TIRAMISÙ, LA RICETTA DEL SUCCESSO DI FABIO DE LUIGI. ORA SU INFINITY

L'attore debutta alla regia con una commedia popolata da molte facce note della scuderia Colorado.

lunedì 26 febbraio 2018 - Infinity

Il tuo browser non supporta i video in HTML5.

Fabio De Luigi (51 anni) 11 ottobre 1967, Sant'Arcangelo di Romagna (Italia) - Bilancia. Regista del film Tiramisù.

Antonio è un rappresentante di materiale sanitario che fatica a piazzare i propri prodotti, consumandosi in lunghe attese nelle sale d'aspetto dei medici di base e nei corridoi degli ospedali. È sposato ad Aurora, bellissima docente con il dono per la cucina: il suo Tiramisù è imbattibile. Quando il cognato Franco, manager di successo nel campo della moda e cinico osservatore della natura umana, insinua che il rapporto fra la sorella e suo marito non durerà per sempre perché lei si renderà prima o poi conto di aver sposato un buono a nulla (per giunta afflitto da spermatozoi pigri), Antonio decide di adottare la visione disincantata di Franco e di gettare alle ortiche ogni etica e codice morale, utilizzando il Tiramisù della moglie come efficace biglietto da visita per la sua clientela.

Fabio De Luigi debutta alla regia con questa commedia da lui stesso scritta e interpretata, prodotta da Maurizio Totti e popolata da molte facce note della scuderia Colorado.
Dalla recensione di Paola Casella, MYmovies.it

Opera prima di Fabio De Luigi, Tiramisù è ora disponibile su Infinity. Nel cast, oltre allo stesso De Luigi, troviamo anche Vittoria Puccini, Angelo Duro, Alberto Farina e Giulia Bevilacqua.

ALTRE NEWS CORRELATE
INFINITY
martedì 18 dicembre 2018
Su Infinity l'amara commedia del trio qui invecchiato e in vena di ricordi dei bei tempi andati. Vai all'articolo
INFINITY
sabato 15 dicembre 2018
Vincitore di 3 premi Oscar, il film racconta l'Operazione Dynamo che riuscì a salvare 338.226 soldati da un'imminente invasione. Vai all'articolo
INFINITY
giovedì 13 dicembre 2018
Il premio Oscar Jean Dujardin rimpicciolisce in questa deliziosa commedia piena di garbo e romanticismo. Vai all'articolo