Viva l'Italia

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Viva l'Italia   Dvd Viva l'Italia   Blu-Ray Viva l'Italia  
Un film di Massimiliano Bruno. Con Raoul Bova, Michele Placido, Ambra Angiolini, Alessandro Gassman, Rocco Papaleo.
continua»
Commedia, durata 100 min. - Italia 2012. - 01 Distribution uscita giovedì 25 ottobre 2012. MYMONETRO Viva l'Italia * * 1/2 - - valutazione media: 2,61 su 97 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,61/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * 1/2 - - -
 pubblico * * 1/2 - -
   
   
Colpito da una malattia che intacca parte del suo cervello, un politico corrotto si trasforma nel paladino della gente onesta.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Commedia amara dal buon ritmo nella migliore tradizione monicelliana-risiana
Simona Previti     * * * - -

L'ennesima famiglia italiana a cui tanta buona commedia ci ha abituato. "Soliti idioti" questa volta meno sgarrupati del solito perché figli di un potente politico (Placido): meno poveri sicuramente, ma non meno idioti. Spagnolo è Il nome di questo padre-burattinaio che tiene le fila dei tre figli e del loro successo (Gassman, Bova, Angiolini), così come di gran parte della politica italiana. È un passpartout per tutti: il consiglio d'amministrazione per uno, il concorso in medicina per l'altro - rigorosamente da raccomandato, un ruolo da attrice per lei - presa per forza nelle fiction in voga solo perché un NO a Spagnolo non si può dire. E poi a seguire incroci di favori e scambi di raccomandazioni, a chi ruba meglio e più in fretta. La storia della famigliola allo sbaraglio si staglia, fra luoghi comuni e mal costume generale, sullo sfondo della politica italiana - quella ormai da manuale - e della sanità che va a rotoli; dietro, un grande tricolore sventola senza vergogna "Viva l'Italia".
I politici sono ormai le facce note, i favoritismi eretti a sistema, le menzogne perpetrate e gli scandali da nascondere (trans e mignotte nascoste sotto l'ipocrisia del modello "buona famiglia italiana"). Ma sembra un sistema perfetto, che si autoregola da solo. Su tutto regna ignoranza e improvvisazione. Se non fosse che, ad un certo punto, il politico Spagnolo colto da un malore fulminante - una specie di demenza improvvisa che gira proprio quella corda pazza e pirandelliana del cervello - inizia a dire tutto quello che gli passa per la mente scompigliando le carte e rovinando equilibri. Il personaggio diventa così da perno del sistema (si scoprirà anche una vergognosa partecipazione alle mazzette che fecero ridere qualcuno la notte dell'Aquila), a una specie di Fool shakespeariano che si aggira per la folla con un ghigno derisorio (grande l'interpretazione di Placido) e che, forte della sua (immaginaria?) malattia, si libera dai sensi di colpa vomitando tutta la verità e permettendo agli altri personaggi di crescere, dirimersi e riparare i disastri di una vita. Il sopraggiungere della 'malattia' dunque è visto come ritorno al bene, ad uno stato di salute, come a dire - e neanche troppo velatamente - che lo stato delle cose è invece afflitto da una accecante demenza collettiva. E l'unico modo per uscirne è iniziare a dire e a pretendere la verità. L'immagine delle macerie dell'Aquila non può che essere dunque un'immagine-simbolo del paese in crollo, di fronte alla quale Spagnolo ammette al figlio (Gassman) la colpa della mazzetta presa per la costruzione della casa dello studente. Momento forte del film.
Partita quindi come una commedia alla Ben Stiller con gag incalzanti da italiuccia, il film prende la strada della migliore tradizione monicelliana-risiana in cui siamo stati maestri - diventa quindi amara e fa riflettere. Con qualche punta di lirismo che non stona. Il ritmo resta buono e ben equilibrato fra risate sincere (i vecchi ricoverati in ospedale sono in assoluto i migliori) ed emozione.
Alla fine gli orrori degli "italiani, brava gente", saranno in parte emendati da un anelito alla verità: un nuovo articolo della Costituzione sarà auspicato e applaudito: ARTICOLO 140 "Tutti i cittadini hanno il diritto di conoscere la verità". I personaggi si rimboccano le maniche e si danno da fare per contare, almeno una volta nella vita, per un'azione fatta e non per "grazia" ricevuta. Così infrangono la legge dell'apparire, abbassano le maschere e si congedano con un inchino ed un calcio all'ipocrisia. Sipario.

Incassi Viva l'Italia
Primo Weekend Italia: € 1.464.000
Incasso Totale* Italia: € 5.297.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 2 dicembre 2012
Sei d'accordo con la recensione di Simona Previti?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
33%
No
67%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Showtime:
sabato 25 ottobre 2014 alle ore 21,10 in TV su SKYCINEMAHITS
Scopri gli altri film in televisione »
Premi e nomination Viva l'Italia

premi
nomination
David di Donatello
0
2
* - - - -

Vecchio e polveroso .... ricorda il bagaglino

martedì 23 ottobre 2012 di stellab

viva l'italia è un film stantio, i soliti stereotipi sill'italia che non va, le solite gag, qualche sorriso e tanta banalità. Placido bravo ma ripetitivo, bova e gassman monocorda, angiolini imbarazzante. Bentornato bagaglino.  continua »

* * * * -

Viva l'italia per far vivere l'italia

giovedì 1 novembre 2012 di margan

Bellissimo film e bella trama originale. Inizialmente può sembrare un film da bagaglino ma dopo la fase clou, la malattia dell'Onorevole, iniazia a prendere una piega diversa. Si vede che Michele Spagnolo oltre che dire tutta la verità perchè senza freni inibitori inizia anche a riflettere sulla vita e sul mondo, molto belle le scene in cui lui cammaina per Roma mentre ci sono delle proteste e degli scontri tra la polizia e i manifestanti, in cui guarda un vecchio video continua »

* * - - -

Piatto e monocorde

domenica 11 novembre 2012 di Marylene

La regia è piatta, monocorde, senza stile, solo un susseguirsi di scene tronche e appiccicate l’una all’altra senza un minimo di continuità. Gli interpreti sono tutti mediocri in un film che vorrebbe utilizzare i toni della commedia satirica per denunciare i mali della nostra società furbetta e arraffona,  ma che risulta solo un mix di macchiette infarcite di spicciola morale. Placido è sicuramente un bravo attore ma se non è diretto da una mano continua »

* * - - -

Due risate sull'italia allo sfascio

mercoledì 14 novembre 2012 di derriev

Curioso film questo "Viva l'Italia": per la prima mezz'ora è una stentata commediola con gag puerili, che sfruttano la parlata, sempre accattivante, del "romanesco" e il pecoreccio. Poi lentamente il film "decolla": la trama prende corpo, la vicenda diviene più seria e risulta pur godibile, anche se la retorica è sempre dietro l'angolo, soprattutto nel monologo finale. La trama: un politico corrotto, causa un malore, dallo continua »

Michele Placido
"Siamo in Italia, io sono ricco, passo davanti, lei è povera e s'attacca al cazzo!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Ambra Angiolini
"Tu sei per la mia mente, come cibo per la vita.
Come le piogge di primavera, sono per la terra.
E per goderti in pace, combatto la stessa guerra
che conduce un avaro, per accumular ricchezza.
Prima, orgoglioso di possedere e, subito dopo,
roso dal dubbio, che il tempo gli scippi il tesoro.
Prima, voglioso di restare solo con te, poi,
orgoglioso che il mondo veda il mio piacere.
Talvolta, sazio di banchettare del tuo sguardo,
subito dopo, affamato di una tua occhiata.
Non possiedo, né perseguo alcun piacere,
se non ciò che ho da te, o da te io posso avere.
Così ogni giorno, soffro di fame e sazietà,
di tutto ghiotto, e d'ogni cosa privo"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rocco papaleo
"Anche voi qui a guardare questi sbrotti di vernice buttati alla cazzo di cane?"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Viva l'Italia

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 17 aprile 2013

Cover Dvd Viva l'Italia A partire da mercoledì 17 aprile 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Viva l'Italia di Massimiliano Bruno con Raoul Bova, Michele Placido, Ambra Angiolini, Alessandro Gassman. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet Viva l'Italia (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Viva l'Italia

SOUNDTRACK | Viva l'Italia

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 23 ottobre 2012

Cover CD Viva l'Italia A partire da martedì 23 ottobre 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Viva l'Italia del regista. Massimiliano Bruno Distribuita da GDM, il cd è composto da musiche di genere Pop e Rock Italiano, e Pop e Rock Italiano. Su internet il cd Viva l'Italia è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 15,00 €
Prezzo di listino: 17,80 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Viva l'Italia

BIZ

La macchina comica è un panino Cicciobello

di Marco Giusti Il Manifesto

Che la fine del governo Berlusconi possa rilanciare la commedia di costume e un po'di satira politica? Magari sì, a sentire temi e battute del secondo film di Max Bruno, Viva l'Italia. Tra le tante: «La prossima volta che la dò chiedo il certificato medico», si lamenta l'escort che vede accasciarsi tra le sue braccia il politico corrotto Michel Placido. O anche: «Mannaggia! Gli potevo chiede'na pippa!», è la conclusione del brutto stalker (Edoardo Falcone, anche co-sceneggiatore) liquidato con un bacetto dopo tre anni di agguati da Ambra, star della fiction con zeppola raccomandata dal padre Placido. »

Corrotti, complici o indifferenti Viva l'Italia grida ma non morde

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Tutto quello che ci sentiamo dire ogni giorno sull'Italia spaventosa di oggi in un film che mette in campo un esercito di personaggi ma dimentica di costruire affetti, conflitti, sentimenti che valga la pena seguire per quasi due ore. Unica eccezione (sintomatica?) è il politico corrotto, costretto da una strana malattia a dire sempre la verità, Michele Placido. Che a forza di dire ad alta voce ciò che sa da sempre, cambia, cresce, matura. Denunciando non solo le proprie malefatte ma la fitta rete di complicità, acquiescenze, opportunismi, senza cui né lui né il paese (compresi i figli Bova, Angiolini, Gassman) sarebbero ciò che sono. »

Commedia all'italiana in versione qualunquista

di Dario Zonta L'Unità

Per un film così anti-politico da sembrare il manifesto del grillismo in formato commedia non serve a nulla riaffermare il primato cinematografico (e politico) della gloriosa commedia all'italiana perché gli eredi illegittimi, tra cui ora Massimiliano Bruno, se ne sono già appropriati. Dopo aver parlato - da sceneggiatore - dei turbamenti di maturandi o dell'eterna dialettica uomo-donna e da regista della parabola relativista di una donna sorpresasi escort (Nessuno mi può giudicare), accorgendosi che il Paese va moralmente a rotoli, scrive un film "impegnato" sui temi dell'attualità e nel farlo richiama il magistero dei Monicelli, Risi e compagnia, auto-eleggendosi erede di quella commedia. »

Intrallazzi e mazzette, tutto già visto

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Massimiliano Bruno è uno che conosce i gusti (non troppo raffinati) del pubblico. Dopo il modestissimo, ma premiato al botteghino, Nessuno mi può giudicare, ecco un'altra commedia sui difetti dell'Italia di oggi. Che, guarda caso, sono sempre gli stessi: raccomandazioni, intrallazzi, bustarelle. Tutto comincia con il coccolone del deputato Michele Placido, che di colpo perde i freni inibitori. «La verità mi fa male, lo so», cantava Caterina Caselli quasi mezzo secolo fa. Di sicuro fa bene agli incassi. »

Viva l'Italia | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Simona Previti
Pubblico (per gradimento)
  1° | derriev
  2° | flyanto
  3° | margan
  4° | filmtalker 98
  5° | marylene
  6° | giuseppebarletta
  7° | casilde
  8° | joker.bane
  9° | trammina93
10° | archipic
11° | scarlett
12° | onufrio
13° | shaque
14° | ultimoboyscout
15° | jennyfer
16° | rescart
17° | rinogaetanoforever
18° | juri84
19° | stellab
David di Donatello (2)


Articoli & News
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità