Chuji Tabi Nikki

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionarin.d.
 critican.d.
 pubblicon.d.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast
Le giornate del cinema muto

Un film muto giapponese che si sia conservato rappresenta un'eccezione, un caso, una briciola. Per il Giappone la normalitÓ Ŕ il film perduto. Stando al catalogo dell'anno 2000 la Cineteca nazionale di Tokyo non annovera pi¨ di 70 film (frammenti inclusi) risalenti all'epoca che precede il 1930. Non importa stabilire se essi corrispondano all'1 o al 5 per cento della produzione cinematografica complessiva; Ŕ in ogni caso come dire nulla. Alla fine del 1991 arrivarono al Filmcenter frammenti della trilogia Chuji tabi nikki (Il diario di viaggio di Chuji Kunisada, 1927) di Daisuke Ito. La trilogia originale aveva una lunghezza complessiva di 6540 metri; sotto forma di materiale positivo nitrato parzialmente imbibito sono rispuntati 1800 metri di una seconda versione antologica, ossia un episodio della seconda parte, "Riso cruento a Shinshu" (il perseguitato Chuji implora Yasusaemon di prendere con sÚ il fanciullo Kantaro e scopre che i suoi uomini si danno a volgari ruberie e abusano del suo nobile nome infangandolo) e circa metÓ della terza parte, "In nome della legge", con il finale un poco accorciato ma tuttavia ancora efficace. Ci˛ che si pu˛ vedere giustifica la leggenda - si tratta indubbiamente di un capolavoro -, ma conferma altresý quale catastrofe rappresenti l'irrimediabile perdita della grandiosa produzione degli anni Venti.I frammenti consentono delle estrapolazioni. Perduto Ŕ l'impianto complessivo del trittico, che nelle critiche del tempo viene descritto come il susseguirsi di "freschezza" (parte iniziale), "intenso sentimento" (parte centrale) e "cupo nichilismo" (epilogo), ma quanto si Ŕ conservato, a livello di microcosmo, contiene una modulazione comparabile di atmosfere e tutto il declino di Chuji, che da supereroe invulnerabile si trasforma in corpo paralizzato e privo della parola, adagiato su una barella. Perduta Ŕ la rete complessiva di corrispondenze contenutistiche e grafiche, ma quanto rimane (il motivo del cerchio nei giganteschi tini per la distillazione e nel girotondo dei bambini) mostra la capacitÓ ideativa e creativa del regista a questo riguardo; perduta Ŕ la maggior parte delle arditezze formali - i critici citano sequenze a montaggio accelerato o girate con la cinepresa "scatenata", tanto che a Daisuke Ito fu affibbiato il nomignolo di "Ido Daisuki" (cioŔ "grande predilezione per i movimenti della cinepresa") -, ma nel materiale giunto fino a noi si trovano spezzoni di cinema perfetto.L'eroico ronin o yakuza nei film di genere - da Orochi del 1925 ai film di Takeshi Kitano - rivive il suo melodramma perenne; emarginato dalla societÓ, un infausto destino e malvagi avversari, ma soprattutto la sua assoluta purezza lo spingono alla morte nel corso del suo ultimo e pi¨ bel combattimento o nel nobile suicidio. Quando Ito nega all'eroe Chuji Kunisada, popolarissimo protagonista di innumerevoli film, l'adempimento di questo modello narrativo degradandolo a relitto umano che vede recitata solo da bambini la classica scena del combattimento con l'eroe circonfuso dall'aura delle bianche funi; quando, nel finale, Chuji dal suo letto di malato Ŕ costretto ad assistere allo spettacolo dei suoi ultimi fidi che sacrificano la vita per lui e, paralizzato e ammutolito, deve lasciarsi catturare vivo, in realtÓ il regista non fa che rendere pi¨ vertiginosa la sua caduta, e quindi pi¨ grande la sua tragedia. La miserabile e ignominiosa fine nella versione di Ito Ŕ pi¨ commovente del canonico epilogo. Dal punto di vista del film di genere, Chuji tabi nikki ne intensifica, amplia e modifica recisamente la formula standard. Film di regia e film d'attore al tempo stesso, in Chuji tabi nikki scena dopo scena viene esibita un'arte spettacolare con vertici di grande virtuosismo. La parte di Chuji si presta a un massimo di tali performances. In confronto ai jidai geki del dopoguerra maggior peso assumono i ruoli femminili; si pensi in particolare all'allora diciannovenne Naoe Fushimi che impersona la compagna di Chuji, la quale, ardente e di ghiaccio insieme, subentra nel finale al protagonista ormai eclissato e per alcuni minuti irradia intorno a sÚ un glamour di un'intensitÓ senza pari. - MLF

Stampa in PDF

Premi e nomination Chuji Tabi Nikki Giornate del cinema muto
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Chuji Tabi Nikki adesso. »
Chuji Tabi Nikki | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Scheda | Cast | News | Frasi | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledý 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrÓ
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledý 30 settembre
Gli spostati
mercoledý 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedý 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedý 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledý 9 settembre
Fantasy Island
martedý 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledý 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedý 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledý 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico Ŕ per se...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità