Una famiglia

Film 2017 | Drammatico V.M. 14 119 min.

Regia di Sebastiano Riso. Un film con Micaela Ramazzotti, Patrick Bruel, Pippo Delbono, Fortunato Cerlino, Marco Leonardi. Cast completo Genere Drammatico - Italia, Francia, 2017, durata 119 minuti. Uscita cinema giovedì 28 settembre 2017 distribuito da Bim Distribuzione. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,24 su 14 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Una famiglia
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Il diritto alla maternità di una coppia si scontra con la latitanza dello Stato. Pur di esaudire il loro desiderio dovranno fare i conti con il mondo criminale. In Italia al Box Office Una famiglia ha incassato 41,1 mila euro .

Consigliato nì!
2,24/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 1,90
PUBBLICO 2,33
CONSIGLIATO NÌ
Un'opera "ispirata a storie vere" che agisce su due piani divergenti: quello realistico e quello metaforico.
Recensione di Paola Casella
lunedì 4 settembre 2017
Recensione di Paola Casella
lunedì 4 settembre 2017

Maria e Vincenzo vivono un'esistenza al limite, in cui il dominio psicologico di Vincenzo è evidente, e molto meno evidente la ragione per cui Maria vi si assoggetta da anni. Per Vincenzo, Maria è una (l'unica?) fonte di reddito, grazie ad una fertilità che l'ha resa madre più volte, ma l'ha anche prosciugata della propria energia vitale. Per Maria, Vincenzo è (forse) stato un tempo miraggio di salvezza, ma ora è, di fatto, severo controllore. È impossibile dire altro senza fare spoiler rispetto ad una costruzione narrativa che rende inizialmente misteriosa la natura del patto stabilito all'interno della coppia.

Quello che è chiaro fin da subito è che il corpo di Maria è il terreno depredato da Vincenzo, e che su quel corpo si gioca tutta la vicenda narrata da Sebastiano Riso, alla sua opera seconda dopo Più buio di mezzanotte.

Una scritta all'inizio avverte che la trama di Una famiglia, sceneggiata da Riso insieme a Andrea Cedrola e Stefano Grasso, è "ispirata a storie vere", ma la lettura del film ha luogo su due piani divergenti: quello realistico e quello metaforico.

Dal punto di vista realistico la vicenda narrata appare via via più improbabile, rendendo praticamente impossibile comprendere le scelte dei personaggi, anche quelli collaterali. La coppia al centro della storia non è priva di mezzi o di alternative, Maria è una donna adulta che, come le ricorda Vincenzo, può sempre prendere la porta e andarsene, e i personaggi di contorno si comportano in maniera via via più inconsueta (per non dire illogica). Anche i rapporti di coppia più perversi hanno una loro dinamica in parte comprensibile, ma qui sfugge completamente il nodo che tiene uniti i due protagonisti, personaggi senza storia e senza un'interazione dettagliata, pur nelle sue storture, a fronte invece di un dettaglio visivo accentuato su particolari meno utili a penetrare la storia.

Riso ci propone i suoi personaggi a distanza ravvicinatissima, in un eterno presente che non lascia spazio ad un'identificazione oltre la dimensione meramente epidermica. E Patrick Bruel, con il suo sguardo offeso e gonfio di una paura segreta, è più efficace di Micaela Ramazzotti, che invece estremizza le proprie reazioni invece di corrispondere emotivamente all'immobilità decisionale del suo personaggio.

La lettura metaforica è più generosa, e fa migliore utilizzo della fisicità sensuale e materna dell'attrice, rappresentando una battaglia tutta combattuta su un corpo privato (culturalmente, socialmente, economicamente) di ogni autonomia di scelta, raffigurato come un campo coltivato senza turno di rotazione, e come un oggetto di mercificazione senza guadagno personale. Anche lo schema dei colori legati alla coppia protagonista accentua l'aspetto metaforico della vicenda: se Vincenzo è sempre abbigliato in color morte, Maria (nome biblico e materno per eccellenza è scissa fra il rosa carne della propria disposizione naturale e il grigio cupo della propria condizione forzata, sfumatura del nero rappresentato all'infinito da Vincenzo. Persino la casa in cui si consuma la reciproca prigionia è grigia dentro e rosa fuori, e sorge sopra ad un mercato che simbolizza il mercimonio al grado zero dell'economia reale.

Purtroppo però Riso non trova mai una conciliazione e una sintesi fra la dimensione realistica di Una famiglia e quella metaforica, che avrebbe potuto (dovuto?) prendere decisamente il sopravvento, abbandonando ogni pretesa di credibilità "documentaria". Il suo film sconta la presenza ingombrante di un "verismo" che non trova riscontro né nella rappresentazione di queste vite al margine, né nella descrizione dei personaggi che fanno contorno alla coppia centrale, tutti uniformemente animati da un'ipocrisia di fondo che rende le loro azioni incomprensibili prima ancora che (narrativamente) ingiustificabili.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 29 settembre 2017
Angitia

Il film di S.Riso sicuramente incuriosisce, lo spunto di partenza e i primi minuti fanno presagire ad un mistero da sciogliere o in uno scavo nelle profondità, forse oscure di una coppia. Purtroppo già dopo una manciata di minuti ( sempre più pesanti) la trama si comincia a svelare senza sussulti o interesse, i personaggi principali, fra cui la brava Ramazzotti, si avviano in un [...] Vai alla recensione »

sabato 7 ottobre 2017
angelo umana

 'Woman is the nigger of the world' (John Lennon 1972): questa frase viene in mente guardando, e soffrendone, il film Una Famiglia, il viso stesso di Micaela Ramazzotti esprime sofferenza. Nessuna traccia di innamoramento – come dice qualche recensione - per il suo uomo, interpretato dal francese Patrick Bruel (personaggio spregiudicato e calcolatore, l'attore è nei fatti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 ottobre 2017
Flyanto

 Presentato quest'anno all'ultimo Festival del Cinema a Venezia, "Una Famiglia" è un film che per il suo argomento delicato ed allo stesso tempo scomodo ha sollevato molte critiche. In esso infatti si affronta il tema dell'utero in affitto e la storia è tratta da realtà, purtroppo, realmente esistenti ed accadute.

lunedì 4 settembre 2017
opidum

negli anni 90 ci furono due grossi scandali. uno legato alla piccola serena cruz e l'alro legato alla regista lina wertmuller. invito i 30 enni ad approfondire l'argomento . per non dimenticare.

giovedì 14 settembre 2017
Dalia

Sono stata colpita dalla dichiarazione della Ramazzotti e mi son messa in fila per vedere il film direttamente a Venezia. Che dire non mi aspettavo tanto coraggio e poesia mescolata con bravura. Mi ha regalato una sensazione fortissima con delle scene di una bellezza incredibile !Straconsigliato

giovedì 14 settembre 2017
Lupomannaro3

Avevo letto degli articoli sul film e mai avrei potuto pensare che il tema mi avrebbe potuto portare ad un film cosi forte e viscerale!Dopo il primo film che avevo amato ecco un altro capolavoro

FOCUS
INCONTRI
martedì 26 settembre 2017
Paola Casella

Vincent è nato cinquant'anni fa vicino a Parigi ma ha tagliato ogni legame con le sue radici. Maria, più giovane di quindici anni, è cresciuta a Ostia, ma non vede più la sua famiglia. Insieme formano una coppia che non sembra aver bisogno di nessuno e conducono un'esistenza appartata nella Roma indolente e distratta dei giorni nostri, culla ideale per chi vuole vivere lontano da sguardi indiscreti. Sembrano una normale coppia innamorata, eppure, a uno sguardo più attento, la loro quotidianità lascia trapelare un terribile progetto di vita portato avanti da lui con lucida determinazione e da lei accettato in virtù di un amore senza condizioni. Un progetto che prevede di aiutare coppie che non possono avere figli. Arrivata a quella che il suo istinto le dice essere l'ultima gravidanza, Maria decide che è giunto il momento di formare una sua vera famiglia. La scelta si porta dietro una conseguenza inevitabile: la ribellione di Maria a Vincent, l'uomo della sua vita.

"Alla base della felicità di una donna, di un rapporto a due, ci deve essere un uomo accanto che la protegga, che la coccoli, che la tenga come un fiore perché le donne sono un bene prezioso per l'umanità".

Presentato in Concorso alla 74. Mostra del Cinema di Venezia, Una famiglia sarà al cinema da giovedì 28 settembre. Nel cast, diretti da Sebastiano Riso, figurano tra gli altri Patrick Bruel e Micaela Ramazzotti. In attesa dell'uscita in sala, presentiamo una video intervista proprio a Micaela Ramazzotti, in cui l'attrice racconta la genesi della sua Maria, le sue preoccupazioni e le sfumature di un personaggio sicuramente non facile da interpretare.

Frasi
Io voglio tenerlo...
Una frase di Maria (Micaela Ramazzotti)
dal film Una famiglia - a cura di MYmovies.it
- Vorrei almeno sapere chi sono.
- E dopo che lo sai cambia qualcosa?
Dialogo tra Vincenzo (Patrick Bruel) - Maria (Micaela Ramazzotti)
dal film Una famiglia - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 5 settembre 2017
Emiliano Morreale
La Repubblica

Il regista di Una famiglia (all'opera seconda dopo Più buio di mezzanotte) voleva affrontare in maniera non consolatoria una vicenda che ha a che fare con la compravendita di neonati, perché la protagonista è una donna, soggiogata dal marito francese (Patrick Bruel, cantante e attore celeberrimo in Francia), che viene da costui continuamente messa incinta per partorire bambini che lei non vedrà mai, [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

Per fortuna è finito quel lungo, nero periodo nero di un cinema italiano carente addirittura di figure professionali. Oggi non è così; e, infatti, la presenza in concorso a Venezia di Una famiglia del catanese Sebastiano Riso non ha suscitato alcuna polemica. È un film che formalmente ha i numeri in regola; e, volendo, sulla carta aveva anche il pregio di proporre un tema di cronaca, la piaga del commercio [...] Vai alla recensione »

martedì 5 settembre 2017
Cristina Piccino
Il Manifesto

Periferia romana, in realtà il Pigneto super trendy, sottoscala disgraziato, in realtà pieno di design, coppia lei fuori di testa, lui mascella contratta che la trattiene Hanno perso un figlio, lo capisci da come lei guarda i bambini nel vagone della metropolitana. E invece no. Maria (Micaela Ramazzotti sempre generosa) e Vincent (Patrick Bruel) di figli non ne hanno persi, li hanno venduti, nel commercio [...] Vai alla recensione »

martedì 5 settembre 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Dalla mamma coraggio del Missouri violento a quella scoraggiante di Una famiglia di Sebastiano Riso, brutto dramma sul tema forte dell'utero in affitto trattato con estrema debolezza dal regista della graffiante opera prima Più buio di mezzanotte. Micaela Ramazzotti si aggira disperata accanto al suo insopportabile compagno tenebroso, ma dall'accento francese ridicolo, Patrick Bruel (quanto era bravo [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 settembre 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Pretenzioso e ermetico dramma italiano, in concorso a Venezia 2017. A Roma litigano e si rappacificano di continuo la malinconica Maria e il manesco Vincent. Finalmente lei è felice: è in arrivo quel figlio tanto atteso. La coppia bisbiglia e lo spettatore fatica a sentire. E ancora più a capire. Micaela Ramazzotti fa sempre lo stesso personaggio: insicura, piagnucolosa, ingenua, svitata.

NEWS
GALLERY
martedì 5 settembre 2017
 

Convince Tre Manifesti a Ebbing, Missouri; fa discutere Una famiglia di Sebastiano Riso; non delude le aspettative Ex Libris - New York Public Library di Frederick Wiseman. È un bilancio finora in positivo, quello del Concorso della 74.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati