L'imbroglio nel lenzuolo

Film 2010 | Drammatico 100 min.

Regia di Alfonso Arau. Un film con Maria Grazia Cucinotta, Primo Reggiani, Anne Parillaud, Geraldine Chaplin, Ernesto Mahieux. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2010, durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 18 giugno 2010 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,38 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
L'imbroglio nel lenzuolo
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Nel 1905 il cinematografo, la grande invenzione del momento, il mistero a cui nessuno sa dare ancora una spiegazione, conquista il sud Italia, gettando nello scompiglio la povera gente del circondario, ai quali pare una diavoleria. In Italia al Box Office L'imbroglio nel lenzuolo ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 380 mila euro e 79 mila euro nel primo weekend.

Consigliato nì!
2,38/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,63
CONSIGLIATO NÌ
Melodramma popolare che si esprime in maniera didascalica.
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 3 giugno 2010
Recensione di Marzia Gandolfi
giovedì 3 giugno 2010

Sicilia, 1905. Federico studia contro voglia medicina e sogna con tutto il cuore di scrivere storie d'amore per il cinematografo, meraviglia di luce che riflette la vita su un lenzuolo. Commosso come i suoi paesani dalla magia del cinema, Federico abbandona gli studi e si improvvisa direttore di scena per Don Gennarino Pecoraro, vizioso produttore napoletano deciso a produrre un film tutto suo. Stufo di treni che arrivano alla stazione e di operai all'uscita dalle fabbriche, Don Gennarino commissiona al ragazzo una storia pruriginosa che 'scopra' aspiranti attrici e ne mostri generosamente le grazie. Ispirato dal bagno biblico della "Casta Susanna", Federico sceglie di immortalare le carni della bella Marianna, fattucchiera imbrogliona e lavandaia analfabeta di una scrittrice torinese. Il successo del film creerà non pochi problemi alla protagonista inconsapevole, additata e disonorata dal paese almeno fino a quando "u'mbrogghiu nt'o linzolu" non verrà rivelato.
Tratto dal romanzo omonimo di Francesco Costa, L'imbroglio nel lenzuolo recupera e racconta la luce dei Lumière e lo stupore che produsse nei primi spettatori. Dieci anni dopo le prime immagini proiettate a Parigi nel Boulevard des Capucines, il cinematografo approdò in Sicilia e innamorò fino alle lacrime contadini, comari e provinciali inurbati, che avvertirono l'impulso irrefrenabili di alzarsi dalle sedie per evitare che un treno in corsa gli piombasse addosso. Diretto da Alfonso Arau (Il profumo del mosto selvatico) e prodotto ed interpretato da Maria Grazia Cucinotta, L'imbroglio nel lenzuolo è ambientato nell'Italia del 1905, quando le proiezioni cinematografiche poterono finalmente contare su un'industria efficiente, su apparecchi più perfezionati, su un repertorio di film ampio e variato, prendendosi la loro rivincita sullo spettacolo d'arte varia, al punto da occupare tutto lo spazio del programma e a provocare la trasformazione di molti locali di varietà in veri e propri cinematografi.
Non dimostrando alcun senso di soggezione o di inferiorità nei confronti del vaudeville, il cinema riuscì ad integrarsi facendo leva, come il Gennarino di Ernesto Mahieux, su spettacoli pruriginosi e altrettanto promettenti di quelli offerti da ballerine o cantanti dal nome francese che si esibivano dal vivo. Rimpiazzata da femmine di luci, la vedette di turno cedette passo e scena a un'apparizione piuttosto che al suo manifestarsi vero e proprio. La "casta Susanna" della Cucinotta incarna proprio una di quelle ombre che galvanizzarono il pubblico maschile, solleticandone la curiosità voyeuristica.
Sullo sfondo di una terra sospesa tra leggende e superstizioni, Arau gira un melodramma popolare che si esprime in maniera didascalica e che declina (e spreca) le potenzialità del soggetto nell'ammiccamento pruriginoso e lezioso. Pur mantenendo un livello di sobrietà visiva, il regista messicano non riesce a infondere vitalità a quanto scorre "sul lenzuolo".
La fotografia di Storaro non basta a risolvere la questione della profondità temporale e le pur nobili suggestioni di un film modesto, che tradisce un'evidente vocazione televisiva e non brilla certo per consapevolezza di sceneggiatura o per slancio interpretativo. Fanno eccezione la performance di Ernesto Mahieux e di Giselda Volodi, aristocratica bellezza da promuovere a ruoli di primo piano.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 26 giugno 2010
mauco

...in questi giorni ho letto critiche molto contrastanti su questo film, ieri finalmente sono andato al cinema! Nel film ci sono alcune "ingenuità" che, ... ahimè ... non sostenute da una fotografia, a volte troppo egocentrica e non complice della storia, tendono in alcune scene alla banalità. Ma il film ha anche un grande punto di forza, una storia che alterna, momenti divertenti e scoppiettanti [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 novembre 2010
doni64

Film commedia italiana ambientato negli anni 30 con la Cucinotta che dimostra sempre piu' di non essere all'altezza del ruolo tenuto.Discrete la scenografia la musica e l'interpretazione di quesi tutti gli attori. Nel complesso un film scialbo, inutile,povero di idee e nel complesso discreto.Voto 6

mercoledì 23 giugno 2010
anto80

ormai siamo così abituati a vedere megafilm in 3d......sparatorie ed esplosioni per due ore di fila.....che quasi avevo dimenticato il piacere di andare al cinema e godere pienamente ed in modo rilassato di un buon film!! beh questo è quello che mi è successo con "l'imbroglio nel lenzuolo"!! Un film che mi ha conquistato il cuore raccontando una storia lontana eppure [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 giugno 2010
fabibe

... ragazze ero all'anteprima di Taormina...... Primo Reggiani è belloooooooo da morire... e nel film è bravissimo!!!! Riuscite a farmi avere un autografo?

lunedì 21 giugno 2010
zorem

... se un FILM pur con i suoi difetti, riesce a farti ridere ed a raccontarti in 90 minuti una storia, vale SICURAMENTE la pena di essere visto!!! Io mi sono divertito tantissimo, le scene con la Volodi e Mahieux sono uno SPASSO ... quindi ... con o senza "l'imbroglio" ... buon CINEMA a tutti!

domenica 20 giugno 2010
iduzza

Siamo in una Sicilia dei primi anni del '900, fatta di persone semplici ed ingenue, piena di leggende ed antiche superstizioni.  L'arrivo del cinema in questo contesto è visto come qualcosa di meraviglioso e inspiegabile; la gente è incoriosita dalle prime pellicole che vengono realizzate e soprattutto è impaurita perchè non distingue [...] Vai alla recensione »

sabato 19 giugno 2010
ioroo

A me il film è piaciuto, con l'eccezione di alcuni momenti della cucinotta, ho passato poco più di un'ora e mezza in relax. La fotografia è sensazionale, la storia intrigante e la regia di buon livello. Sorpresa dalla caldonazzo che si vede poco ma è brava.

lunedì 21 giugno 2010
FBBexit

Voglio dare cinque stelle alla Cucinotta, per  aver raccontato di una Sicilia e di un Sud Italia in una chiave del tutto nuova! Ironia, eros e passione si alternano senza  alcun accenno a mafia e violenza, depressi e sfigati, perchè al Sud c'è pure questo, creatività ed intraprendenza, gioia di vivere e voglia di non arrendersi! .

mercoledì 23 giugno 2010
federico

mai ho visto maria grazia cucinotta così brava. ottima nella descrizione della quotidianità dell'erbivendola marianna, con il tenero amore che la lega al suo giocondo, diventa addirittura superba quando l'assale la disperazione nel finale. l'idea del film rasenta la genialità, anche se avrei preferito vedere più povertà, più miseria nella resa visiva dei contadini, ma forse tutto quel lusso è una scelta [...] Vai alla recensione »

martedì 11 dicembre 2012
ANDREA GIOSTRA

Volete vedere uno dei peggiori film della storia del cinema italiano? Bene! Per capire come si fa un pessimo film e soprattutto per capire cos'è un pessimo film, dovete vedere "L'imbroglio nel lenzuolo". La trama - anche se la storia è ripresa dal romanzo omonimo di Francesco Costa - è scopiazzata malamente dai migliori film di Tornatore (Nuovo cinema paradiso, [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 luglio 2010
stellab

Convinto dalle recensioni del pubblico sono andata. Ora è tutto chiaro, erano i quattro parenti che sono andati avedere il film. Storia imbarazzante, recitazione vergognosa, tutto brutto e noioso. La Cucinotta è veramente impossibile ... La storia è supèerficiale, nonfa ridere, non commuove, non interessa .... un film veramente inutile

sabato 18 giugno 2011
95miyu

è un bel film, mi è piaciuto, soprattutto la storia. ho scoperto molte cose sul cinema antico, argomento che mi appassiona. non è di certo un capolavoro, ma è bello da guardare.

venerdì 22 ottobre 2010
astromelia

...quando vedremo la cucinotta recitare senza le tette al vento? ....il film non mi ha lasciato  nulla.

venerdì 25 giugno 2010
melania

E' un film davvero bello,ingenuo,fresco,con un sapore di fiaba.splendida la Cucinotta ma bravo comunque tutto il cast.Consigliabile!

venerdì 25 giugno 2010
randam2000

E' la prima volta che vedo un film sul cinema muto...e mi sono spaccato dalle riste!!!!! La cosa innovativa è il nudo che invece nei film muti non c'era....almeno che io ricordi...però qua l'ho apprezzato molto!!! :D :D Veramente bravi Don Gennarino Pecoraro e la sorella. Da vedere assolutamente.

mercoledì 5 marzo 2014
maffei

certamente il film non è un capolavoro ma neppure tutti i dipinti ( per restare in un campo che mi compete) sono opere d'arte: è purtuttavia un prodotto elegante dal punto di vista visivo e che scorre con una certa facilità dal punto di vista contenutistico. quello che trovo davvero straordinarie sono le locations: chissà dove si trova quella stupenda villa settecentesca [...] Vai alla recensione »

martedì 20 luglio 2010
monzio

Consigliato da una collega sono andato a vedere il film con i miei figli, e ci siamo divertiti molto! Passo parola a chi è rimasto in città e vuole trascorre una serata piacevole! Buone vacanze a tutti

mercoledì 23 giugno 2010
StoneMovies

Non solo è statao sbandierato al vento che avremmo visto la Cucinotta nuda per la prima volta sullo schermo...ma ho avuto la netta sensazione che in quei pochi fotogrammi di "nudo" non ci sia proprio la Cucinotta ma un'altra ragazza!...Se così fosse ci sarebbe VERAMENTE L'Imbroglio...nel lenzuolo!

domenica 4 ottobre 2009
valefor

soldi veramente buttati

Frasi
... la verità è che ognuno di noi vive dentro i sogni degli altri, dentro ai quali arriviamo a fare delle cose che nella vita non oseremmo mai!
Una frase di Federico (Primo Reggiani)
dal film L'imbroglio nel lenzuolo - a cura di Cinzia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Dapprima increduli per la sfrontata ingenuità, ci si lascia prendere da questa simpatica parodia del feuilleton. Dove si cerca di ricostruire lo sconcerto creato dall' apparire del cinematografo, magico mondo delle illusioni. Nel doppio senso, di cura degli affanni reali attraverso l' immersione nel sogno, e di inganno. Tra i personaggi che entrano ed escono dalla scombinata sceneggiatura un giovanotto [...] Vai alla recensione »

Cinzia Romani
Il Giornale

Anticamente, lo schermo era un lenzuolo bianco. Ci voleva l'arcaico Sud del 1905 per il nudo siculo di Maria Grazia Cucinotta, che in questo melodramma popolare disvela le sue grazie di lavandaia, proiettate su un lenzuolo, teso (con l'imbroglio), pronto a illudere, col miraggio del cinema, lo svogliato studente (in medicina) Federico. Un po' di macchiette, la luce abbacinante del meridione, catturata [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati