Brimstone

Film 2016 | Thriller 148 min.

Titolo originaleBrimstone
Anno2016
GenereThriller
ProduzioneFrancia, Paesi Bassi
Durata148 minuti
Regia diMartin Koolhoven
AttoriGuy Pearce, Carice van Houten, Kit Harington, Dakota Fanning, Paul Anderson Carla Juri, Jack Roth, Emilia Jones, Ivy George, Vera Vitali, William Houston, Jack Hollington, Justin Salinger.
MYmonetro Valutazione: 1,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Martin Koolhoven. Un film con Guy Pearce, Carice van Houten, Kit Harington, Dakota Fanning, Paul Anderson. Cast completo Titolo originale: Brimstone. Genere Thriller - Francia, Paesi Bassi, 2016, durata 148 minuti. Valutazione: 1,00 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi
Brimstone
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Dakota Fanning è la protagonista di un dramma dai toni thriller in cui viene perseguitata da un uomo misterioso.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 1,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE NO
L'olandese Koolhoven pecca di presunzione, dimostrando di avere mestiere ma scarsa sensibilità.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 5 settembre 2016
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 5 settembre 2016

Seduta in chiesa con la sua famiglia, Liz sente la voce del nuovo reverendo, ode parole che parlano di inferno e punizione, e sa immediatamente che quell'uomo è lì per lei. La segue da quando è nata, la reputa di sua proprietà, e non vuole altro che punirla, seminandole la morte intorno, tra le persone che ama di più. Ha già costretto al suicidio sua madre e ora minaccia sua figlia, accecato da un delirio che chiama giustizia divina e che si ammanta delle metafore più crudeli del vecchio testamento.
Doveva insospettirci il titolo stesso del film, che sullo schermo compare nella formulazione pretenziosa di "Koolhoven's Brimstone", in guisa di rivendicazione, di dichiarazione d'orgoglio. Tuttavia abbiamo voluto dargli credito, disporci ad apprezzare la forza scenica di Dakota Fanning, che recita senza poter parlare (si scoprirà che è senza lingua), persino la mascherata di Guy Pearce, nonostante le citazioni da La morte corre sul fiume apparissero già fuori luogo, in odore di blasfemia, quando ancora non eravamo che all'inizio, quando il peggio doveva ancora arrivare.
In ogni caso, non si è fatto attendere. L'atmosfera tesa, carica di presagi ancora senza nome, che inaugura Brimstone e che indubbiamente intriga e ci trascina con sé, aggrappati nella notte al calesse di Liz e della sua bambina, svapora già all'entrata del secondo capitolo, quando diventa chiaro che le intenzioni del regista non sono di modesta portata e che siamo invitati ad una narrazione tutt'altro che rarefatta, di cui non ci verrà risparmiato nessuno snodo, per quanto maledettamente prevedibile, e nessuna deriva ultraviolenta, perché è lì che Koolhoven sembra essere particolarmente orgoglioso di apporre la propria firma: negli sbudellamenti, nelle museruole e nelle frustate, nell'illustrazione compiaciuta della libidine che la carne di bambina ispira nel grande mattatore del Male che sta al centro del suo film.
Procede così, felice di sé e senza dubbio alcuno, prendendosi, per giunta, incredibilmente sul serio, un film che, ad ogni istante, sottolinea la distanza che può esistere tra un regista che sa muovere la cinepresa e allestire un set di indubbio fascino e un regista con una sensibilità e una passione reale e rispettosa per l'arte a cui concorre.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 25 marzo 2017
Ashtray_Bliss

"Non è un paese per donne" avrebbe potuto essere il titolo alternativo al Brimstone di Koolhoven, e avrebbe calzato a pennello questa discendente parabola dark ambientata nel far west americano, spietato e crudele, come la storia che si svolge sullo schermo. Suddiviso in quattro capitoli dagli espliciti riferimenti biblici l'opera di Koolhoven si contraddistingue subito per il [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2016
Peer Gynt

Joanna è una ragazza muta sposata ad un bravo colono. Ma perché tutti la chiamano Liz? E perché il Reverendo, quando parla del Male da cui guardarsi, sembra alludere proprio a lei? Perché Joanna ha paura di lui? Forse lo conosce già? A queste domande, poste tutte dal primo capitolo del film (intitolato "Apocalisse"), daranno adeguata e sconcertante risposta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 marzo 2017
dunkan

ottimo film a tratti disturbante con scene forti di indubbio impatto, solo un po prolisso e con alcuni passaggi forzati che non ne sminuiscono il valore,eccelso guy pierce nella parte del reverendo,dakota troppo inespressiva,"jhon snow" ottima conparsa ,il voto più basso ai recensori di my movies,sono anni che non ne imbroccano una,per fortuna ho smesso di leggere qualsiasi vostra [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati