La macchina ammazzacattivi

Film 1948 | Commedia +13 80 min.

Anno1948
GenereCommedia
ProduzioneItalia
Durata80 minuti
Regia diRoberto Rossellini
AttoriGiacomo Furia, Marilyn Buferd, William Tubbs, Giovanni Amato, Joe Falletta, Piero Carloni Pietro Carloni, Clara Bindi, Aldo Giuffré, Gennaro Pisano, Helen Tubbs, Joann Falletta, Camillo Buonanni, Carlo Giuffrè, Aldo Nanni, Gaio Visconti.
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Roberto Rossellini. Un film con Giacomo Furia, Marilyn Buferd, William Tubbs, Giovanni Amato, Joe Falletta, Piero Carloni. Cast completo Genere Commedia - Italia, 1948, durata 80 minuti. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi La macchina ammazzacattivi tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La macchina ammazzacattivi è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 1,00
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Critica
Cinema
Trailer
Commedia fantastica dove gli umili trovano il loro riscatto.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Il fotografo Celestino, che vive in un paese della costiera amalfitana, riceve la visita di uno strano personaggio il quale gli dona un potere molto particolare: fotografando nuovamente la fotografia di una persona può decretarne la morte. Celestino inizialmente pensa di avere sognato Sant'Andrea, protettore del paese, che lo ha invitato così a fare giustizia in favore di coloro che subiscono quotidiani soprusi. Scoprirà progressivamente che pochi si salverebbero dalla sua temibile macchina fotografica perché l'egoismo e la rapacità sono ampiamente diffusi.
La critica del tempo rimproverò a Rossellini quella che si riteneva un'evasione dalla denuncia diretta della realtà che aveva costituito l'elemento dominante di film come Roma città aperta o Paisà. Ma si trattava della forza d'inerzia che talvolta trascina i recensori a ricercare nell'opera di un regista (in questo caso di un Maestro) il ripetersi di elementi stilistici e di contenuto salvo poi lanciare l'accusa di monotonia. Certo qui Rossellini è più legato che altrove alla mai troppo amata sceneggiatura a cui non partecipa e che ha come proprio antecedente un soggetto che vede la firma, accanto a quella di Filippo Sarazani, di Eduardo De Filippo. Il segno dell'autore/attore/regista si sente non tanto nella caratterizzazione campana (il film è girato a Maiori) quanto per lo sguardo impietoso che viene lanciato sulle debolezze umane a cui solo nel finale si offre una 'morale' che comprenda la misericordia. L'impianto iniziale chiarisce gli intenti con quella scena di cartone che viene progressivamente costruita dal regista demiurgo: siamo dinanzi a una commedia ma in essa nessuno verrà risparmiato. A partire dai 'liberatori' americani che ora tornano nei luoghi dove pochi anni prima erano sbarcati ipotizzando di poter eliminare l'antico cimitero per far posto a un centro turistico che attiri i propri compatrioti sulle coste tirreniche.
Rossellini, che punisce chi fu fascista costringendolo a una rigidità cadaverica con tanto di braccio alzato, non è tenero neppure con la neonata democrazia. Intrighi, soperchierie, tentativi di accaparrarsi il denaro pubblico a fini privati... non manca nulla di ciò che a più di sessant'anni dalla realizzazione del film continua a far parte delle cronache quotidiane. Non manca però anche un'attenzione antropologica che già fa parte dell'estetica dell'autore e che troverà poi modo di esplicarsi ulteriormente (e con tutt'altro taglio narrativo) in film come Stromboli. Le processioni, i funerali, i momenti collettivi (anche quando hanno il sapore popolar-boccaccesco degli uomini che vanno a spiare l'americana in spiaggia in bikini) fanno percepire lo sguardo di un uomo di cinema curioso intento a cogliere l'ancestralità di alcune manifestazioni che travalicano l'individuo immergendolo in una sorta di vitalità primigenia e forse anche pre-razionale.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Commedia fantastica dove gli umili trovano il loro riscatto.

Un fotografo dilettante di paese di nome Celestino, devoto di Sant'Andrea, incontra un vecchio che sembra essere il suo santo protettore e che gli insegna come eliminare con la sua macchina fotografica tutti i cattivi. Ma il vecchio si rivela essere il diavolo.

FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Un sempliciotto di paese sogna di incontrare un vecchio dall'aspetto del santo patrono (che poi si rivela essere il demonio) il quale gli insegna a cancellare dalla faccia della terra tutte le persone malvage usando una macchina fotografica incantata... Per fortuna, Celestino - questo è il nome del protagonista - si risveglia prima di completare la strage. Un Rossellini sui generis che si cimenta nella commedia fantastica, sorretto dall'umorismo sarcastico e dall'ironia del grande Eduardo. La convenzione del sogno - situazione classica per presentare una realtà in cui tutto diventa possibile, anche una macchina fotografica che fa le veci del raggio della morte - è qui al servizio di una favola bonaria in cui gli umili trovano, per qualche attimo, il loro riscatto e la loro rivincita. Nel cast figurano grandi caratteristi della commedia italiana: Giacomo Furia e Carlo Giuffré, in particolare, restano nella memoria dello spettatore per aver partecipato con professionale ed esemplare discrezione ad alcuni film dell'indimenticabile Totò. La pellicola, iniziata nel 1948, fu portata a termine, probabilmente, dagli assistenti di Rossellini nel 1951.

LA MACCHINA AMMAZZACATTIVI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 20 giugno 2012
Flatout

Celestino scopre che la sua macchina fotografica elimina gli uomini malvagi; incomincia a farne uso ma poi si rende conto che è un dono diabolico, e che la pulizia colpleta comporterebbe una strage. Un apologo fiabesco che, secondo Rossellini doveva educare brechtianamente gli spettatori. La vena neorealistica viene annacquata a favore di un bozzettismo gradevole ma di maniera.

RECENSIONI MYMOVIES
PUBBLICO
SHOWTIME
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati