Dizionari del cinema
Quotidiani (1)
Periodici (1)
Miscellanea (3)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 5 dicembre 2020

John Ford

Nome: John Martin Feeney
Data nascita: 1 Febbraio 1894 (Acquario), Cape Elizabeth (Maine - USA)

Data morte: 31 Agosto 1973 (79 anni), Palm Desert (California - USA)
1

Piero Di Domenico

Il suo interesse per virtù umane primordiali quali la lealtà, l'orgoglio familiare o comunitario, il coraggio, lo spirito pionieristico, si è materializzato in una serie di lavori che costituiscono nella loro essenza la storia dell'America, dalla sua nascita alla depressione degli anni Trenta.
La sua devozione all'America e il suo punto di vista sulle leggendarie qualità di questo paese hanno origine nel suo passato di immigrante. Tredicesimo figlio di Sam O'Fenney, proveniente da Galway (Irlanda) e fortemente legato alla patria d'origine, Ford si recò diverse volte in Irlanda, crescendo con un forte senso dell'amicizia e della giustizia, ereditata nella sua forma virile dalle sue origini irlandesi. [...] »

The New York Times

Dave Kehr

Film culture in this country has long been in need of a paradigm shift, a way of saving old films from the swamp of nostalgia and seeing them as vital cultural products rather than quaint artifacts of another age. People don't read Faulkner's “Light in August” to be reminded of their lost youth, but most studios continue to market their library titles (when they bother to market them at all) as so many trips down memory lane.
That approach might have worked at the dawn of home video in the late 1970s, but for obvious reasons the nostalgia audience for prewar films is not a growing market segment. What the home video industry needs is something that book publishers have had for a century: a sense of the backlist as a living body of work that merits and rewards the attention of each new generation. [...] »

Film TV

Emanuela Martini

Una volta, interrogato sui suoi autori americani preferiti, Orson Welles rispose: “Tutti i classici. Che per me signifi.ca: John Ford, John Ford e John Ford”. E aggiunse: “Ford era un poeta e un commediante”. Una sintesi esemplare e un omaggio, da parte di un geniale maudit, all'autore più classico, diligentemente attento alle regole dell'industria ma non per questo meno autonomo, uno che, sollecitato da un producer perché indietro nella lavorazione, strappò le pagine del copione non girate e ringhiò: “Adesso puoi andare a dire al tuo capo che siamo di nuovo nei tempi”. Un brutto carattere, John Ford, nato in America (nel 1895) da solidissimo ceppo irlandese, e forse per questo rissoso, schivo, brusco. [...] »

Pietro Bianchi

È curioso, così passa il tempo, che si sia ormai giunti a considerare il cinematografo come una faccenda già antica, come una acquisizione spirituale cui si ha diritto nascendo; e che sia venuta la stagione dei profili critici, dell'opera omnia e insomma dei bilanci artistici che comprendono tutta una vita. Eppure è storia di ieri quella nella quale si parlava sempre di un regista di qualche importanza come di un «ex»: Charlie Chaplin era un ex-clown; Dreyer un ex-giornalista come René Clair; mentre Eisenstein e Murnau venivano dalle arti figurative e De Sica dalle tavole del palcoscenico. Sin dal lontano 1925, quando si rivelò con Il cavallo d'acciaio, il regista John Ford mostrò i limiti dei suoi interessi e, nello stesso tempo, la sua forza di narratore. [...] »

Fernaldo Di Giammatteo

Una produzione immensa che comincia nel 1917 con un western interpretato da Harry Carey e termina nel 1966, mezzo secolo dopo, con Missione in Manciuria, un film d'avventura. Ford è, come pochissimi altri, il cinema: il cinema azione, movimento, immagine, ritmo. Ultimo dei tredici figli di un immigrato irlandese, passa l'infanzia nel saloon del padre. Poi il fratello Francis, attore e regista, lo chiama a Hollywood. A poco a poco, le parti s'invertono, Francis scompare, Sean (che finirà per chiamarsi John Ford) si afferma come regista affidabile, dapprima di western (ma II cavallo d'acciaio, 1924, è qualcosa di più d'un western: è una epopea storica, un frammento di America) e in seguito di commedie e di drammi. [...] »

1


prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità