discussione tra i dodici giurati in una camera di consiglio che deve decidere della vita di un giovane imputato accusato dell'omicidio del padre. [+]

[+] lascia un commento a pensionoman »
d'accordo?
dr. o' le' giovedì 28 dicembre 2006
l'opera prima di sidney lumet Valutazione 4 stelle su cinque
88%
No
12%

Il titolo originale è rivelatore: Twelve Angry Men, dodici uomini arrabbiati. Questo è lo stato d’animo della maggior parte dei solerti cittadini che vengono scelti per presiedere la giuria in un processo. C’è chi ha altro da fare e va di fretta, chi , incattivito dalla vita, è propenso ad un giustizialismo spinto, chi considera quei momenti solo una perdita di tempo da ridurre al minimo. Non importa che in ballo ci sia la vita di un giovane ragazzo – che ha l’ “aggravante” di essere di origini ispaniche -, accusato di parricidio. Le prove sembrano schiaccianti, il tempo corre e sono tutti d’accordo sulla sua colpevolezza. O meglio quasi tutti. Il giurato numero otto infatti (il “buono” per antonomasia, Henry Fonda – meno che per Leone nel suo C’era una volta il West -) si pronuncia alla prima votazione con un laconico “not guilty”, non colpevole – memorabile la scena dello spoglio dei voti -. [+]

[+] lascia un commento a dr. o' le' »
d'accordo?
iverson 3 mercoledì 28 giugno 2006
un capolavoro senza tempo Valutazione 5 stelle su cinque
76%
No
24%

Film di denuncia sul sistema giustizia negli USA, con un cast al limite della leggenda (dove il protagonista H.Fonda finisce per risultare il meno convincente).In un ordinamento democratico è possibile affidare al popolo la decisione sulla colpevolezza degli imputati?Secondo Lumet il pericolo è quello di un giudizio sommario e parziale, dove ogni giurato introduce valutazioni e pensieri personali al limite del pregiudizio.Razzismo, conflitto generazionale, superficialità e indifferenza sono capaci di celarsi dietro ad ogni uomo comune e vengono via via in evidenza grazie alla razionalità di un solo giurato.Quello che impressiona non è la ricostruzione dei fatti, l'aspetto giallo del film (comunque da non sottovalutare), ma la descrizione di un ambiente, di personaggi e del loro modo di relazionarsi in quel contesto. [+]

[+] e la giustizia italiana? (di dvdcrc)
[+] lascia un commento a iverson 3 »
d'accordo?
ale14 mercoledì 13 giugno 2012
intramontabile Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

L'opera di Sidney Lumet è qualcosa di veramente straordinario: ambientare in un'unica stanza ( fatta eccezione per i primi 2 minuti in tribunale) un film  e riuscire a non renderlo noioso e pesante ma contrariamente coinvolgente e avvincente. Il titolo originale : "Twelve angry men", descrive pienamente lo stato d'animo dei protagonisti, dodici semplici cittadini chiamati a fare da giudici per un caso di omicidio sul quale non sembra esserci il minimo dubbio e invece uno ragionevole  si manifesterà in uno solo dei giudici,il quale  andrà contro gli altri undici che proclameranno colpevole l'imputato.
Da qui nascerà la rabbia degli uomini verso il giurato n8 (interpretato magistralmente da Henry Fonda) che pur non avendo prove, pur non giudicando pienamente innocente l'accusato, mostrerà come si debba andare sempre  a fondo di una vicenda perchè può fuoriuscire  qualche dubbio anche quando tutto sembra già orientato verso una certa decisione e  nella sua lotta impari cercherà di far cambiare opinione a tutta la giuria. [+]

[+] lascia un commento a ale14 »
d'accordo?
andy giovedì 7 aprile 2005
unico Valutazione 5 stelle su cinque
77%
No
23%

magari la macchina della giustizia americana funzionasse come nel film di lumet.

[+] lascia un commento a andy »
d'accordo?
dado1987 lunedì 7 marzo 2011
magistrale Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

95 minuti, 12 Uomini, 4 finestre, 2 stanze, 1 film capolavoro. Sidney Lumet è un grande vecchio che non ha bisogno di alcuna presentazione; di una bravura tale da riuscire a creare un film geniale con la sola forza delle parole. Pochi sono i registi che ci sono riusciti, ed in questo caso il merito va anche agli attori, in particolare al magistrale Henry Fonda. La storia è quella di una giuria di 12 persone: devono valutare l'innocenza o la colpevolezza di un ragazzo accusato di aver ucciso il padre. All'inizio solo il candidato n 8 (Fonda), pensa che ci sia la possibilità, nonostante le prove di colpevolezza, che il ragazzo sia innocente. [+]

[+] lascia un commento a dado1987 »
d'accordo?
luigi chierico venerdì 17 gennaio 2014
vai ad ascoltarli Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Chi potrà assistere alla proiezione di questo straordinario film, potrà dirsi, a giusta ragione, di essere fortunato. L’ho visto più di una volta perché, anche quando lo danno in tv, non posso perdere l’occasione di rinnovare il piacere che provai quando lo vidi la prima volta. Il film va gustato in una sala di proiezione, o comunque in assoluto silenzio, non ci si può distrarre, occorre la massima concentrazione. Il continuo serrato dialogo, che mette in gioco la vita di un giovane che i 12 giurati sono stati chiamati a giudicare se oltre ogni ragionevole dubbio è colpevole oppure innocente., sembra richiedere la tua partecipazione al dibattito, è coinvolgente. La trama non importa, i personaggi, dall’imputato ai giurati, dal morto ai testi, non hanno bisogno di un nome, loro son quel che sono, sono tutti i giurati del mondo di cui nessuna cronaca fa il nome. [+]

[+] lascia un commento a luigi chierico »
d'accordo?
tommaso82 mercoledì 9 febbraio 2011
a dir poco meraviglioso Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

come fare un capolavoro utilizzando 2 location (tribunale e stanza dei giurati) 12 meravigliosi attori e una storia di parricidio
Ti tiene incollato alla poltrona 
decisamente di gran lunga superiore a molti panettoni Hollywoodiani che producono oggigiorno e che incassano milioni di dollari(immeritatamente)

[+] lascia un commento a tommaso82 »
d'accordo?
samanta mercoledì 5 settembre 2018
12 uomin arrabbiati Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Il film è un capolavoro dopo 60 anni di vita,La regia è di Sidney Lumet al suo primo film pur avendo alle spalle numerose regie televise anche con attori che sarebbero diventati famosi come Grace Kelly. Successivamente fu regista in famosi flims per tutti: Quinto potere e il Verdetto. La sceneggiatura è di Reginald Rose tratta da un suo dramma teatrale. L'origine teatrale è evidente perché il film è ambientato praticamente in una sola stanza dove sono riuniti i 12 giurati che devon giudicare un parricidio che in caso di colpevolezza avrebbe comportato per il giovane imputato la pena di morte. Di tutti i giurati si viene a sapere il nome di 3 ,1 all'inizio e 2 nel finale. [+]

[+] lascia un commento a samanta »
d'accordo?
nonhosonno2015 mercoledì 23 marzo 2016
un'opera d'arte Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

L'esordio di Sidney Lumet è un capolavoro senza tempo. Intrattenere, tenere alta l'attenzione, non annoiare per quasi 100 minuti è un'impresa che può riuscire solo ai più grandi, infatti così su due piedi mi vengono in mente Polanski e Hitchcock. Rimanendo su La parola ai giurati (12 angry men) non si può che lodare la sceneggiatura, seppur con qualche forzatura nel presentare i "ragionevoli dubbi", la regia perfetta e la prova degli attori, che riescono ad impersonare dei soggetti praticamente anonimi. Sì, perchè dei protagonisti sappiamo ben poco, di alcuni nulla, di nessuno i nomi (solo i due giurati più attivi si presentano alla fine della pellicola) ma sono subito lampanti le loro personalità. [+]

[+] lascia un commento a nonhosonno2015 »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
La parola ai giurati [1] | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | pensionoman
  2° | dr. o' le'
  3° | iverson 3
  4° | andy
  5° | ale14
  6° | dado1987
  7° | tommaso82
  8° | luigi chierico
  9° | nick simon
10° | nonhosonno2015
11° | samanta
12° | antonio2011
13° | luca scial�
14° | fabio57
15° | giorgio
Rassegna stampa
Gian Piero dell'Acqua
Premio Oscar (3)
Nastri d'Argento (2)
Nastri d'Argento (2)
Festival di Berlino (1)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità