MYmovies.it
Advertisement
Giornate degli autori 2019, un programma che mette a nudo il mondo contemporaneo

Il concorso si svolgerà per la 16a edizione nell'ambito del Festival di Venezia.

martedì 23 luglio 2019 - Mostra di Venezia

Come accade dal 2004, nell'ambito della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia si svolgono le Giornate degli Autori (28 agosto - 7 settembre), dirette da Giorgio Gosetti e quest'anno per la prima volta presiedute da Andrea Purgatori: 11 i film in concorso, 8 gli eventi speciali compresi i "Miu Miu Women's Tales" e il film di chiusura Les chevaux voyageurs dedicato al "Re dei cavalli", il poliedrico e carismatico Bartabas, 7 le "Notti Veneziane" alla Villa degli Autori, cui si aggiungono gli incontri, gli omaggi, i progetti speciali promossi dalle due associazioni ANAC e 100autori.

L'impegno che le associazioni degli autori italiani mettono nell'organizzazione è ripagato ogni anno dal successo della selezione e dal dibattito che ruota attorno alle Giornate, sui diritti degli spettatori, sulla tutela del diritto d'autore e lo stato della produzione, sul confronto costante con le altre cinematografie.
Andrea Purgatori

18 sono le nazionalità rappresentate quest'anno, dall'Asia agli Stati Uniti, dall'Africa al Sud America fino all'Europa e all'Italia; 4 le opere prime in concorso, 6 le donne dietro alla macchina da presa. Una selezione che conferma la voluta sobrietà di titoli a vantaggio di una speciale promozione della creatività più libera e indipendente da tutto il mondo. E se si volesse, fin dal programma, individuare un "filo rosso" capace di collegare la maggior parte delle scelte, parleremmo di uno scontro di culture che mette a nudo le fragilità del mondo contemporaneo, conteso tra una tendenza all'omologazione e la vitalità di radici ancestrali che non si piegano alla massificazione. L'altro elemento distintivo è una vocazione alla ricerca di linguaggi "pop"che stimolino la curiosità di pubblici diversi, convinti come siamo che il cinema debba oggi parlare a comunità distinte di spettatori, ma sempre avendo come stella polare la volontà di farsi capire, di suscitare emozioni e passioni, di ristabilire un dialogo diretto tra l'artista e lo spettatore a prescindere dai modi del consumo.

Ne sono perfetto esempio l'esordio del giovanissimo sudanese Amjad Abu Alala (You Will Die at 20) e il quasi coetaneo americano Phillip Youmans. Nella selezione competitiva delle Giornate non mancano nomi cari a chi ama il grande cinema come Dominik Moll (il suo Only the Animals aprirà il programma mercoledì 28 agosto), Jayro Bustamante (con La Llorona, inedito esempio di cinema civile in cui fantasmi e morti viventi si prendono la scena), la grande star giapponese Jo Odagiri (con They Say Nothing Stays the Same alla sua prima prova nel lungometraggio), Fabienne Berthaud (che ritorna con un suggestivo viaggio iniziatico in Mongolia di Cécile de France in Un monde plus grand). E se è difficile leggere come un semplice esordio quello del maestro della graphic novel Igort (5 è il numero perfetto con Toni Servillo, Carlo Buccirosso, Valeria Golino), si può scommettere che non passerà inosservato Mio fratello rincorre i dinosauri di Stefano Cipani dal romanzo di Giacomo Mazzariol (evento speciale fuori concorso).


VAI ALLO SPECIALE DEL FESTIVAL CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati