Pulce non c'è

Acquista su Ibs.it   Dvd Pulce non c'è   Blu-Ray Pulce non c'è  
Un film di Giuseppe Bonito. Con Pippo Delbono, Marina Massironi, Francesca Di Benedetto, Ludovica Falda, Piera Degli Esposti.
continua»
Titolo originale Pulce non c'è. Drammatico, durata 97 min. - Italia 2012. - Academy Two uscita giovedì 6 marzo 2014. MYMONETRO Pulce non c'è * * * 1/2 - valutazione media: 3,63 su 10 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,63/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Pulce è una bambina autistica che viene strappata alla famiglia, dopo che il padre è accusato di aver abusato di lei.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una scottante storia vera, raccontata con estrema sensibilità e poetico pudore
Annalice Furfari     * * * 1/2 -

Giovanna Camurati è una ragazzina di tredici anni come tante altre, con l'avventura della crescita da affrontare e una timidezza che la spinge a scrutare il mondo da un'angolazione privilegiata, senza esserne travolta e senza essere vista. Giovanna ha una mamma e un papà come tanti altri, che, tra alti e bassi, tengono le redini di una famiglia un po' speciale. Perché al centro di questa famiglia c'è la piccola Pulce, per gli altri Margherita, la sorellina di Giovanna. Pulce ha otto anni, va pazza per il tamarindo, la musica di Bach e il tango. Pulce non parla, perché è autistica, ma questo non significa che non sappia comunicare. Un giorno, però, la mamma va a prenderla a scuola e scopre che Pulce non c'è. È stata portata in una comunità: il padre è sospettato di avere abusato di lei.
È così che inizia l'incubo giudiziario, e non solo, di una famiglia già segnata dalla presenza di una malattia ingombrante, una malattia troppo spesso ignorata o travisata da chi non ci ha mai avuto a che fare. Fin dalle prime sequenze, emerge la netta contrapposizione tra la famiglia protagonista e gli altri. C'è un "noi" e un "loro" in questa vicenda. E la separazione tra i due mondi si allarga sempre più, man mano che l'ostilità reciproca aumenta. Ma anche prima che l'ombra del sospetto travolga ogni relazione con l'esterno, la famiglia Camurati è costretta a scontrarsi con la rigidità e la palese inadeguatezza di istituzioni che, a più livelli, non sanno sostenere la malattia, per mancanza di fondi, certo, ma soprattutto per scarsa preparazione e indifferenza. Così, come molte altre famiglie italiane che devono affrontare la disabilità, i Camurati sono lasciati soli, con il peso dell'handicap che ricade unicamente sulle loro spalle. Sopperiscono alle mancanze esterne con l'amore e l'accettazione.
Se per gli altri Pulce è un trattato di medicina, per Giovanna è la sorellina «anticonformista», che si ribella alle logiche imposte dall'esterno. Per Giovanna non c'è niente di più normale. Ciò che non è normale, e che non capisce, è l'accusa che distrugge la sua famiglia, portandole via l'amata Pulce. È attraverso i suoi occhi timidi e profondi che guardiamo a questa storia sconvolgente. Una storia vera, tratta dal libro scritto dalla Giovanna in carne e ossa, l'esordiente Gaia Rayneri, che ha collaborato alla stesura della sceneggiatura. Rispetto al romanzo omonimo, il film di Giuseppe Bonito ha una struttura un po' più corale, che alterna il punto di vista di Giovanna a quello della madre e del padre. Due modi diversi di reagire alla malattia prima e all'accusa poi: lei con l'ansia e l'emotività, lui con la chiusura e il distacco apparente. Due caratteri diversi, resi con verità dalle interpretazioni misurate di Marina Massironi e Pippo Delbono, bravi a tradurre un'incomunicabilità di coppia che sorprendentemente li avvicina anziché separarli. Ma il punto di osservazione privilegiato resta quello di Giovanna, trascinata suo malgrado in un problema molto più grande dei primi batticuori dell'adolescenza che affliggono la sua amica del cuore. È grazie al suo filtro che la vicenda, per quanto scottante, è raccontata con estrema sensibilità e pudore.
Il regista, alla sua opera prima, non si lascia andare a facili sensazionalismi o pietismi. Avverte tutta l'urgenza di raccontare questa storia difficile, ma lo fa con un rispetto profondo nei confronti dei suoi protagonisti, uomini e donne in carne e ossa. Lo fa nel modo migliore, senza fronzoli da melodramma né retorica, con uno stile personale che procede per sottrazione e fa emergere da sé l'impatto della denuncia, senza alcuna forzatura. Grande merito, il suo, anche quello di avere scoperto un'interprete straordinaria, scovata con i casting nelle scuole torinesi. L'esordiente Francesca Di Benedetto conferisce a Giovanna la naturalissima delicatezza della Alba Rohrwacher delle prime interpretazioni. E vederla camminare insicura e trasognata per le strade di una Torino industriale, che ha i colori sbiaditi e nebbiosi di una città nordeuropea, conferisce al film il massimo della poeticità.

Sei d'accordo con la recensione di Annalice Furfari?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
79%
No
21%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Pulce non c'è

premi
nomination
Nastri d'Argento
0
2
* * * - -

Dialogo senza parole

domenica 9 marzo 2014 di FabioFeli

Giovanna (Francesca Di Benedetto) è un’adolescente con una sorella speciale, Margherita, soprannominata Pulce (Ludovica Falda), una bambina autistica di nove anni. Ed ha una vita speciale quella chi ha questo tipo di problema. Padre (Pippo Del Bono), madre (Marina Massironi) e sorella scandiscono i ritmi della loro vita a seconda degli umori di Pulce, che passano dal riso al pianto, al rifiuto solo a gesti. Come le dita di una mano i tre collaborano e mantengono una difficile armonia: si deve imparare continua »

* * * - -

Un fulmine a ciel sereno turba una famiglia

lunedì 10 marzo 2014 di effemmecinema

Margherita (Ludovica Falda) ha nove anni, ascolta il tango e va pazza per il tamarindo. Ride, ma non sai mai se è felice, piange, ma non sapresti dire se è triste. Ha molto da dire ma nessuno vuole o riesce ad ascoltarla davvero, così i suoi sentimenti ed i suoi desideri rimangono custoditi dentro uno scrigno inaccessibile, nel quale ogni tanto si apre una breccia per potervi sbirciare dentro. Per la sua famiglia è “Pulce” e nemmeno una patologia problematica continua »

* * * * -

Come può venire sconvolta una famiglia da un'infam

lunedì 28 luglio 2014 di Flyanto

 Film in cui si narra di una bambina autistica, soprannominata Pulce, la quale viene strappata via dalla propria famiglia e rinchiusa in un istituto per bambini disabili in quanto il proprio padre è stato accusato di avere abusato di lei sessualmente. Da qui inizia per tutti i componenti della famiglia, sorella maggiore della piccola Pulce compresa, un calvario che li porterà al cospetto continuo di dottori, avvocati, giudici ed assistenti sociali al fine di scoprire come sono continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Pulce non c'è adesso. »
Shop

DVD | Pulce non c'è

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 4 giugno 2015

Cover Dvd Pulce non c'è A partire da giovedì 4 giugno 2015 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Pulce non c'è di Giuseppe Bonito con Pippo Delbono, Marina Massironi, Francesca Di Benedetto, Ludovica Falda. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Pulce non c'è (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 7,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,50 €
Aquista on line il dvd del film Pulce non c'è

L'incubo della bimba autistica

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Pulce è una bambina autistica che viene strappata dalla sua famiglia quando sul padre grava un'accusa mostruosa. L'incubo giudiziario piomba sui due coniugi e sulla sorella maggiore Giovanna, una tredicenne timida e introversa, Tratto da una storia vera, con dito puntato sulle istituzioni, il film è raccontato con grande sensibilità dal promettente Giuseppe Bonito. Cast perfetto: dai misurati genitori, Delbono e Massironi, alla talentuosa «deb» Di Benedetto. Da Il Giornale, 6 marzo 2014 »

di Anna Maria Pasetti Il Fatto Quotidiano

"Pulce" ha 9 anni e soffre di una particolare forma di autismo: non parla ma con mamma, papà e la sorellina l3enne Giovanna ha sviluppato un "suo" linguaggio. Ascolta il tango, beve tamarindo e sorride spesso sotto i grandi occhi blu. Un giorno la scuola dove è "sostenuta" decide di sottrarla alla famiglia adducendo motivi di estrema gravità, che naturalmente sconvolgono i genitori. Esordio di qualità per uno dei sceneggiatori della serie tv Boris, che con sensibilità mantiene salde le redini di una storia assai rischiosa. »

Pulce non c'è | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Annalice Furfari
Pubblico (per gradimento)
  1° | fabiofeli
  2° | effemmecinema
  3° | flyanto
Nastri d'Argento (2)


Articoli & News
Link esterni
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 6 marzo 2014
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità