Ti amerò sempre

Acquista su Ibs.it   Dvd Ti amerò sempre   Blu-Ray Ti amerò sempre  
Un film di Philippe Claudel. Con Kristin Scott Thomas, Elsa Zylberstein, Serge Hazanavicius, Laurent Grévill, Frédéric Pierrot.
continua»
Titolo originale Il y a longtemps que je t'aime. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 115 min. - Francia 2008. - Mikado uscita venerdì 6 febbraio 2009. MYMONETRO Ti amerò sempre * * * - - valutazione media: 3,19 su 37 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
olgadicom venerdì 27 febbraio 2009
un film alla scuola di bergman Valutazione 4 stelle su cinque
95%
No
5%

Una specie di thriller etico, con alcuni punti deboli nella sceneggiatura, ma di una tale intensità che ha il suo antecedente solo in alcune analisi di Bergman, raffinate e profonde, emotivamente incalzanti. Infatti è senza tregua il processo di svuotamento di quel pozzo senza fondo che sono le “cose” dell’animo umano, ma il ritmo (specialmente all’inizio) è lento, sembra faticoso e duro come i tentativi di reinserimento che la protagonista deve affrontare. Juliette (una strepitosa Kristin Scott Thomas, senza trucco, di un fascino antico e imperscrutabile) torna dopo quindici anni a Nancy, la sua città d’origine, e reca stampata nel viso la sofferenza di cui è piena. Estranea a tutto, lontana anche da se stessa, quasi selvatica nell’approccio con altri, reincontra qui la sorella Lea (ha il volto mobile e sensibile di Elsa Zylberstein), che la ospita nella sua grande casa. [+]

[+] lascia un commento a olgadicom »
d'accordo?
bagigi domenica 8 febbraio 2009
bellimo e intelligente Valutazione 4 stelle su cinque
85%
No
15%

Sono molteplici i motivi per apprezzare questo film: intanto una bellissima storia, egregiamente sceneggiata con un sapiente dosaggio dei vari ingredienti, introdotti gradualmente con un ritmo lento (mai noioso) e molto indovinato. Un’ottima caratterizzazione dei personaggi, e non solo delle due sorelle protagoniste, ma anche tutti i personaggi minori egregiamente incastonati via via con un talento smaccatamente letterario (il malinconico e sofferente capitano di polizia innamorato del fiume Orinoco, poi suicida, il professore collega di Lèa, intelligente e discreto, che si avvicinerà a Juliette e contribuirà al riavvicinamento di Juliette al mondo delle emozioni, il marito di Lèa, anch’egli impegnato in un percorso personale di accettazione della “difficile” cognata, l’indimenticabile nonno-bambino, rimasto muto dopo un malore, divoratore di libri, e il suo irresistibile rapporto fatto di post-it grotteschi appicciati in fronte -“Silènce!”- scambiati con la nipotina vientamita, la figura della madre delle due sorelle, appena accennata in un’unica scena, e che appare come un fantasma pregno di significati nel suo improvviso abbracciare la figlia maggiore già negata e ripudiata nell’orrore della sua colpa). [+]

[+] lascia un commento a bagigi »
d'accordo?
ciccio capozzi martedì 10 febbraio 2009
un oscuro lago di profondità abissali Valutazione 4 stelle su cinque
94%
No
6%

“TI AMERO’ SEMPRE” di PHILIPPE CLAUDEL; FRA-GER, 08. Juliette esce di prigione dopo 15 anni accolta dalla sorella Léa. Il reinserimento nella vita di affetti e relazioni è difficile. Il regista è uno scrittore che ha messo in film un suo libro, ed è la sua prima regia. Anzi l’ha progettato espressamente per il cinema. Ma, caso raro, ha fatto al suo esordio un gran bel film. Che non ha alcuno dei limiti che solitamente si associano a film che nascono da romanzi o diretti da romanzieri: la parola è del tutto visualizzata. Magari vi sono delle ingenuità: vi sono dei ricorsi a metafore un po’ troppo esplicite; ma la struttura narrativa è ferrea. Va avanti senza perdere un colpo, senza divagazioni gratuite. [+]

[+] lascia un commento a ciccio capozzi »
d'accordo?
spoerri domenica 8 febbraio 2009
bello e sensibile Valutazione 0 stelle su cinque
77%
No
23%

Bellissimo, denso e intenso. Racconto di un ritorno alla vita dopo aver superato oceani di dolore e con tutte le difficoltà che questo comporta. Lezione sul non giudicare perchè chi abbiamo davanti è molto più complesso di quello che noi possiamo pensare. Storia di una donna che il dolore aveva fatto fare terra bruciata intorno a lei e della sorella che pur spinta dal mondo e dalla famiglia a dimenticarla non aveva mai smesso di amarla. Discorso su una redenzione su se stessi fatta grazie all'affetto, mai semplice e sempre costruito e sudato, di chi sta intorno. difficoltà a vivere in questo mondo che spesso non ha un posto per noi e spesso e volentieri ti prova a ricacciare via. Tutto questo mi ha lasciato questo film. [+]

[+] lascia un commento a spoerri »
d'accordo?
donsantos domenica 22 febbraio 2009
le prigioni del cuore Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%

" La morte del tuo bambino è una prigione da cui non si esce mai ". La detenzione materiale segna ( e come!) la vita di ogni uomo, ma gli affetti ritrovati possono far ricominciare a vivere. Una tragedia familiare, come quella, seppur estrema, della protagonista ti rimane attaccata dentro per sempre, senza scampo. Tematica forte, di attualità, quella dell'eutanasia, argomento che sfugge ad ogni definizione e sul quale è improponibile cercare una soluzione etica e morale da adattare universalmente. Il film ne è una splendida, forte dimostrazione.

[+] lascia un commento a donsantos »
d'accordo?
luciana mercoledì 4 marzo 2009
la storia del dramma di una madre Valutazione 4 stelle su cinque
80%
No
20%

bellissimo, umanissimo film. Ottima la recitazione e la regia condotta senza esagerazioni,che rappresenta la quotidianità di una famiglia borghese che con coraggio, grande semplicità ed equilibrio cresce due figlie adottate, ospita il vecchio padre ammalato e amato,accetta nel proprio nucleo e vissuto equilibrato una donna che viene da 15 anni di prigione, di cui non sa nulla se non che ha ucciso il proprio bambino, ma non sa perchè. Bella la storia della reciproca fiducia che si fa strada, dell'affetto lento che nasce, del rapporto che piano piano si ristabilisce tra le due sorelle che sono tanto diverse ma unite dalla stessa storia familiare. Molto umana la rivelazione della colpa, legata a un dramma infinito che abbiamo vissuto tutti per un reale fatto accaduto recentemente Una madre c [+]

[+] lascia un commento a luciana »
d'accordo?
pipay domenica 22 febbraio 2009
il difficile recupero della vita. Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Film misurato, scandito, addirittura scolpito attorno alle figure delle due sorelle. Una storia non banale, che scandaglia con sensibilità ed efficacia nell'animo e nella psicologia femminile. Recuperare la vita; riportare se stessi in seno alla famiglia, alla società, ai compromessi e alle convenzioni, non è facile dopo aver trascorso 15 anni in prigione. Ma Jiuliette, che ha commesso un orrendo delitto, non è né violenta né pericolosa. Tutto si spiega alla fine del film. Film che tocca un argomento di scottante attualità: quello dell'eutanasia. La storia coinvolge e non si può restare indifferenti dinanzi al dramma di una donna che ha voluto pagare il suo errore e con dolore e con dignità non va in cerca di facili assoluzioni. [+]

[+] titolo banale: peccato (di pipay)
[+] lascia un commento a pipay »
d'accordo?
filippo catani venerdì 18 gennaio 2013
due sorelle Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Nancy. Dopo 15 anni due sorelle si riuniscono a casa della minore delle due in quanto l'altra è appena uscita di prigione. Il suo reinserimento nella società sarà difficile ma la sorella con i figli e gli amici di lei cercheranno di tenerla a galla.
Il film è veramente toccante e indaga sul rapporto tra fratelli e su quanto possa essere conflittuale ma, a meno di incidenti clamorosi, solido e duraturo. Le due sorelle in questione (su cui spicca l'algida Scott Thomas) sono state divise dalla prigione ma specialmente dalla famiglia che ha fatto in modo di eliminare completamente l'esistenza di quella figlia condannata. E così l'altra ragazza è cresciuta e ha fatto carriera nell'università con questo terribile peso addosso e con la madre ormai gravemente malata. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
toty bottalla lunedì 13 giugno 2016
l'eleganza del dolore! Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
0%

Juliette esce dal carcere dopo 15 anni per aver praticato l'eutanasia a suo figlio Pierre gravemente malato, l'accoglie la sorella in casa con la sua famiglia...L'adorabile Kristin Scott Thomas in una interpretazione sottile e profonda allo stesso tempo, senza il supporto di estenuanti dialoghi riesce a dare al personaggio di Juliette un'aria sofferta, malinconica e misteriosa, buona la regia che asseconda il talento e la sua personalità, una storia affascinante, un lavoro che risulta credibile e che t'inchioda fino in fondo, mia valutazione: 3,5 stelle. Saluti.

[+] lascia un commento a toty bottalla »
d'accordo?
molenga venerdì 8 giugno 2012
una gabbia senza porte Valutazione 4 stelle su cinque
0%
No
0%

in un aeroporto della Lorena due donne s'incontrano. sono sorelle, ma quasi non si conoscono, dato che la maggiore, Juliette( scott-thomas), è stata in carcere per 15 anni; adesso, uscita in libertà condizionata,  è  ospite in casa della minore con il di lei marito, il suocero( che non parla a causa di uno shock) e le due bambine, entrambe adottate in viet-nam. perché Juliette è stata così a lungo in carcere? la risposta è terribile: ha ucciso il figlio di sei anni, si è dichiarata colpevole senza dir niente a suo discapito. lentamente la donna riuscirà a inserirsi nel mondo che la sorella( la Zyberlstein) le offre e scoprirà le carte sul dolore che l'ha resa prigioniera, oltre che fisicamente, nel vuoto della propria anima. [+]

[+] lascia un commento a molenga »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Ti amerò sempre | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Luciana Morelli
Pubblico (per gradimento)
  1° | olgadicom
  2° | bagigi
  3° | ciccio capozzi
  4° | spoerri
  5° | donsantos
  6° | pipay
  7° | luciana
  8° | filippo catani
  9° | molenga
10° | britannico
11° | angelo umana
12° | toty bottalla
13° | broken arrow
Rassegna stampa
Peter Travers
Golden Globes (2)


Articoli & News
Approfondimenti
il film
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 |
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 6 febbraio 2009
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità