LA PRIMA PIETRA, COME RIDERE DEL PREGIUDIZIO

Un film che strappa sorrisi amari e non perde occasioni per far riflettere. Disponibile su Infinity.

venerdì 24 maggio 2019 - Infinity

Il tuo browser non supporta i video in HTML5.

Kasia Smutniak (Katarzyna Anna Smutniak) (39 anni) 13 agosto 1979, Wojewoda (Polonia) - Leone. Interpreta Signora Hatab nel film di Rolando Ravello La prima pietra.

È un normalissimo giorno di scuola, poco prima delle vacanze di Natale, e tutti sono in fermento per la recita imminente. Un bambino, intento a giocare con gli altri nel cortile della scuola, lancia una pietra rompendo una finestra e ferendo lievemente il bidello. Si tratta di un bimbo musulmano e l'accaduto darà vita ad un dibattito, ricco di colpi di scena, che vedrà protagonisti il preside, la maestra, il bidello e sua moglie e naturalmente la mamma del bambino insieme a sua suocera. 

Con il giusto dosaggio di divertimento, cattiveria e occasioni di riflessione, La prima pietra si dimostra la radiografia perfetta del nostro Paese.
MYmovies.it

La risata si mescola così con lo sconforto attraverso personaggi intenti a dimostrare che sono dalla parte della ragione. Il regista non fa sconti a nessuno, nemmeno all'indignata Kasia Smutniak, messa alla prova con un ruolo inedito affrontato con grande sensibilità.
Un film leggero dal grande cast (Valerio Aprea, Corrado Guzzanti, Lucia Mascino) con cui indagare e cercare di comprendere il problema del pregiudizio, un tema quanto mai attuale nelle nostre scuole. La prima pietra (guarda la video recensione) è da oggi disponibile su Infinity.

ALTRE NEWS CORRELATE
INFINITY
venerdì 14 giugno 2019
Sequel del fortunato primo capitolo, il film conferma la simpatia dei personaggi a mattoncini. Disponibile su Infinity. Vai all'articolo
INFINITY
mercoledì 12 giugno 2019
Un film d’animazione pensato per i più piccoli, una sorta di sequel del celebre primo capitolo. Disponibile su Infinity. Vai all'articolo
INFINITY
martedì 11 giugno 2019
La vera storia dello sceneggiatore hollywoodiano diventa una battaglia contro l’ostracismo. Disponibile su Infinity. Vai all'articolo