Miss Violence

Film 2013 | Drammatico V.M. 14 99 min.

Regia di Alexandros Avranas. Un film con Themis Panou, Rena Pittaki, Eleni Roussinou, Sissy Toumasi, Kalliopi Zontanou. Cast completo Genere Drammatico - Grecia, 2013, durata 99 minuti. Uscita cinema giovedì 31 ottobre 2013 distribuito da EyeMoon Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 3,53 su 43 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Miss Violence
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un suicidio incrina la patina di normalità di una famiglia borghese che lentamente si rivela un inferno di violenza e oppressione. Il film è stato premiato al Festival di Venezia. In Italia al Box Office Miss Violence ha incassato 51,2 mila euro .

Miss Violence è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,53/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,70
PUBBLICO 3,93
CONSIGLIATO SÌ
Lo smarrimento umano di un nucleo familiare che aumenta continuamente la sensazione di oppressione.
Recensione di Gabriele Niola
martedì 3 settembre 2013
Recensione di Gabriele Niola
martedì 3 settembre 2013

Nella famiglia di Angeliki tutto sembra andare per il verso migliore se non fosse che la bambina, il giorno del suo 11esimo compleanno, a sorpresa si suicida buttandosi dalla finestra. Lo smarrimento che segue è inusualmente cauto, l'annuncio di una serie di altre stranezze che lentamente riveleranno l'inferno familiare vissuto dalla bambina e che ora vivono gli altri membri della famiglia. Il massimo della pulizia del perbenismo borghese che il patriarca mantiene infatti è solo una patina.
Appartenente alla scuola di Michael Haneke, Alexandros Avranas mette il pubblico nei panni degli anelli più deboli del suo film e li vessa dall'inizio alla fine, ne tortura e umilia spirito e animo molto prima della carne (di violenza vera in Miss violence ce n'è pochissima), ma a differenza del regista austriaco sembra non avere una motivazione per tanta distanza e freddezza dai suoi protagonisti.
L'intuizione migliore del film così pare essere quella per la quale lungo tutto il corso della pellicola si fatica a comprendere i ruoli della famiglia. Le parentele sono svelate lentamente e con un continuo ribaltamento di senso, mostrando con i fatti e non con le parole lo smarrimento umano di quel nucleo e aumentando, di scoperta in scoperta, la sensazione di disumana oppressione.
È il punto in cui culmina tutto questo lento costruire a deludere allora. La chiusa di una storia che sembra non avere speranze sceglie una via peculiare, asseconda il titolo, non concilia nè terrorizza davvero ma riesce solo a rendere ancor più fastidiosi e insulsi i personaggi, la cui mancanza di dignità non è mai affrontata, spiegata o solo comunicata. Così, quando è finita, la parabola di Miss Violence e tutta la distanza che il regista prende dai personaggi nel metterli in scena, generano una profonda disaffezione e pochissima partecipazione anche ai drammi più ingiusti che senza empatia risultano artificiosi.
Vista la situazione economica della Grecia non è difficile trovare paragoni, metafore o possibili allegorie con la storia del film, tuttavia l'impressione è che tale aderenze esistano più negli occhi di chi vuole vederle che nel film in sè.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
MISS VIOLENCE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 19 settembre 2013
Oz1984

“Cosa le ha dato lo spunto per la storia raccontata”, chiede un giornalista in sala stampa ad Alexandros Avranas; “Ci siamo ispirati a una storia realmente accaduta in Germania, ben peggiore di quella raccontata”. Silenzio. Sarebbe stato meglio non aver chiesto; sarebbe stato meglio non aver sentito, perché aver saputo cambierà inevitabilmente il modo di guardare dello spettatore.

giovedì 31 ottobre 2013
nina-a

Intenso ed emotivamente violento, anche se mai (o quasi) nelle immagini. La freddezzza del regista è perfettamente funzionale al racconto, permette allo spettatore di entrare lentamente in questo baratro di orrore senza capire troppo velocemente quali sono le regole del gioco. E quando ci si è entrati si resta con addosso questa sensazione di dolore e di consapevolezza.

giovedì 31 ottobre 2013
vooodoo

Capolavoro assoluto di mise en scene, di interpretrazione e di fotografia. Avranas sceglie di raccontare il contenuto attraverso la forma, usa la forma cinematografica come mezzo di comunicazione di una emozione e di una tensione costante. Lunghi piani fissi, tesi, pochi ed eleganti movimenti di macchina, nè virtuosistici ne pretenziosi, ma strettamente funzionali, piano sequenza delicati e [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 novembre 2013
Flyanto

 Film in cui viene raccontato il suicidio senza un'apparente giustificazione di una ragazzina nel giorno del suo undicesimo compleanno. Da questo tragico episodio, attraverso piano piano la presentazione dei vari componenti della famiglia a cui ella apparteneva, ne verrà svelata la motivazione e reso manifesto l'orrore morale ed abissale imperante nella casa.

lunedì 4 novembre 2013
geo poulidis

La sconvolgente storia non lascia lo spettatore tranquillo nemmeno un attimo, perché il crescendo sarà micidiale ed eventi e personaggi saranno sviscerati in modo perfetto, sempre in disaccordo con la nostra coscienza che non vorrà ammettere. Ma non è solo il soggetto forte a sconvolgere: Alexandros Avranas fa centro con uno stile minimalista di regia, essenziale nei contenuti [...] Vai alla recensione »

lunedì 16 settembre 2013
Deborissimah

Un pugno nello stomaco. Shoccante. Violento. E' già stato definito in molti modi diversi questo film, tutti veri e nessuno che riesca però a far giustizia al senso di oppressione che riesce a instillare dentro vederlo. E' come salire su una brutta giostra che non si ferma mai e che mano a mano che passa il tempo ti fa sempre più paura e ti da sempre più fastidio. Si [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 novembre 2013
giugy3000

Il film più chiacchierato di Venezia 2013 promette faville, o meglio vi regala un posto in prima fila dritto all'inferno, benchè non sia un horror e la vista del sangue esigua, vi tiene inchidiodati alla poltrona per tutti i suoi 99'. A firmarne la regia è un regista misconosciuto greco, esordiente anni orsono e poi finito nel dimenticatoio, che trova il suo riscatto nel [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 novembre 2013
StefanoB

Film nauseante, delirante, un pugno nello stomaco.. in una parola: bellissimo (purtroppo). Sullo sfondo della crisi greca e dentro l'inferno delle tranquille mura domestiche, un padre/nonno/padrone violento pragmatico e metodico all'inverosimile tiene sotto plagio l'intera famiglia, composta da moglie figlie e nipoti dei quali all'inizio si stenta a capire il legame, in una sorta di sindrome di Stoccolma [...] Vai alla recensione »

martedì 12 novembre 2013
matma

Un film raro, un livello recitativo che non si vede piu al cinema da tanti anni, un pugno allo stomaco che ti costringe a pensare e a metterti in gioco e non ti permette di sottrarti al tuo dovere di spettatore. Mai sguardi in macchina (togliendo chaplin) sono stati piu efficaci e "imbarazzanti", quello sguardo davanti al quale vorresti solo abbassare gli occhi pieni di vergogna.

venerdì 21 febbraio 2014
Marco Michielis

“Miss Violence” del giovane regista greco Alexandros Avranas non ha certo deluso le speranze di chi, come me, andando al cinema, si aspettava di godere di una pellicola di livello, visti il Leone d'Argento per la regia e la Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile ottenuti a Venezia 2013. La precisione interpretativa e la cura maniacale che Avranas dona a ogni sua singola [...] Vai alla recensione »

domenica 17 aprile 2016
Guidobaldo Maria Riccardelli

Crudo e penetrante, colpisce a sangue freddo, non avverte, fa intuire il peggio concretizzandosi invece in qualcosa che va al di là, scendendo in un inferno tangibile, pienamente reale nel suo apparente parossismo. Alexandros Avranas si inserisce con prepotenza nella schiera di questo cinema ellenico moderno, pieno di vita nel descrivere la morte, capace di fotografare una realtà comune, [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 ottobre 2015
franci9292

Mi sembra ancora di essere lì, all’interno dell’abitazione e assistere, involontariamente, ai terribili soprusi di un padre-padrone su moglie e figlie innocenti. Incredibile abilità del giovane regista greco Alexandros Avranas nel dirigere un attore protagonista, Themis Panou, che è stato in grado di interpretare in maniera eccellente la figura negativa e dèspo [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 febbraio 2015
vjarkiv

Miss Violence ovvero come rappresentare gli orrori di un microcosmo familiare disfunzionale. Il regista Alexandros Avranas (facente parte di quella sparuta rappresentanza di operatori del cinema ellenico) sceglie di accompagnare lo spettatore con una sceneggiatura essenziale ma affilata come la lama di un coltello ed una ambientazione claustrofobica che è l'appartamento-prigione dove la famiglia vive [...] Vai alla recensione »

martedì 19 agosto 2014
angelo umana

 Diffidare di chi mette troppa cura nel sistemare il nodo alla cravatta, di chi si mostra oltremodo compassato e gentile fuori dalla famiglia, dell’uomo che non vuole che alcuna cosa gli sfugga di ciò che avviene in casa sua, dal controllo di quanti cornflakes  vengono consumati a che i nipotini (o figli?) svolgano tutti i compiti.

sabato 29 ottobre 2016
Eleonora Panzeri

Una festa di compleanno, una finta e stentata allegria che non si spiega e poi un gesto, il più terribile ed inaspettato, che stride con il momento di festa e la giovanissima età della  vittima. Cosa può spingere una bambina di 11 anni a porre fine ai suoi giorni? Non lo si capisce da subito, benché qualcosa sicuramente non va in questa famiglia in cui i ruoli [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 agosto 2014
gianleo67

Un padre, tre figlie, due nipoti e una moglie. Il giorno del suo 11° compleanno la figlia più piccola si suicida gettandosi dal balcone di casa. I servizi sociali indagano tra le mille reticenze di una famiglia che sembra chiusa in se stessa e con un padre padrone che dietro l'apparente normalità borghese, mantiene sotto il proprio giogo le fragili psicologie femminili che sembrano [...] Vai alla recensione »

giovedì 8 maggio 2014
Eugenio

Ne avevamo bisogno? Un film dove l’apparenza borghese di una famiglia è segnata da un’apparente quanto ingiustificato tragico lutto: il suicidio di una ragazzina nel giorno del suo undicesimo compleanno. Allo sconcerto dei familiari, la sconvolta madre e l’ancor più incredulo padre, seguirà un lungo flashback tramite il quale noi spettatori, senza alcuna remora, siamo messi di fronte dinanzi all’orrore [...] Vai alla recensione »

domenica 8 dicembre 2013
Andrea Lade

Eh sì, proprio un bel film, forse il migliore di questa Venezia del 2013, un po’ deludente. Tra tanti dubbi lasciati da lungometraggi in pole position, “Miss Violence” si è aggiudicato il Leone  d’Argento e la qualifica di “film rivelazione”, a pieno merito. Il cinema greco è poco presente nel panorama europeo, ma quei pochi che riescono [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 marzo 2015
Noia1

Una famiglia e un pesante lutto. Prova registica straordinaria, sembra poco a dirlo così, un conto però è fare un gran film con location su location, effetti speciali e magari anche qualche sparatoria, un altro è farne uno all’altezza con un decimo dei mezzi. Si perché se lo svolgersi del tutto avviene nel giro di un’ora e mezza, su questa ci sarà [...] Vai alla recensione »

domenica 18 maggio 2014
stefano capasso

Miss Violence del regista greco Alexandros Avranas racconta il dramma di una famiglia di 6 persone dove la mancanza assoluta di relazioni la violenza e gli abusi sono il leit motiv quotidiano. Ed è un sistema dove tutti i componenti colludono, se non altro per mancanza di alternative, e che grazie a questo si perpetua nel tempo. E’ certamente efficace lo stile descrittivo, la fotografia [...] Vai alla recensione »

mercoledì 18 settembre 2013
mattews

 Miss Violence è un film molto particolare e molto diverso da cio che siamo abituati a vedere: spiazzante nel modo di raccontare, delicato nell'affrontare tematiche a dir poco spinose, dà angoscia riuscendo tuttavia a farti fare dei sorrisi agghiacciati. Nonostante il tema è un film che si vede con gran piacere, sia per un cinefilo come me (per la splendida messa in scena, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 18 settembre 2013
nina-a

Il trailer ben racconta cio che si vedrà sullo schermo: una situazione ambigua, uno straniamento brechtiano che tiene lo spettatore a contatto ma contemporaneamente lontano da cio che vede, un'atmosfera fredda e impermeabile. La piccola Angelika si uccide sorridendo il giorno del suo undicesimo compleanno e nessuno apparentemente sa spiegarsi il perche.

giovedì 5 settembre 2013
marcovpoz

Il film e' un autentico pugno nello stomaco. La vicenda trae il suo inizio dal suicidio di una ragazza di 11 anni (Angeliki), in un contesto familiare apparentemente normale. Da questo evento si dipanano le vicende (assistenti sociali) narrate, incentrate sulle indagini sul "perché" del suicidio. A mano a mano, come piccoli fiori nascenti su un prato, affiorano quelle che sembrano [...] Vai alla recensione »

martedì 17 settembre 2013
ferzi

Bellissimo! Ho visto Miss Violence al Savoy per “Venezia a Roma” e mi ha davvero entusiasmato. Emotivamente è molto doloroso, ma mai gratuitamente, è garbato nella narrazione facendo leva su uno stile davvero molto bello e molto personale. Ricorda un po' “Il giardino delle vergini suicide” ma, a differenza del film della Coppola, è un lavoro davvero [...] Vai alla recensione »

martedì 17 settembre 2013
vooodoo

Ho visto il trailer prima che il film venisse presentato a Venezia ed è da due mesi che aspetto incuriosita di vederlo (a maggior ragione dopo che ha fatto incetta di premi al festival!). Ebbene, finalmente stasera mi sono tolta questo “dente” e...che dire? Nonostante le aspettative altissime che avevo il film si rivela assolutamente superiore a ciò che promette: stile [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 settembre 2013
marcovpoz

Il film e' un autentico pugno nello stomaco. La vicenda trae il suo inizio dal suicidio di una ragazza di 11 anni (Angeliki), in un contesto familiare apparentemente normale. Da questo evento si dipanano le vicende (assistenti sociali) narrate, incentrate sulle indagini sul "perché" del suicidio. A mano a mano, come piccoli fiori nascenti su un prato, affiorano quelle che sembrano [...] Vai alla recensione »

mercoledì 4 settembre 2013
viaggiatore77

Il tema è di quelli molto scomodi; inizialmente non si riesce a valutare il film perchè si rimane presi dalla storia.La regia è magistrale;in molte scene le immagini parlano da sole,descrivendo,attraverso tanti dettagli,il clima da regime e l'orrore morale nella famiglia protagonista.È un film che forse due volte è troppo ma una,ogni tanto,ci vuole.

domenica 17 novembre 2013
kelllli

Ottimo film , storia più realistica di quanto non si possa disperare! violenza genera violenza, Angeliki resta un ANGELO perchè la zia la ama e la rende consapevole!!!!!!!! un film che mi ha fatto sentire colpevole vs tutte le situazioni che potrei nella mia vita aver sfiorato senza capire, senza dare l'allarme, rendendomi chissà, spero di NO, complice di violenza di sistema! che si abbia sempre [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 dicembre 2013
robynieri

Un po' lenta l'introduzione e forse un po' sbrigativo l'esito. Nel complesso, comunque, molto bello il dispiegarsi della trama e degl intrecci che legano i personaggi in un crescendo di emozioni e sentimenti contrastanti. Ottima mano registica, ottimi gli attori (sopratutto il padre, la molgie e la figlia grande).

lunedì 29 gennaio 2018
iaoquinti

Atmosfera cupa e misteriosa durante tutto il film. Una famiglia numerosa in cui il nonno perverso esercita una schiacciante oppressione (fisica e psicologica) su ogni membro. All' inizio l'uomo sembra essere solamente un "Padre" eccesivamente severo ed esigente con le proprie figlie/i, ma col progredire del film, egli dimostrerà tutta la sua terribile perversione e malvagità [...] Vai alla recensione »

martedì 22 marzo 2016
ginopeloso

Violenza in famiglia, dinamiche familiari che vengono piano piano alla luce. Violenza, tanta, ma niente di più.

mercoledì 23 settembre 2015
nerazzurro

Miss violence e un film sconvolgente. Interpretato in maniera sbalorditiva e diretto con maestria. E come se il regista prenda per mano lo spettatore per poi farlo immergere con l'inganno pian piano nell'agghiacciante verità. In pratica un viaggio nelle profondità dell'inferno. la scena iniziale della festa di complenno accompagnata dal tema musicale di Leonard Cohen e davvero [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 novembre 2013
MAURIDAL

. LA CINEMATOGRAFIA GRECA   CONTEMPORANEA  E’SEMPRE STATA  MOLTO ATTENTA AI  FENOMENI SOCIALI   E POLITICI   DELLA  PATRIA NAZIONE   SOPRATTUTTO  , POICHE ’ LA CULTURA  GRECA  HA CONTATO SULLA PRESENZA E L’OPERA DI INTELLETTUALI   DI GRANDE RESPIRO INTERNAZIONALE ,  COME I REGISTI  ANGELOPULOS [...] Vai alla recensione »

domenica 14 dicembre 2014
wizzypizzy

Difficile arrivare al termine della visione ... a metà circa lo stomaco è sconbussolato e la sensibilità dello spettatore duramente messa alla prova ... Forse ha ottenuto il consenso della critica perchè è catartico... certo se quel tipo di aberrazione ti appartiene può essere catartico... Personalmente mi è mancata una qualsiasi mediazione artistica.

martedì 3 settembre 2013
Peer Gynt

Una storia di oppressione e di bieco sfruttamento dei propri familiari viene narrata dal regista greco con uno stile asettico e una distanza siderale dai personaggi, che subiscono sempre tutto passivamente, quasi non avessero vita. Questa scelta di non coinvolgere lo spettatore e di non fargli nemmeno capire bene i legami che tengono insieme i componenti della famiglia toglie potenza alla storia e [...] Vai alla recensione »

venerdì 8 novembre 2013
Plania

A farmi entrare al cinema sono stati il trailer curioso ed i commenti entusiastici del pubblico. Non ho mai visto un film più noioso e mi domando se non faccia male al cinema premiare cose come questa. Non ho trovato una sola cosa da segnalare, compresa regia e attore protagonista premiati entrambi al festival di Venezia. Mi domando per l'ennesima volta a cosa servano i festival se poi sul [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Valerio Caprara
Il Mattino

Un film sconvolgente, avvitato in un crescendo di sin troppo studiata abilità che all'ultima Mostra di Venezia ha colpito sia i media sia la giuria (Leone d'argento al film e Coppa Volpi al protagonista Panou). L'opera seconda del regista Avranas riprende e amplifica la lezione del cinema della crudeltà - più l'Haneke di «Funny Games» e «La pianista» che Pasolini - svelando a poco a poco i segreti [...] Vai alla recensione »

Eugenio Renzi
Il Manifesto

Alexandros Avranas entra in una casa greca nel giorno dell'undicesimo compleanno di una bella bambina tutta di bianco vestita. Intorno alla torta, solo la famiglia: tre generazioni di donne e un uomo di mezza età. L'uomo, che è quanto di più opaco e laido lo stereotipo di un piccolo borghese possa dare, ha, in più del fisico repellente, un sorriso da infame stampato sulla faccia, ghigno che diventa [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Il film shock per niente sciocco dell'ultima Mostra di Venezia. In una famiglia greca perfetta, dove si balla allegramente sulle note di Leonard Cohen, una ragazza dal viso angelico si getta dal balcone. Suicida sul colpo. Perché? Lo scopriremo dopo una chirurgica narrazione che incide come un bisturi. Entreremo sempre più a fondo nei misteri di una famiglia dove nessuno è quello che sembra.

Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Grecia, oggi. Una bambina, nel giorno del suo 11° compleanno, si getta dalla finestra. Un gesto che spalanca la visione terribile di una famiglia dove emergono soprusi e violenze da parte di un nonno orco. Un film cupo, cimiteriale e forsennatamente squallido, dai toni opachi e smorti, più vicino a Seidl che Haneke, per il modo crudo di rappresentare la realtà, troppo a tesi.

Roberto Nepoti
La Repubblica

Quante volte, negli ultimi mesi, abbiamo letto di un film che era "inquietante", "scioccante", destinato a "suscitare polemiche"? Ebbene, Miss Violence (a differenza di tanti altri annunciati come tali) è un film inquietante per davvero. Lo è fin dalla prima scena: in cui l'undicenne Angeliki, mentre festeggia il compleanno assieme alla famiglia, si lancia dal balcone.

NEWS
VIDEO
giovedì 24 ottobre 2013
Chiara Renda

Angeliki è una ragazzina di undici anni che si toglie la vita il giorno del suo compleanno gettandosi dal balcone di casa. La famiglia fa di tutto per superare in fretta l'accaduto, nella convinzione che la morte sia stata causata da un incidente.

winner
leone d'argento per la regia
Festival di Venezia
2013
winner
coppa volpi migliore int. maschile
Festival di Venezia
2013
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati