Dizionari del cinema
Miscellanea (5)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
domenica 20 gennaio 2019

Articoli e news Bernardo Bertolucci

Data nascita: 16 Marzo 1941 (Pesci), Parma (Italia)
Data morte: 26 Novembre 2018 (77 anni), Roma (Italia)
1

Il regista di Parma è stato davvero tante cose, ma prima di tutto è stato un esploratore instancabile.

Bertolucci: italiano del mondo fra ideologia e contrasti

martedì 27 novembre 2018 - Pino Farinotti da FOCUS

Bertolucci: italiano del mondo fra ideologia e contrasti Bernardo Bertolucci (1941-2018): prima di tutto esploratore instancabile. Dai primi film quasi da amatore-cinefilo, poi titoli (quasi) sperimentali, poi progredendo, titoli "autoriali", e ancora film di grandi investimenti, per alternare, nella fase matura, opere low budget a produzioni impegnative. Il tutto applicato a orizzonti diversi aperti a contenuti provinciali oppure del mondo. Per tutto questo c'è una ragione di nascita, frequentazioni e cultura. Il padre di Bernardo era Attilio, poeta importante, fra le amicizie del futuro regista, Pasolini, Moravia, Elsa Morante, Enzo Siciliano e Dacia Maraini. Un "circolo" di mentori decisamente di qualità. Il primo segnale deriva dal padre, trattasi di un riconoscimento che Bernardo conseguì ventenne: il Premio Viareggio per la poesia, col testo "Il cerca del mistero". La letteratura è sempre stato un primo motore, un incentivo, infatti cinque dei suoi film presentano origini letterarie, ma l'attitudine primaria di Bertolucci, che poi si rivelò potente, era quella visiva, del cinema appunto. Il tutto in chiave di contrasto, un termine che possiede un significato decisivo, per Bertolucci, che doveva accordare i suoi caratteri di borghese e di marxista. In questo senso, nella prima fase vale La strategia del ragno (1970), che si ispira a Jorge Luis Borges, vicenda di un giovane, figlio di un eroe partigiano, che si identifica nel padre, in un'ambiguità con risvolti politici e freudiani. Vale anche Prima della rivoluzione (1964) storia di un ventenne che ama una donna più grande, e impegnativa, ma non ha il coraggio di risolvere, e accetta un matrimonio borghese: il solito contrasto fra sentimento e ideologia. Il concetto lega tutti i suoi film, anche quelli cosiddetti minori, che però minori non sono, ma sempre portatori di significati evidenti o di letture contrastanti, come accade in The Dreamers (2003), che ri-legge il Sessantotto. O nella Luna (1972) "Dove volevo ricordare mia madre dopo essere stato 'assediato' da mio padre".

La decisione è stata presa dal Cda della Biennale.

Venezia 70, Bernardo Bertolucci Presidente della Giuria internazionale

giovedì 9 maggio 2013 - a cura della redazione da NEWS

Venezia 70, Bernardo Bertolucci Presidente della Giuria internazionale È Bernardo Bertolucci la personalità chiamata a presiedere la Giuria internazionale del Concorso della 70. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto - 7 settembre 2013), che assegnerà il Leone d'oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali. Continua »

Una retrospettiva dei suoi capolavori al Nuovo Cinema di Pesaro.

Bernardo Bertolucci, fenomenologia di un cineasta memorabile

lunedì 20 giugno 2011 - Roberta Montella da APPROFONDIMENTI

Bernardo Bertolucci, fenomenologia di un cineasta memorabile È quasi impossibile non aver visto un suo film. Ed ancora più improbabile non aver provato un sentimento dolceamaro guardando una sequenza, un frammento di pellicola, che nella mente resta indelebile. Bertolucci il Regista. Bertolucci il Comunista. Bertolucci il Premio Oscar. E ancora, sempre di più.
Scorrendo velocemente la sua biografia potremmo definirlo un predestinato. Figlio del Poeta Attilio Bertolucci e aiuto regista di Pier Paolo Pasolini, Bernardo cresce nell’arte, scegliendo la via dell’impegno come contenuto di una forma che mostra carattere e ingegno.

Cannes omaggia il grande regista. Di Pino Farinotti.

Palma d'oro alla carriera a Bertolucci

lunedì 16 maggio 2011 - Pino Farinotti da FOCUS

Palma d'oro alla carriera a Bertolucci Con l'attribuzione della Palma d'oro del Festival di Cannes alla carriera, Bernardo Bertolucci ha chiuso il cerchio. Nell''88 aveva vinto l'Oscar per la regia dell'Ultimo imperatore (oltre agli altri otto toccati al film), e nel 2007 il Leone veneziano alla carriera. Così il regista parmigiano ha toccato i tre grandi premi del cinema del mondo, quelli che contano davvero. Non c'è dubbio che Bertolucci si sia accreditato per meritare questi riconoscimenti.

Bernardo nasce bene, anzi, molto bene, suo padre è Attilio, il poeta. Dunque "cultura" a portata di mano. Come spesso accade agli artisti, non completa gli studi: Letteratura moderna alla Sapienza di Roma. Se in casa c'era un poeta, come vicino di casa, a Roma, Bernardo si ritrova uno scrittore, e che scrittore, Pier Paolo Pasolini. Un incontro che non può essere che interessante. Il neoregista gli affida una parte della sceneggiatura di Accattone. E fioccano le amicizie importanti, fra queste Moravia e la Morante. Dunque ci sono tutte le premesse per quello che sarà il percorso artistico che conosciamo.

Prodigio
Bertolucci è stato un autentico giovanissimo prodigio. Poco più che ventenne ha firmato documentari e "corti", mai banali. Soprattutto "diversi". Ecco, un aggettivo certo pertinente che riguardi Bartolucci è "diverso", un altro è "irrequieto". La sua opera non può che essere l'espressione diretta di questa sua attitudine. Il modello ricorrente nelle storie di Bertolucci è l'uomo di fronte a un cambiamento, sempre decisivo, spesso drammatico. E la soluzione non c'è. Si cerca, ci si dibatte, ma non si trova mai la via diversa. E anche la semplice ricerca costa molto cara. Il percorso artistico è parallelo a quello personale e umano. Bertolucci è stato un ragazzo di sinistra, poi un uomo di sinistra nelle varie stagioni, fino ad ora, a settant'anni. Come spesso accade a chi nasce buon borghese, abituato a quel tipo di educazione e di passato, Bertolucci ha vissuto il contrasto con le idee progressiste, militanti, anche rivoluzionarie che si è scelto. Tutto questo lo rappresenta, con efficacia, in Prima della rivoluzione, il film che lo fa notare in ambito nazionale. Si racconta la vicenda di un giovane che vorrebbe fare la rivoluzione ma deve vedersela con la comoda pigrizia della propria classe sociale. Appunto.

Momenti
I titoli che identificano i momenti fondamentali del regista appartengono a epoche diverse. Degli anni Settanta, è ricordabile Il conformista, storia di un antifascista che vive a Parigi, perseguitato dal Regime. Il fascismo è un tema che sta a cuore a Bertolucci, in quel quadro rientra la produzione di Novecento atto I e II. Un vero colosso che abbraccia quasi mezzo secolo di storia italiana. Tanta ideologia con un compromesso finale: il padrone De Niro e il contadino Depardieu, che dopo essersi scontrati, anche a botte, per tutta la vita, si ritrovano più amici che nemici. Una certa intelligenza, certo affezionata a Bertolucci, disapprovò.

Salto
Ma il grande salto, quello che gli permette di diventare autore internazionale, il regista lo deve a Ultimo tango a Parigi. Quel titolo è in tutte le memorie del cinema, anche in quella popolare, anche per le vicende che subì, censura, processi, macerazione della pellicola. Per fortuna, alla fine, la pellicola è stata salvata ed è stata possibile l'edizione in Dvd. "Ultimo tango" a detta di molti, a volte anche a detta dell'autore è soprattutto un film di Brando, oltre che "con" Brando. Il personaggio del quarantenne dolente, in crisi, costretto a rivedere tutto, e che cerca il cambiamento nel sesso con una ragazzina, creò un modello che fece storia, oltre che in cinema, anche nel costume.

Record
Nel 1987 con L'ultimo imperatore, Bertolucci andò addirittura a sfiorare il record di Oscar di Via col vento. Lo mancò per un numero: nove contro dieci. Era, ancora una volta, la storia di un cambiamento. Estremo questa volta: Pu-yi, semidio delle Cina, diventa un comune, triste cittadino, un numero fra un miliardo, con l'avvento di Mao e della sua rivoluzione culturale. Un'altra ricerca estrema è quella di Piccolo Buddha, l'identificazione del nuovo Dalai Lama. Ma il meglio, Bertolucci sembra averlo già dato. Con The Dreamers ripercorre la sua prima strada, le protesta giovanile. È il 2002. Il regista sbarcò davanti al palazzo del cinema alzando il pugno. Il segnale di nostalgia di un sessantenne che voleva ancora dare indicazioni. A Venezia Bertolucci ha ritirato il suo premio sulla sedia a rotelle, dove lo costringe la malattia. "Lo dedico all'Italia che si indigna" ha dichiarato. Le parole sono sacrosante, "indignarsi" è il primo sentimento che deve appartenere a un artista. Indignarsi, e poi fare proposte.
Bertolucci le ha fatte.

1



prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità