Harrison Bergeron

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionarin.d.
 critican.d.
 pubblicon.d.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Trailer
Fantafilm
cento anni di cinema di fantascienza

Lasciatasi alle spalle la Seconda Rivoluzione americana, l'umanità si è riorganizzata, nel 2053, in una società che ha deciso di eliminare alla radice quelle che considera le cause scatenanti di ogni conflitto: le disparità sociali ed economiche, le sperequazioni, i privilegi, tutte le situazioni di diversità che generano invidia, ostilità, avversione, odio. Per ottenere lo scopo, è stato ideato un sistema che costringe i cittadini ad una esistenza identica per tutti, ma desolatamente piatta ed uniforme. Il livellamento imposto si estende ad ogni espressione della vita e delle attività umane: a scuola, nella vita, nello sport, vengono premiati i mediocri, mentre sono repressi i migliori, i più dotati, i più capaci. I media diffondono informazioni di minima valenza, e spettacoli che non suscitano riflessioni e domande. Ancora più orribile è il fatto che il sistema ha invaso anche la sfera del pensiero, ed obbliga ogni individuo a portare sul capo una cuffia metallica con un apparecchio che inibisce ed ottunde le facoltà mentali, abbassa il quoziente d'intelligenza delle menti più elevate e di fatto cancella artisti, pensatori, filosofi, scienziati.
Harrison Bergeron è un giovane dal superiore intelletto, tenuto d'occhio sin dai tempi della scuola dove primeggiava nello studio, al quale si apparecchia un matrimonio con una ragazza tanto graziosa quanto sciocca, che i computer garantiscono gli darà una normale, innocua progenie. Quando neanche una cuffia potenziata riesce a cortocircuitarne i pensieri, Harrison viene condannato ad un intervento chirurgico obbligatorio, che ridurrà definitivamente il suo quoziente intellettivo. In clinica, prima dell'operazione, il giovane si lega sentimentalmente a Phillipa, bellissima infermiera che lo tenta, novella Eva, a sperimentare l'illegale piacere di liberarsi dai ceppi mentali della cuffia. Sorpreso dalla polizia, e convinto che sia giunta la sua ultima ora, Harrison si ritrova invece al cospetto dell'Amministratore Capo Klaxon, dal quale apprende come le sue annose peripezie siano state un test, volto a stabilire se disponeva dei requisiti necessari per entrare a far parte dell'elitario e segretissimo gruppo che domina la società. "Ci vogliono persone di grande intelligenza - gli dice Klaxon - per guidare masse che ne sono prive". Il prezzo dell'adesione è alto: Harrison sarà dichiarato ufficialmente morto, e quindi non potrà mai più vedere amici e parenti, nè potrà sposarsi e avere figli. Di contro, potrà godere della più totale libertà di pensiero, che prevede l'accesso senza limitazioni alle fonti di ogni cultura e informazione, e della compagnia di Phillipa. Harrison, che non ha scelta, poichè un rifiuto lo riporterebbe in sala operatoria, viene assegnato alla supervisione dei programmi televisivi, che dovrà preoccuparsi di mantenere di infimo livello. Ma Phillipa, incinta, fugge per non perdere il bambino e, arrestata, viene lobotomizzata. Impazzito di rabbia e di dolore per la perdita della compagna e del figlio, Harrison si barrica negli studi ed inizia a trasmettere tutti i più grandi capolavori letterari, i film più impegnati, le opere liriche più famose, i migliori documentari sull'arte, sulla scienza, su eccezionali risultati sportivi, esortando gli spettatori a liberarsi delle cuffie e a riprendere coscienza di sé. Quando sta per essere fermato, si toglie la vita in diretta, in un ultimo, disperato gesto di rivolta. E forse il suo messaggio non è stato vano. "Gli uomini non sono stati creati tutti uguali. È compito del governo renderli tali". Su questa frase, che stravolge e rovescia il principio affermato da Thomas Jefferson nella dichiarazione di indipendenza americana, Vonnegut poggia la sua vicenda, che tratteggia un mondo allucinante, forse ancora peggiore di quello immaginato da Orwell in 1984, dove la costrizione non arrivava al controllo mentale. La drammatica ironia del discorso politico di Vonnegut si rivela appieno quando Harrison scopre che l'apparente e forzata uguaglianza della popolazione è un artificio, una mistificazione perpetrata da una classe dirigente segreta che manipola a suo piacimento le masse, e si perpetua prelevandone le intelligenze migliori, le stesse che ufficialmente avversa e vuole cancellare. Conosciuto anche col titolo "Kurt Vonnegut's Harrison Bergeron".

Stampa in PDF

Premi e nomination Harrison Bergeron Fantafilm cento anni di cinema di fantascienza
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Harrison Bergeron adesso. »
Harrison Bergeron | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Frasi | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedì 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledì 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico è per se...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità