Advertisement
RIFF - Rome Independent Film Festival, torna in streaming l’evento che valorizza la varietà

Per il terzo anno consecutivo, il festival arriva online su MYmovies con un programma ricchissimo che premia la cinematografia LGBTQ+ e le opere al femminile. Dal 17 al 25 novembre.
ACQUISTA UN ABBONAMENTO I SCOPRI I FILM.

di Simone Emiliani

mercoledì 16 novembre 2022 - Festival

Giunge alla 21° edizione il RIFF, festival internazionale di cinema indipendente che si svolgerà dal 17 al 25 novembre a Roma e online. In programma ci saranno opere prime e seconde di lungometraggio, documentari, cortometraggi, film sperimentali e d’animazione, un’intera giornata dedicata alla cinematografia LGBTQ+ che è uno degli obiettivi principali dell’evento assieme alla valorizzazione del cinema femminile e il coinvolgimento di istituti scolastici per diffondere l’audiovisivo come strumento didattico.

Per il terzo anno consecutivo, un’amplia selezione del RIFF sarà disponibile anche online sulla piattaforma MYmovies.

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO »


CINEMA - TV - MUSICA

Sogni, immedesimazione, crisi d’ispirazione, necessità di sbarcare il lunario sono alcuni dei temi che attraversano il concorso cortometraggi. Sono legati al cinema e alle serie tv: l’uomo che vivrà un’esperienza simile i suoi eroi seriali in 5 alto, l’attore che per sopravvivere indossa i panni di una drag queen in A Friendly Voice, lo sceneggiatore che sta scrivendo un film dove la protagonista è ispirata alla sua produttrice in Adriana en el olvido o il regista di fama internazionale che sta attraversando una fase di appannamento creativo e torna a Trevico dopo 30 anni in occasione del funerale del suo maestro Ettore Scola in La virtù dell’innocenza. C’è ancora un musicista all’apice della carriera che cerca ispirazione in Coconutbanana o due persone diversissime tra loro che sognano di realizzare il loro sogno in comune nel campo della musica in Un mondo fantastico, quest’ultimo in concorso nella sezione lungometraggi.

DOCUMENTARI

Lotte, memorie, desideri attraversano trasversalmente il concorso documentari. La rivendicazione della categoria dei lavoratori del teatro dal 2020 ad oggi è al centro di Il teatro è adesso, mentre The Wind Blows the Border racconta quella per i diritti del popolo Guarani-Kaiowá per le loro terre contese da proprietari terrieri rurali nel reportage d’inchiesta che si svolge sul confine tra Paraguay e Brasile.

Il passato privato prende invece forma attraverso le foto e le lettere di un uomo che passa le sue giornate su una panchina del Washington Square Park di New York in Blue Dots e attraverso la storia del regista Paul Manate Raoux che va a trovare il padre in una piccola isola della Polinesia francese e cerca di fargli parlare di quando ha lavorato come responsabile nell’atollo di Moruroa negli anni ’70 in Moruroa Papa.

Infine il desiderio, la ricerca di libertà: quella dei quattro cittadini del Burkina Faso in Il paese delle persone integre, dei ragazzi con la sindrome di Down nella loro prima vacanza di coppia in Come una vera coppia o delle persone che sono state vittime di violenza economica e hanno trovato la forza di reagire in Libere di vivere.

FAMIGLIE

Sembra una famiglia felice quella composta dalla coppia di un piccolo centro abruzzese e dai loro figli in Troppa famiglia, ambientato nel febbraio 2020 all’inizio del Covid. Ma quando i due coniugi, sposati in seconde nozze e in pensione, sognano di trasferirsi in Portogallo, i figli scombinano i loro piani. Si è invece allontanato dalla moglie e dalla figlia il tassista napoletano abusivo che poi finisce in un brutto giro prima di restare ossessionato da una sua giovane cliente in Corsa abusiva. Entrambi i film sono presentati nel Concorso Lungometraggi.

Tra i corti in competizione che attraversano il tema ci sono Al di là del mare dove un bambino non accetta che il padre è scomparso dopo che la sua nave e affondata e inizia il viaggio alla sua ricerca che lo fa diventare adulto, Don’t Be Cruel con la ricerca di riscatto di un padre e un figlio, Lo sport nazionale in cui un incallito scommettitore mette nei guai la sua famiglia e il suo migliore amico e Sir che ha come protagonista un curatore di anime che però non riesce a guarire la moglie malata.

Nella varietà di temi, forme e generi che caratterizzano il RIFF – Rome Independent Film Festival catturano particolare attenzione due titoli. Il primo è un corto d’animazione, Tempête je t’aime, che racconta la turbolenta e passionale relazione di una coppia e The Black Christs. Far from Justice, poema visionario in 14 capitoli sul massacro razziale avvenuto a Tulsa, in Oklahoma, nel 1921 contro la comunità nera di Greenwood.


ACCEDI I SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati