MYmovies.it
Advertisement
PesaroFF50, vince Liar's Dice

Menzione speciale e Premio 'Pesaro Cinema Giovane' a Tierra en la lengua.

In foto una scena del film Tierra en la lengua di Ruben Mendoza.

lunedì 30 giugno 2014 - News

Il Concorso Pesaro Nuovo Cinema - Premio Lino Miccichè è costituito da sette opere provenienti da tutto il mondo e realizzate da registi giovani, generalmente alla loro prima o seconda regia. Quest'anno il Concorso si è contraddistinto per la forte importanza data al viaggio, sia esso fisico o mentale, con molti film "sulla strada", come l'indiano Liar's Dice opera prima di Geethu Mohandas, un road movie atipico nel quale madre e figlia intraprendono un difficile viaggio verso Nuova Delhi, in compagnia di un disertore dell'esercito che guida le due alla ricerca del padre scomparso. Un ritratto che parte da una sperduta comunità montana e arriva fino a una megalopoli, facendo emergere problematiche politiche e sociali dell'India contemporanea. Una struttura narrativa che lo accomuna al cileno Raìz/Roots di Matías Rojas Valencia, storia di una ragazza con un passato fatto di abusi domestici che parte con il figlio della defunta domestica alla ricerca del padre del bambino.
Ancora Sudamerica e ancora un film "sulla strada" con la docufiction colombiana Tierra en la lengua di Rubén Mendoza. Il film, mostrato in streaming su MYMOVIESLIVE! in contemporanea con il Festival, è il viaggio di un anziano verso una fattoria nel nulla. L'uomo chiede ai due nipoti che lo accompagnano di porre fine alla sua esistenza. Il viaggio farà scoprire ai giovani l'incredibile vita dell'uomo, portandoli a una terribile decisione. Lola Bessis e Ruben Amar sono invece i registi di Swim Little Fish Swim (Francia/Usa) e raccontano con toni surreali l'incontro a New York tra un musicista che usa i giocattoli della figlia come strumenti e una video maker in cerca di fortuna. Carlo Michele Schirinzi è l'unico italiano in competizione con I resti di Bisanzio, storia di ordinario malessere quotidiano di un potenziale piromane che s'intreccia con quella di un "terrorista culturale" e di tre "turisti" che vagano tra le macerie storiche e sociali di Capo di Leuca. Viene invece dall'Estonia il regista Veiko Õunpuu che porta a Pesaro il suo Free Range, su un aspirante scrittore nel pieno di una crisi esistenziale che viene messo di fronte alle sue responsabilità quando la propria fidanzata gli comunica di essere incinta. Infine, il debutto nel lungometraggio di Ferit Karahan con The Fall from Heaven, pellicola turca che riflette sulle trentennali tensioni tra curdi e turchi, con il viaggio speculare di due donne le cui vite sono state irrimediabilmente cambiate a causa degli effetti della guerra

La giuria presieduta dall'attrice, regista e cantante portoghese Maria De Medeiros e composta dalla sceneggiatrice Francesca Marciano, dal regista Daniele Vicari e dal critico e giornalista Silvio Danese ha assegnato all'unanimità il Premio Lino Micciché per il miglior film del Concorso Pesaro Nuovo Cinema a:
Liar's Dice di Geethu Mohandas (India, 2013, 103')

La giuria ha inoltre deciso di assegnare una Menzione Speciale al film:
Tierra en la lengua di Rubén Mendoza (Colombia, 2014, 89')

*****************************

PREMIO "PESARO CINEMA GIOVANE
La giuria giovani della 50. Edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro, costituita da dieci ragazzi al di sotto dei 25 anni di età e provenienti da tutta Italia, ha assegnato la vittoria del Premio "Pesaro Cinema Giovane" a:
Tierra en la lengua di Rubén Mendoza (Colombia, 2014, 89')

La giuria attribuisce inoltre una Menzione speciale a:
Free Range- Ballad On Approving Of The World di Veiko Õunpuu (Estonia, 2013, 104')

*****************************

PREMIO "CINEMA E DIRITTI UMANI" DI AMNESTY INTERNATIONAL
A un documentario sulle case famiglia e gli ospedali psichiatrici in Russia il premio cinema e diritti umani di Amnesty International alla 50esima Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro

Mama, Ja ub' ju tebja / Mamma, io ti ucciderò (Russia, 2013, 51'), documentario sulle case famiglia e gli ospedali psichiatrici russi della regista Elena Pogrebizhskaja, è l'opera premiata da Amnesty International Italia alla 50esima edizione della Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro.

La giuria del premio "Cinema e diritti umani" ha anche voluto segnalare con una Menzione il film Cennetten Kovulmak / The Fall From Heaven di Ferit Karahan (Turchia/Italia, 2013, 88'), per la forza delle immagini e la capacità di narrare il conflitto curdo-turco dalla parte delle persone, senza ideologia o giustificazione per la lotta armata o per la repressione.

*****************************

PREMIO DEL PUBBLICO
Alla Mostra di Pesaro, la sezione Cinema in Piazza propone una selezione dei titoli presenti nelle sezioni principali del festival adatti per un pubblico meno specializzato ma altrettanto curioso. Gli spettatori della "piazza" dell'edizione 2014 sono stati chiamati a votare alla fine di ogni proiezione e hanno decretato vincitore del Premio del Pubblico:
Les Ponts de Sarajevo di Autori Vari (Ita/Fra/Bos/Svi/Ger/Por, 2014, 110')

Il film, realizzato per commemorare i cento anni dall'attentato dell'Arciduca Francesco Ferdinando nella città bosniaca che ha dato inizio alla Prima guerra mondiale, è stato presentato ieri sera in anteprima italiana da Leonardo Di Costanzo, uno dei tredici autori che hanno contribuito a questo film a episodi. All'opera hanno partecipato alcuni tra i registi più significativi del cinema europeo e filmmaker di punta della nuova onda est-europea. Tra gli altri anche un altro italiano, Vincenzo Marra, oltre a Jean-Luc Godard, Ursula Meier e Aida Begic (vincitrice del Premio Lino Micciché nel 2012 con l'acclamato Buon anno Sarajevo).

Il film, proiezione speciale della Piazza, ha vinto con una media di 3.19 (su 4), spuntandola di un soffio sul film di apertura Swim Little Fish Swim di Lola Bessis e Ruben Amar che ha fatto registrare una media di 3,16.

*****************************

PREMIO CINEMARCHE GIOVANI 2014
Giunge alla quarta edizione il concorso video Premio CineMarche Giovani, organizzato dalla Fondazione Pesaro Nuovo Cinema Onlus e nato nel 2011. Il concorso è riservato a cortometraggi di durata massima di 3 minuti realizzati da giovani fino a 30 anni d'età che vivono, studiano o lavorano nella Regione Marche. Possono partecipare al Premio cortometraggi di ogni soggetto e genere, realizzati con qualsiasi tecnica. La giuria specializzata, coordinata dal curatore del Premio Pierpaolo Loffreda, e composta da Paolo Angeletti, Federica Facchini, Alberto Pancrazi e Claudio Salvi, ha assegnato all'unanimità il Premio Cinemarche Giovani 2014 al video:
X+Y=Z di Alia Simoncini

La giuria ha segnalato altri due cortometraggi con una menzione speciale:
Andando in giro di Alfredo Rodriguez e Don't Think di Iorio Sebastianelli

news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati