Scene di caccia in Bassa Baviera

Un film di Peter Fleischmann. Con Angela Winkler, Martin Spee, Else Quecke Titolo originale Jagdszenen aus Niederbayern. Drammatico, durata 85 min. - Germania 1968. MYMONETRO Scene di caccia in Bassa Baviera * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 4 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

Il “fascismo quotidiano” di Fleischmann Valutazione 4 stelle su cinque

di Paola Di Giuseppe


Feedback: 24400 | altri commenti e recensioni di Paola Di Giuseppe
martedì 9 novembre 2010

Quando Fleischmann girò il film nel ’69 a Unholzing, in Bassa Baviera, per l’argomento trattato e il ruolo dei paesani nella vicenda si trovò ad affrontare forti reazioni ostili da parte della comunità della zona. Quel “fascismo quotidiano”, quella marginalità che metteva in scena, mutuando la vicenda dal testo teatrale di Martin Sperr, trovò evidenti conferme anche nella realtà effettuale, e, a distanza di quarant’anni, è grande lo sgomento che la storia ancora suscita, non soltanto per l’alto tasso di violenza e attualità che contiene, ma, e soprattutto, per il contrasto stridente con un mondo contadino che si è sempre tentati di immaginare solidale, immune da nevrosi metropolitane, immerso nel pacato ciclo della natura e delle sue opere. Quel mondo è invece lo stesso che, tableau vivant, metterà in scena fra i boschi incantati della Bassa Baviera una caccia all’uomo in tutto simile a scene analoghe girate lungo le sponde del Mississipi, mancano solo i cappucci bianchi. Dunque il rifiuto del “diverso” non conosce frontiere, e Abram, il sospetto di omosessualità, Hannelore, la ragazza border line che gli uomini del paese si passano di mano in mano e il piccolo ritardato mentale che sogna che la madre muoia, sono i corpi estranei da espellere perché i riti possano proseguire immutati. Fra i riti della tribù, il più celebrato è l’uccisione del maiale, e lunghe sequenze girate nel porcile pullulante di rosei suini grufolanti, ammassati per il pasto quotidiano intorno al trogolo, mentre va un grazioso Lullabee come pista sonora, fanno da antitesi e complemento all’altro rito, quello che apre il film, con camera fissa ad inquadrare, ieratica, il prete che dice Messa in fondo alla navata, sull’altare, mentre il canto dei devoti sale verso l’alto. Sfilano primi piani rugosi di paesani oranti, rispondono in latino alla preghiera, e gli affreschi absidali recano atroci scene di martirio, mani senza pretese di pittori naïf hanno decantato storie edificanti per la devozione dei fedeli. Sembra un calco di questa la stessa scena di Haneke, nel Nastro bianco, lo stesso ottuso cantilenare, la stessa partecipazione meccanica, assente e doverosa al mistero incomprensibile. Fuori, nella piazzetta assolata, tutto torna al suo posto, la pietà ha fatto il suo corso e il gioco al massacro quotidiano può riprendere. Scende dall’autobus Abram, torna dopo mesi dalla città, tutti lo guardano con sospetto e finta cordialità, si mormora di costumi sessuali pervertiti, forse un po’ di carcere per “atti osceni in luogo pubblico” o “offesa al comune senso del pudore” (la terminologia non ha confini per la fantasia). Che poi Hannelore sia il giocattolo di tutti è cosa buona e giusta, la violenza sul suo corpo può al massimo scatenare risate e battute di spirito. Ma Abram no, non importa che sia un ottimo meccanico, che sia un ragazzo mite e sorridente, perfino la madre lo vorrebbe morto. Il crescendo di tensione è inarrestabile, ma le immagini sfilano piane, nulla che esca dall’alveo dell’agire quotidiano, si avverte la rete sottile che si sta infittendo, le maglie che si stringono, le parole di un lessico che spinge sempre più verso la violenza inaudita, quella che culmina in tragedia assurda, con l’innocente che diventa colpevole e la giustizia che trionfa e appaga. Alla fine tutti si ritroveranno nella sagra paesana a festeggiare il candidato Burgermeïster benedetto dal parroco, scorreranno fiumi di birra, la nostra Heimat sarà salva.

[+] lascia un commento a paola di giuseppe »
Sei d'accordo con la recensione di Paola Di Giuseppe?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
100%
No
0%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Paola Di Giuseppe:

Vedi tutti i commenti di Paola Di Giuseppe »
Scene di caccia in Bassa Baviera | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | paola di giuseppe
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità