Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
venerdě 21 febbraio 2020

Verónica Llinás

59 anni, 23 Settembre 1960 (Vergine)
Biografia Filmografia Critica Premi Articoli e news Trailer Frasi celebri
occhiello
Hanno fottuto un paese intero e voi ve la prendete con mio marito?
dal film Criminali come noi (2019) Verónica Llinás  Lidia Perlassi
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5

martedě 18 febbraio 2020 - Presentato a Toronto e premiato ai Goya Awards, un film che fa ridere, fa soffrire, fa pensare a quanta umanità c’è sparsa per i retrobottega del mondo. Da giovedì 20 febbraio al cinema.

Criminali come noi, la rivincita dei tonti, degli incauti, degli onesti

Giovanni Bogani cinemanews

Criminali come noi, la rivincita dei tonti, degli incauti, degli onesti È la faccia da Francesco Guccini di Ricardo Darín – occhi chiari, barba scapigliata, senso di infinita malinconia e perduto amore per ogni dettaglio del mondo – a portarci dentro questa storia, dentro un’Argentina sgualcita, dentro una vicenda paradossale, tragi/malin/comica da Soliti ignoti. Del resto, l’Argentina – lo dice sempre Guccini – non è poi così lontana dall’Italia anni ’50. Anche cinematograficamente. 
 

Presentato al Toronto film festival, premiato ai Goya Awards come Miglior film latino americano, tratto dal romanzo di Eduardo Sacheri “La noche de la Usina”, Criminali come noi è una commedia che fa ridere, che fa soffrire. Che ti fa pensare a quanta umanità c’è, sparsa per i retrobottega del mondo. 
Giovanni Bogani, MYmovies.it
Perché è un retrobottega del mondo, l’Argentina che vediamo, alla provincia estrema di un paese che è già provincia estrema dell’Occidente. È in questo retrobottega che viviamo, quasi tutti. E questi personaggi, che impariamo presto ad amare, sono più scombinati, idealisti e ingenui di noi. Ma non è detto che siano peggiori, anzi. Citano Bakunin e Peròn; come se uno da noi si mettesse a citare Sacco, Vanzetti e Berlinguer. Strumenti vecchi per leggere il mondo; ma forse non da buttare. 

Siamo nell’Argentina del 2001, alla vigilia della devastante crisi economica che la mise in ginocchio. È il momento, sbagliatissimo, che Fermìn – Ricardo Darín – sceglie per il suo sogno. Insieme alla moglie – Verònica Llinàs, sfiorita e amorosa – vuole convertire una fabbrica a lungo abbandonata in un granaio che possa impiegare almeno trenta persone. Mancano i capitali per far partire l’impresa. Per ottenere un prestito dalle banche, mettono insieme i soldi di tanti amici – alcuni sono disoccupati, altri stanno appena sopra la linea di sopravvivenza – per entrare nel “business” insieme. 

E quei soldi, riescono a metterli insieme: ma invece di tenerli in una cassetta di sicurezza, un direttore di banca senza scrupoli li convince ad aprire un conto. Sapendo benissimo che di lì a pochissimo i conti verranno congelati. È l’evento che milioni di argentini conoscono bene, e che ricordano come “el corralito”. Il 19 dicembre 2001 il governo argentino congela tutti i conti correnti. Ma non basta: c’è qualcuno che gioca ancora più sporco. È un avvocato che si prende quel contante e lo mette al sicuro in una specie di caveau in mezzo alla campagna, un bunker a prova di assalto, con un sistema di allarmi che nemmeno Fort Knox.

Accadranno molte altre cose. Alcune tragiche, alcune comiche, alcune romantiche. E tu, intanto, ti avvicini sempre più a questa banda di amabili disgraziati. Arriverà un’idea per avvicinarsi a quel sistema impenetrabile, presa dal film Come rubare un milione di dollari e vivere felici con Audrey Hepburn e Peter O’Toole. Il cinema, il vecchio cinema degli anni ’60, lo senti che possa vivere nell’anima di questi criminali per caso e fuori corso, arrivati oltre la data di scadenza. Intorno, il senso profondo di un’Argentina preda del potere e della corruzione, sulla quale non ti puoi prendere rivincite se non fittizie, e temporanee.  

Verrebbe da partire dal casting, per raccontare questo film. Sono tutti brutti, e tutti bellissimi. Tutti sbagliati, e tutti giusti per raccontare quello che devono raccontare. Giusti per come li sentiamo vicini. Nessuno “bello” canonicamente, tutti sbilenchi. Ma tutti pronti a tener duro, a non dare per persa la partita della vita. Per questo, Criminali come noi dà più speranza e ha più senso di un Ocean’s qualsiasi. Il mondo, certo, non cambierà se noi proviamo a prenderci una rivincita. Ma ognuno di noi può combattere la sua piccola battaglia, provare a dare un senso alla sua vita. 
È bravo, molto, Ricardo Darín, origini venete e mediorientali, fuoriclasse del cinema argentino, già protagonista de Il segreto dei suoi occhi, Oscar per il Miglior film straniero del 2010. Con il regista Sebastian Borensztein aveva già lavorato in Cosa piove dal cielo?, che gli valse il Marc’Aurelio d’oro a Roma nel 2011. Nel 2016 sempre con Borensztein aveva interpretato Capitano Koblic; questo è il suo terzo lavoro con il regista. Stavolta porta dentro anche il figlio, Ricardo “Chino” Darín, già visto in Una notte di 12 anni (guarda la video recensione). Fantastico Luis Brandoni nei panni del vecchio anarchico riparatore di gomme di biciclette, e Daniel Aráoz, peronista irriducibile. 

Che cosa c’è che si fa amare nel film? Quei momenti in cui tutto sembra perduto. E questi uomini da niente, con pochi agganci sociali e pochissima tecnologia a disposizione, non si arrendono. E poi c’è, di bello, come il film mostri, con quali dettagli e quale minuzia, la fatica concreta della realizzazione di un piano. La meccanica molto poco euforizzante del crimine: è tutto un lavoro sporco, scavare, camminare, tagliare. 

Il resto, è la storia di Robin Hood e dei suoi compagni della foresta, ma ancora più laceri, scomposti e disorientati; di Sandokan e dei suoi tigrotti, ma senza i kriss malesi e senza i prahos. O, se vogliamo, di Davide contro Golia. Solo che Davide ha più di sessant’anni ed è incline alla malinconia. 

Una riga sul titolo originale, “La odisea de los giles”. “Giles” non lo troveremo nei dizionari online: ma pare che, nel linguaggio colloquiale di Argentina, Uruguay e Cile, siano le persone incaute o ingenue. I coglioni, insomma.

venerdě 14 febbraio 2020 - Su MYmovies.it una lunga clip della divertente commedia argentina tratta dal best seller 'La noche de la Usina'. Dal 20 febbraio al cinema.

Criminali come noi, 10 minuti in anteprima del film con Ricardo Darín [HD]

Massimiliano Carbonaro cinemanews

Criminali come noi, 10 minuti in anteprima del film con Ricardo Darín [HD] La rivincita delle brave persone, quelle che spesso vengono etichettate come sciocche o poco intelligenti, è alla base della deliziosa commedia argentina Criminali come noi (titolo originale La odisea de los giles). Il film - di cui MYmovies presenta  in anteprima 10 appassionanti minuti - sarà al cinema da giovedì 20 febbraio, distribuito da BIM e Movies Inspired.
 

Il tema conduttore di Criminali come noi è ben tratteggiato fin dalle primissime inquadrature dove viene spiegato il senso della parola “los giles” del titolo originale, con cui spesso si vuole indicare una persona lenta e non particolarmente brillante. Invece, più semplicemente, si tratta di chi vuole seguire le regole e lavorare correttamente. Almeno fino a quando non si riceve un torto talmente grave da dire “Basta – e la voce narrante aggiunge – e ti ritrovi a fare qualcosa che non avresti pensato mai di poter fare”. 
Massimiliano Carbonaro, MYmovies.it
Il film Criminali come noi ruota tutto intorno al tentativo di cambiare vita di un gruppo di persone che decide di mettere su una cooperativa agricola. Nella campagna argentina non distante da Buenos Aires tutto sembra ovattato, ma in realtà la crisi del 2001 è alle porte e l'iniziativa governativa del "corralito", che bloccò i conti correnti dei cittadini gettando l'intero paese in una paralisi economica da cui in realtà non si è mai più risollevato, è parte integrante dello sfondo.

Ignari di quello che sta realmente avvenendo, i nostri raccolgono i soldi per far partire la società, anche se serve un prestito bancario per completare il piano finanziario. Il funzionario preposto ai prestiti, in combutta con un losco avvocato, riesce ad ingannarli e a impossessarsi del denaro. Un torto che non può restare impunito e che spinge “los giles” a reagire a costo di improvvisarsi rapinatori. 

Il film, uscito in Argentina nell'estate del 2019, è stato un incredibile successo al botteghino locale. Diretto e co-sceneggiato da Sebastián Borensztein (Il capitano Koblic), Criminali come noi è tratto da un best seller argentino, "La noche de la Usina" di Eduardo Sacheri che riesce a raccontare uno dei momenti più drammatici di questi ultimi anni del paese sudamericano con leggerezza.

A contribuire al suo successo un super cast capitanato da alcuni celebri volti argentini a partire da Ricardo Darín (star del film premio Oscar Il segreto dei suoi occhi, ma anche di Kamchatka e Delirium) che è anche tra i produttori dell'opera. Tra le curiosità anche la presenza del figlio Chino. Completano la squadra Luis Brandoni e Verónica Llinás,. Ma è tutto il gruppo di attori a risultare perfettamente azzeccato e a strappare più di una risata. 

Altre news e collegamenti a Verónica Llinás »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità