M - Il mostro di Düsseldorf

Acquista su Ibs.it   Dvd M - Il mostro di Düsseldorf   Blu-Ray M - Il mostro di Düsseldorf  
Un film di Fritz Lang. Con Peter Lorre, Gustaf Gründgens, Rudolf Blummer, Ellen Widman, Inge Landgut.
continua»
Titolo originale M. Drammatico, b/n durata 117 min. - Germania 1931. MYMONETRO M - Il mostro di Düsseldorf * * * * 1/2 valutazione media: 4,86 su 24 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
great steven giovedì 27 ottobre 2016
un assassino pedofilo dietro un uomo comunissimo. Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

 

M – IL MOSTRO DI DüSSELDORF (GERM, 1931) diretto da FRITZ LANG. Interpretato da PETER LORRE, OTTO WERNICKE, GUSTAV GRUNDGENS, THEO LINGEN

Negli anni ’30 la città di Düsseldorf è sconvolta dalla presenza misteriosa di un assassino psicopatico, di cui nessuno conosce l’identità, che ha già seviziato e ucciso otto bambine. [+]

[+] lascia un commento a great steven »
d'accordo?
tarantinofan96 martedì 4 agosto 2015
uno dei più grande capolavori del cinema Valutazione 5 stelle su cinque
0%
No
100%

Uno dei più grandi capolavori della storia del cinema. Un’autentica lezione filmica, che unisce le tecniche dell’espressionismo muto con quelle del cinema sonoro, un’opera di altissimo valore tecnico, ma anche nei contenuti, molto innovativi per l’epoca: è il primo film che delinea la figura del serial killer patologico, rappresentandone la psicologia e i motivi che lo spingono a fare quello che fa.

[+]

[+] lascia un commento a tarantinofan96 »
d'accordo?
m.raffaele92 mercoledì 16 ottobre 2013
il buio nell'anima e il miracolo del sonoro Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

Il capolavoro di Fritz Lang comincia con un’ombra (la prima “apparizione” del killer), quindi prosegue con un’assenza, la rappresentazione della quale è una magistrale lezione di cinema: l’inquadratura sulla spirale della scala (vuota), sull’orologio (il tempo che scorre inesorabile), lo sguardo della madre (preoccupazione, angoscia, disperazione), quindi inquadratura sul piatto e sulla sedia (vuoti). A questa assenza segue la morte della bambina, magnificamente mostrata attraverso un palloncino gonfiabile che rimane impigliato tra i fili del telegrafo. Il film narra di un assassino (Hans Beckert) pedofilo che si aggira per la città di Düsseldorf,la cui rappresentazione merita una parentesi: è qui che emergono i tratti dell’espressionismo (corrente dominante del decennio precedente, ma che nei primi anni 30 lascia ancora la propria impronta nel cinema, non solo tedesco). [+]

[+] lascia un commento a m.raffaele92 »
d'accordo?
luca scial� venerdì 26 ottobre 2012
un thriller a sfondo sociale Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
100%

La città di Dussendolf è sconvolta da un serial killer che adesca e uccide bambine. I genitori sono in apprensione per i propri figli, la polizia brancola nel buio, mentre i criminali sono arrabbiati in quanto la città è assediata e ciò non consente loro di lavorare in tranquillità. Così decidono di dargli la caccia, volendolo condannare a morte.
Questo Thriller di Fritz Lang, diventato un classico del cinema, talvolta anche inserito nel genere horror, parte come film inquietante, per poi divenire nella seconda parte quasi un poliziesco. Nel finale viene invece dato ampio dibattito sulla giustizia, sulla pena di morte, sulle malattie mentali. [+]

[+] lascia un commento a luca scial� »
d'accordo?
il cinefilo venerdì 10 giugno 2011
franz becker:il maniaco per definizione Valutazione 4 stelle su cinque
60%
No
40%

"Quando cammino per le strade ho la sensazione che qualcuno mi stia inseguendo...ma sono io che inseguo me stesso...voglio andare via,correre...ma con me corrono i fantasmi delle madri e dei bambini...sono sempre la...e solo quando uccido,solo allora...chi è che può sapere come sono fatto dentro,cos'è che sento urlare dentro al mio cervello..."con queste parole(ho brevemente accorciato l'intero monologo)si presenta all'impetuosa e vendicativa giuria il maniaco omicida Franz Becker/Peter Lorre ponendosi definitivamente come il primo vero psicopatico della storia del cinema tedesco e di quello in generale.
L'anno era il 1931 e,da allora,ne è passata di acqua sotto i ponti nel senso che le caratterizzazioni dei folli psicopatici sono state ripetute svriate volte(è possibile che il film di Lang possa essere considerato la"miccia"di questo genere di"thriller"?non so darmi una risposta. [+]

[+] lascia un commento a il cinefilo »
d'accordo?
fedeleto domenica 5 settembre 2010
il mostro senza anima Valutazione 4 stelle su cinque
67%
No
33%

Sicuramente Lang ha sempre girato pellicole di grandissima importanza(metropolis,nibelunghi,dottor mabuse),e in esse ha sempre trovato il modo di stupire lo spettatore,questo film ne e' una conferma del suo inimitabile talento.M-IL MOSTRO DI DUSSELDORF,racconta un episodio tragico ,in cui un uomo uccide bambini e terrorizza una citta',catturato dalla malavita,vorra' giustificarsi,seppur ogni scusa sara' decisamente sempre di piu' un passo falso.Film di grande impatto,non solo per la tematica ,ma per le scene di profonda tensione(la scena in cui scompare elsie e la madre si affaccia alle scale urlando il suo nome e' forse una delle piu' memorabili),non manca sicuramente una morale finale,ovvero la vita del  mostro andrebbe  cancellata,seppur tale gesto sia indubbiamente un omicidio,ma necessario per poter purificare il male fatto da un essere che non ha piu' anima(nel suo discorso finale non traspare sentimento e non escono parole che suscitano emozioni come la paura ecc. [+]

[+] lascia un commento a fedeleto »
d'accordo?
paride86 venerdì 27 agosto 2010
ottimo film Valutazione 4 stelle su cinque
50%
No
50%


Un classico del cinema che si interroga sulla giusto castigo con cui punire un delitto.
Un po' datato, ma resta sempre un grande film.

[+] lascia un commento a paride86 »
d'accordo?
evghen950 mercoledì 18 agosto 2010
una palla e dei palloncini che volano via.... Valutazione 5 stelle su cinque
75%
No
25%


Film veramente fatto bene tenendo conto anche e soprattutto del periodo storico.
Storia veramente che fa riflettere, sulla mente umana, come nel monologo alla fine, ma anche su come una città/società possa completamente bloccarsi a causa di un solo individuo non ben identificabile.
Sono presenti molte scene di grande significato come quella che ho anticipato nel titolo, il vero e proprio processo malavitoso, e la famosa scena dell' ombra dell'assassino proiettata sulla sua stessa taglia.
Molto inquitante  il motivetto che si sente fischiettare ogni tanto....

[+] lascia un commento a evghen950 »
d'accordo?
il cinefilo venerdì 30 aprile 2010
il manifesto dell'cinema espressionista tedesco Valutazione 5 stelle su cinque
80%
No
20%

TRAMA:il film,realizzato nell'1931 da Fritz Lang(e sceneggiato insieme alla moglie)racconta di un misterioso assassino che uccide alcune bambine in giro per la città(Peter Lorre e grandioso)fino a quando non viene catturato dai cittadini e dalla malavita con l'intenzione di "processarlo" e linciarlo... RECENSIONE:il film di Fritz Lang riesce a fondere le tecniche dell'cinema muto con quelle dell'sonoro(che stava prendendo piede proprio in quegli anni)e costruisce una forma di"perfezione cinematografica" molto rara a vedersi. Questo film è,molto probabilmente,una vera e propria "summa" nella concezione di cinema che F.Lang ha voluto esprimere attraverso una serie di sequenze particolarmente geniali tra cui spiccano per bravura di stile e di tecnica la sequenza dell'omicidio della piccola Elsie(non viene mai inquadrato ma viene lasciato solo "intuire" e il risultato è doppiamente inquietante)e la sequenza finale in cui l'assassino si ritrova "processato" dalla criminalità organizzata e dai genitori inferociti. [+]

[+] lascia un commento a il cinefilo »
d'accordo?
erre mercoledì 28 aprile 2010
quel mostro di lang Valutazione 5 stelle su cinque
78%
No
22%

Per le strade di  Düsseldorf  si aggira un serial killer codardo ma spietato, confuso ma lucido calcolatore, la polizia brancola nel buio e, dopo svariati fallimenti, la mafia, data la scomoda situazione che si era creata, decide di dagli la caccia. Dopo estenuanti ricerche ed appostamenti un mandicante cieco venditore di palloncini riconosce il caratteristico fischiettare del mostro sentito giorni prima, informa i picciotti che dopo un inseguimento riescono ad intrappolarlo in una fabbrica ed in seguito a catturarlo. Portato nel covo dei malviventi verra sottoposto ad un insolito processo che lo metterà di fronte alle sue colpe e alla sua pazzia. Straordinario capolavoro d' espressione da un maestro del muto ma anche dialoghi avvincenti e un monologo finale de brividi. [+]

[+] lascia un commento a erre »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 »
M - Il mostro di Düsseldorf | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | novocaine
  2° | yanez
  3° | il cinefilo
  4° | skrat
  5° | evghen950
  6° | il cinefilo
  7° | fedeleto
  8° | great steven
  9° | m.raffaele92
10° | luca scial�
11° | tarantinofan96
Shop
DVD
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
venerdì 1 gennaio
Cobra Kai - Stagione 3
giovedì 31 dicembre
Sanpa: luci e tenebre di San Patri...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità