MYmovies.it
Advertisement
Madre!, onore all'audacia di Darren Aronofsky

Se c'è qualcosa verso cui il regista merita riconoscenza è il suo coraggio nel portare avanti le proprie idee, nel bene e nel male. Al cinema.
di Eugenio Radin - Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Jennifer Lawrence (27 anni) 15 agosto 1990, Louisville (Kentucky - USA) - Leone. Interpreta La madre nel film di Darren Aronofsky Madre!.
mercoledì 4 ottobre 2017 - Scrivere di Cinema

Se c'è qualcosa verso cui Darren Aronofsky merita sicuramente riconoscenza, questo qualcosa è la sua audacia, il suo coraggio nel portare avanti le proprie idee senza curarsi se queste vadano contro i gusti del grande pubblico o piuttosto contro gli stilemi del cinema indipendente. E se il riconoscimento di tale arditezza è venuto da sé nel momento in cui essa è stata il concime di un ben meritato successo, è invece necessario richiamarla con rispetto all'attenzione dello spettatore nel caso di opere minori o di fronte a flop più o meno gravi. Ma è forse ancora più importante (proprio per il fatto che il rischio è qui maggiore) guardarsi a sua volta dal commettere l'errore opposto, ovvero dal giudicare positivamente un'opera per il solo fatto che in essa si riscontri una certa capacità di osare.

Certo, l'originalità e la ricercatezza stilistica sono qualità importanti per un autore, ma come ricordava in ogni occasione il Gradgrind dickensiano, con tono cinico e freddo: ciò che conta alla fine "is nothing but facts!", sono solo i fatti.
Eugenio Radin - Vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Proprio per questi motivi, se non può essere negata una certa ambizione all'ultima opera del cineasta statunitense, questa ambizione non può e non deve, ipso facto, decretarne il successo.

Bisogna però, per un film come quello in questione, distinguere innanzitutto un discorso formale da uno contenutistico, poiché per entrambi i livelli è presente una differente tipologia di ambizione. Il discorso stilistico è quello in cui Aronofsky osa di più, tramite l'utilizzo di soluzioni particolari, di primi piani claustrofobici che tolgono il respiro e che non aprono mai su campi lunghi, nonché tramite una fotografia cupa che dona all'atmosfera una certa qual componente onirica. Alcune di queste soluzioni funzionano, molte invece no.


VIDEO RECENSIONE CONTINUA A LEGGERE
news correlate
in Primo Piano

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati