La moglie dell'avvocato

Un film di Im Sang-soo. Con So-Ri Moon, Hwang Jung-min, Yun Yeo-jung, Kim In-mun Titolo originale Baram-Nan Gajok. Drammatico, durata 104 min. - Corea 2003.
   
   
   

Lietta Tornabuoni

L'Espresso

Ci sono alcune scene di sesso magnifiche, ne La moglie dell’avvocato del coreano Im Sangsoo, e non perché siano apprezzabili esteticamente, ma per la loro naturalezza e violenza, per la forza dei desideri, per l’erotismo acrobatico delle donne. Storia di famiglia, il film che l’anno scorso era in concorso alla Mostra di Venezia ha una speciale importanza sociale: i suoi protagonisti appartengono a quella generazione nata negli anni Sessanta che ha sperimentato in Corea una nuova democrazia, un benessere alto-borghese ignorato nel passato, una aspettativa di vita piena e felice; ma che nello stesso tempo non può cancellare la memoria d’una ferocia, il mutamento troppo recente.
La famiglia dell’avvocato è benestante, elegante. Il marito, professionista di successo, ha troppo lavoro e un’amante giovane, sensuale. La bella moglie, ex ballerina, continua a esercitarsi in palestra, percorre la città in bicicletta, è vestita bene, si occupa del bambino adottato ossessionato dalla propria condizione, s’invaghisce d’uno studente diciassettenne. Il padre del marito, drastico e sprezzante («È una follia aver eletto quel mandriano pazzo di Bush, davvero gli americani non capiscono niente») agonizza e poi muore di cirrosi epatica. La madre del marito scopre il sesso, ha un amante e lo sposerà, «finalmente sono padrona di me stessa e della mia vita». L’esistenza della famiglia è attraversata da lampi crudeli, scandita da episodi che evocano un passato di carnefici e di sopravvissuti: viene scoperta una fossa piena di teschi e d’altri resti umani, esplode negli scontri una polizia illegale e brutale, la città notturna è livida e silenziosa, un matto prende il bambino adottato e lo uccide una donna urla, si rotola, piange sotto la pioggia.
Una contraddizione tra civiltà borghese acquisita e barbarie radicata, un bellissimo stile, il disfarsi finale della famiglia: la moglie dell’avvocato è incinta, «Non sei tu il padre»; «Non ha importanza»; «Ma io non ti voglio più». Il parallelismo è significativo e anche terribile.
Da l’Espresso, 5 agosto 2004


di Lietta Tornabuoni, 5 agosto 2004

Sei d'accordo con la recensione di Lietta Tornabuoni?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
100%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Richiedi la data del prossimo passaggio in tv del film La moglie dell'avvocato.
(Riceverai le informazioni pochi giorni prima del passaggio in tv. Il servizio è gratuito)

inserisci qui la tua email
La moglie dell'avvocato | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 28 aprile
La prima donna
martedì 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
martedì 13 aprile
Burraco fatale
Lei mi parla ancora
Genesis 2.0
giovedì 1 aprile
Il concorso
martedì 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedì 18 marzo
I predatori
mercoledì 10 marzo
Lezioni di Persiano
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità