Advertisement
Splendor XXXV, i 'nuovi' papà cinematografici

Marco Cocci, Pina Turco e Stefano Incerti sono i protagonisti di una puntata dedicata a fragilità, insicurezza e solitudine nelle figure patriarcali.

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
sabato 1 aprile 2017 - Splendor

Nella settima puntata della nuova stagione, Splendor ospita Antonio Albanese, Marco Cocci e il regista Stefano Incerti accompagnato da Pina Turco. In Mamma o papá? di recente interpretato da Albanese e in tutti gli altri film in uscita (La parrucchiera, La mia famiglia a soqquadro) di cui si parla in questa puntata, il minimo comune denominatore sembra essere quello di una figura paterna che o sogna di abbandonare ed estraniarsi dalla famiglia o presenta una condizione davvero problematica dei tratti caratteristici della figura patriarcale: fragilità, insicurezza, solitudine. Questa figura di padri fuori fuoco o in allontanamento caratterizza il tenue fondale degli ospiti di Splendor.

Attore, comico, regista ed anche scrittore: Antonio Albanese è tutto questo, e la sua carica creativa non smette di esprimersi in tante forme tra cui il cinema - tra i suoi ultimi lavori la pellicola Mamma o papà? in cui è "un padre disonesto" che molesta i figli per farsi scaricare da loro dopo il divorzio - e uno spettacolo teatrale dal titolo "Casa", in cui compie "un viaggio all'incontrario: da Milano al Senegal, in cui ho cercato di raccontare con garbo e stupore il tema complesso dell'immigrazione cercando di andare oltre il quotidiano perché credo che il cinema debba innanzitutto essere tentativo ed esplorazione".

Ideatore di personaggi iconici - tra cui Cetto la qualunque, Epifanio o Ivo Perego -, Albanese confessa: "A volte sul palco sorprendo anche me, ho la fortuna di aver avuto grandi maestri che mi hanno aiutato a comprendere l'importanza del suonare il corpo.
MYmovies.it

Il mio lavoro consiste anche nel cercare di lavorare su ogni singola parte del corpo e su di esso tatuare il testo, la sceneggiatura". Ammette di essere un uomo fortunato e che nella sua carriera è la sua origine ad averlo aiutato: "Io sono di origine siciliana, i miei genitori sono stati costretti a trasferirsi in provincia di Lecco in cerca di lavoro, questa mescolanza tra sud e nord mi ha permesso assaporare suoni e sapori e apprezzare i valori tramandati".


GUARDA TUTTE LE PUNTATE DI SPLENDOR
In foto Andrea Appino (Zen Circus).
In foto Antonio Albanese.
In foto Pina Turco e Stefano Incerti.

La musica è al centro della vita di Marco Cocci: "la chitarra è sempre sul divano, ho cominciato suonando nel lontano 1991 con un mio gruppo. La mia famiglia capiva che stavo bene e mi lasciavano fare". Tra gli interpreti de La mia famiglia a soqquadro diretto da Max Nardari, in sala da questo giovedì, Cocci indossa questa volta (forse per la prima) i panni di un amorevole padre di famiglia: "ho deciso di mettermi alla prova, lasciando da parte il solito Marco che va dietro le gonnelle, che fuma spinelli. Stavolta mi son messo alla prova".

Arriva al cinema dal 6 aprile La parrucchiera, storia di una giovane donna madre che decide di non cedere alle avances del suo datore di lavoro e di mettere alla prova le sue ambiziose doti. Ad interpretare questa donna dalla forte personalità c'è Pina Turco, celebre al piccolo schermo per la sua partecipazione a Gomorra - La serie.
MYmovies.it

In questo film sono con Cristina Donadio - afferma Pina Turco - con cui ho condiviso anche la mia esperienza televisiva precedente, e che come me condivide questa tendenza del rendere reali, veri i nostri personaggi. Questa è una storia di coraggio, ironica ma anche tragica". Il film, come spiega il regista del film Stefano Incerti, ricorda le atmosfere dei film di Pietrangeli: "Lui aveva una sensibilità femminile molto spiccata, il film sembra raccontare una sorte di matriarcato, riconosce il potere della donna e la capacità che ha la donna di accentrare attenzione e forza. In questo film ho voluto che le donne avessero una marcia in più, e per loro la resa non è ponderabile".

Gli Zen Circus sono gli ospiti musicali di questo settimo appuntamento; il gruppo rock composto da Andrea Appino, Karim Qqru e Massimiliano "Ufo" Schiavelli ha ottenuto un enorme successo grazie al loro ultimo album "La terza guerra mondiale" e alla loro sensibilità, che si rigenera grazie a riflessioni, svelate attraverso le note, mai banali. 


news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati