Die Hard - Un buon giorno per morire

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Die Hard - Un buon giorno per morire   Dvd Die Hard - Un buon giorno per morire   Blu-Ray Die Hard - Un buon giorno per morire  
Consigliato sì!
2,74/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * 1/2 - -
 critica * 1/2 - - -
 pubblico * * 1/2 - -
   
   
   
Ritorna John McClane nelle sue esaltanti avventure, stavolta sarà di scena in Russia.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Grado zero dell'intrattenimento action, ma Bruce Willis rimarrà per sempre l'ultimo boyscout
Boris Sollazzo     * * 1/2 - -

Il Muro di Berlino è caduto, il comunismo è crollato e John McClane, però, si sente ancora benissimo. E i soliti nemici sono sempre i russi. E ce li ripropone rispolverando una tragedia di 27 anni fa, ma soprattutto "disegnandoli" come ai tempi della Guerra Fredda. Il poliziotto che ama sgominare qualsiasi pericolo solo contro tutti, questa volta ha un compagno, si tratta del figlio John jr, detto Jack (Jai Courtney, inespressivo come pochi: non lo aiuta il collo taurino che non crea discontinuità con mascella e viso quadrato). Papà scopre che lo hanno arrestato per omicidio a Mosca e corre nella capitale russa per liberarlo, senza sapere che il piccolo di casa è un agente Cia sotto copertura che vuole sventare i progetti criminali di un politico potentissimo attraverso il suo sodale pentito. Naturalmente i rischi sono, come sempre, da Terza Guerra Mondiale. Ma due McClane possono riuscire in qualsiasi cosa, anche se non si parlano da tempo. Perché con pistole in mano, pugni e inseguimenti se la intendono alla grande.
In ogni caso prima di vedere il film è utile, anzi necessaria, un'avvertenza: questo capitolo è meglio del penultimo, ma peggiore degli altri. Quindi non c'è da esaltarsi: il giovane coprotagonista ha il carisma di una sagoma da poligono, il regista John Moore, dopo il discreto esordio di Dietro le linee nemiche è andato sempre peggiorando. E qui la mediocrità di entrambi si fa sentire. Il punto è che la saga di Die Hard è qualcosa che va oltre la critica cinematografica, è uno tra i pochi fenomeni di genere e generazionali che ha creato dei discepoli, prima ancora che degli appassionati. E per loro conta solo che Bruce Willis sia in forma, con un'arma carica in pugno e la battuta sempre pronta. Hippy ya ye compreso, anche se pronunciato una volta sola.
Fa niente se le scene d'azione sono tutte coreografia, macchine generosamente devastate, salti attraverso i vetri e schemi militari tanto elementari quanto già visti. Non puoi non divertirti con John McClane che ripete ossessivamente di essere in vacanza, con i simboli del comunismo che fermano il tempo (l'Aeroflot all'inizio, la statua di Lenin che guarda le esplosioni provocate dagli americani, il mercenario con la sigla CCCP tatuata sulla schiena), con i nomi dei nemici storpiati di proposito. Sarà anche il grado zero dell'intrattenimento action, ma il buon John ci conquistò proprio così in quel grattacielo - anche grazie al grande McTiernan - e continua a farsi voler bene anche per questo. Sarà, forse, perché rimarrà sempre l'ultimo boyscout. Il consiglio, quindi, è di godervelo nel caso amiate la saga e il suo (anti)eroe, altrimenti non ne apprezzerete la regia di (scarso) servizio né la sceneggiatura striminzita.
A chi, invece, avesse intenzione di regalarci altri capitoli della storia di questo sbirro duro e puro, il consiglio è di lasciarlo solo, com'è sempre stato. McClane non è fatto per avere un partner, men che mai un figlio non alla sua altezza.

Incassi Die Hard - Un buon giorno per morire
Primo Weekend Italia: € 976.000
Incasso Totale* Italia: € 2.132.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 10 marzo 2013
Incasso Totale* Usa: $ 66.792.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 7 aprile 2013
Sei d'accordo con la recensione di Boris Sollazzo?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
50%
No
50%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * *

Un action-movie ad alto tasso andrenalinico

domenica 17 febbraio 2013 di Mickey97

Bruce Willis, nonostante la sua veneranda età di ben 57 anni si mostra al pubblico come l'ideale e arzillo Boyscout, colmo di energia e vitalità, privo di arrese ed esitazioni, ma spinto all'interno del nucleo action ad alto tasso andrenalinico. Un action-movie con i fiocchi, con tanta azione curata ai minimi dettagli e con una corretta dose di ironia che all'interno del film dimostra di avere una valida funzionalità, amalgamandosi con la ben variegata azione espressa continua »

* * - - -

Padri e figli

domenica 17 febbraio 2013 di renato volpone

Riecco Bruce Willis in un film d'azione dove deve riallacciare i rapporti con il figlio che vive a Mosca. Guarda caso il figlio è un agente della CIA coinvolto in una missione pericolosissima. Si parte con un inseguimento più simile ad uno tzunami che non ad una corsa in auto e non sorprenda una Mosca priva di esercito e polizia. Nonostante questo ci si diverte molto, si ride dell'assurdo e dei nostri eroi superuomini. Bene, si capisce il senso del film, quindi chiusi i boccaporti continua »

* * * - -

Purtroppo sollazzo ha , in parte ,ragione...

giovedì 28 marzo 2013 di nedevil

Come da titolo: purtroppo Sollazzo ha,in parte ,ragione. Il film, escludendo i tanti fuochi d'artificio, offre poco... Bruce Willis è sempre un Mito ma qui deve fare i conti con la mediocrità dellla cornice (regia,sceneggiatura,personaggi). Tuttavia è un film d'azione "dimenticabile" ma piacevole. Mi fa ridere Boris Sollazzo che si preoccupa di misurare il collo al co-protagonista (figlio) di Bruce Willis. Ricordo di aver visto, tempo fa, un film in cui continua »

* * - - -

Mc clane più mc clane

venerdì 22 febbraio 2013 di donni romani

La serie di Die Hard, arrivata al quinto capitolo, difficilmente può stupire o spiazzare lo spettatore che sa esattamente ciò che avverrà sullo schermo e ne è ben contento, quasi che ritrovare Bruce Willis alle prese con catastrofi sempre più immani sia un piacevole e rassicurante ritorno al passato. Questa volta poi i Mc Clane sono addirittura due, perchè a John si unisce il rampollo John Junior detto Jack, agente Cia in incognito che John va a salvare continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Die Hard - Un buon giorno per morire adesso. »
Shop

DVD | Die Hard - Un buon giorno per morire

Uscita in DVD

Disponibile on line da venerdì 7 giugno 2013

Cover Dvd Die Hard - Un buon giorno per morire A partire da venerdì 7 giugno 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Die Hard - Un buon giorno per morire di John Moore con Bruce Willis, Jai Courtney, Cole Hauser, Amaury Nolasco. Distribuito da 20th Century Fox Home Entertainment. Su internet Die Hard. Un buon giorno per morire (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Die Hard - Un buon giorno per morire

SOUNDTRACK | Die Hard - Un buon giorno per morire

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 26 febbraio 2013

Cover CD Die Hard - Un buon giorno per morire A partire da martedì 26 febbraio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Die Hard - Un buon giorno per morire del regista. John Moore Distribuita da Masterworks.

NEWS | La storia potrebbe essere ambientata a livello mondiale.

Bruce willis rivela che presto potremmo vedere die hard 5

martedì 23 febbraio 2010 - Marlen Vazzoler

Bruce Willis rivela che presto potremmo vedere Die Hard 5 Durante le interviste promozionali per Poliziotti Fuori (Cop Out) tenutesi a New York, Bruce Willis ha rivelato alcune informazioni ad MTV su un possibile quinto capitolo della franchise di Die Hard, la popolare serie di film d'azione americana incentrata sullo sfortunatissimo John McClane, un poliziotto che si trova sempre al posto sbagliato e al momento sbagliato. "Penso che faremo Die Hard 5 il prossimo anno... Adesso vorrei assumere Len Wiseman [il regista di Die Hard – Vivere o morire]". Al momento non è chiaro se sia in sviluppo una sceneggiatura ma l'attore ha un'idea della portata del prossimo film.

   

BIZ

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Quattro aspiranti figli di Bruce Willis

lunedì 7 novembre 2011 - Robert Bernocchi

Da quello che riporta il sito Deadline, siamo molto vicini a scoprire chi incarnerà il figlio di John McClane (ossia Bruce Willis) nel prossimo capitolo di Die Hard. La rosa di papabili si è ristretta a quattro nomi: Aaron Paul, D.J. Cotrona, James Badge Dale e Liam Hemsworth. Il primo si è fatto notare nella serie Breaking Bad, ma proprio per questo bisognerebbe vedere se i suoi impegni televisivi gli permetterebbero di lavorare a un film del genere. Cotrona è invece impegnato nel secondo capitolo di G. continua »

   

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Die Hard 5 e Bruce Willis senza regista

martedì 2 agosto 2011 - Robert Bernocchi

Come capita per diversi film importanti e attesi, anche Die Hard 5 vede una short list di registi in lizza per l’incarico. In un primo momento, dopo l’impegno di Noam Murro con 300: Battle for Artemisia, si pensava che l’unico candidato fosse John Moore (Max Payne). In realtà, come riporta il sito Deadline, ci sono altri tre realizzatori in ballo. Il primo è Justin Lin, che dopo il grande successo di Fast & Furious 5 è senza dubbio uno dei registi d’azione più contesi, tanto che dovrebbe trovarsi uno spazio tra i suoi impegni, che prevedono tra l’altro il sesto capitolo della saga con Vin Diesel. continua »

   

Troppe pallottole per John mcClane e la sua famiglia

di Roberto Nepoti La Repubblica

John McClane va in Russia a cercare notizie del figlio Jack, che non vede da anni. Scopre che il ragazzo è diventato un agente della Cia ed è coinvolto in un intrigo poco chiaro (anche per lo sceneggiatore, si direbbe), tra spietati oligarchi, che sono i veri responsabili del disastro di Cernobyl, e quantitativi industriali di uranio arricchito da riciclare. L'assurda trama è solo un pretesto per una novantina di minuti col botto, dove McClane sr. e McClane jr. distruggono un imprecisato numero di automezzi, un elicottero, un hotel; oltre a fare strage di russi grandi, grossi e cattivi. »

Bruce Willis si scatena ma è pronto per la pensione

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Venticinque anni e sentirli, purtroppo, tutti. Era il 1988 quando nelle sale irrompeva il personaggio di John McClane, protagonista assoluto della saga di Die Hard, interpretato da un Bruce Willis in forte ascesa. Un agente di polizia (diventato, nel tempo, prima tenente e poi detective) che, per le sue caratteristiche, aveva creato subito una notevole empatia con il pubblico di ogni latitudine. Al contrario, ad esempio, di un James Bond lustrato a lucido ed in smoking, John agisce, nei vari capitoli, spesso d'istinto (il che lo porta a finire i film mezzo pesto), attirato dai guai (e viceversa), non disdegnando anche un linguaggio volgare e una buona dose di ironia. »

Willis non molla, purtroppo

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Lo sbirro veterano John McClane è sbarcato a Mosca per ritrovare il figlio Jack. Il ragazzone è un agente della Cia, deciso a mettere in salvo un gangster pentito e recuperare un prezioso file, che fa gola a un avido paperone malavitoso. Un divertente poliziesco, dal ritmo esasperato e dalla trama inconsistente, quinta, simpatica puntata di un'antica saga. Nel frastuono di auto sfasciate, Bruce Willis gongola: forse si è messo daccordo con un carrozziere per fare a metà. Da Il Giornale, 21 febb »

Bruce Willis in movimento parossismo divertente

di Francesco Alò Il Messaggero

E sono 5: torna John McClane, l'unico action hero che negli anni '80 piangeva oltre che sparare. Dalla Russia con radiazione: il figlio agente della Cia rimane invischiato in una lotta tra cattivoni che lucrarono su Chernobyl e McClane è costretto a farsi una gita a Mosca per recuperare il rapporto... e pure il figlio finito in manette. L'ex videoclipparo Moore fa la scelta giusta: dimentica il bruttissimo numero 4 e cita a gogò il McTiernan dei bei tempi (due dei cinque Die Hard sono del grande regista di Predator, ora nei guai con la giustizia). »

Die Hard - Un buon giorno per morire | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Boris Sollazzo
Pubblico (per gradimento)
  1° | mickey97
  2° | renato volpone
  3° | tonysamperi
  4° | donni romani
  5° | nedevil
  6° | ultimoboyscout
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Facebook
Sito ufficiale
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità