El Sicario Room 164

Film 2010 | Documentario 80 min.

Titolo originaleEl Sicario Room 164
Anno2010
GenereDocumentario
ProduzioneItalia, Francia
Durata80 minuti
Regia diGianfranco Rosi
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Gianfranco Rosi. Un film Titolo originale: El Sicario Room 164. Genere Documentario - Italia, Francia, 2010, durata 80 minuti. Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi
El Sicario Room 164
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un ex sicario al servizio del narcotraffico messicano racconta gli anni passati a rapire, torturare e uccidere chiunque desse fastidio al Cartello.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO SÌ
Le memorie (incredibili ma vere) di un temibile sicario al soldo dei narcotrafficanti messicani.
Recensione di Marianna Cappi
martedì 7 settembre 2010
Recensione di Marianna Cappi
martedì 7 settembre 2010

Ottanta minuti nella stanza di un hotel con un ex sicario, la stessa stanza dove ha nascosto e ucciso alcune delle sue tante vittime, dopo averle torturate nei modi più fantasiosamente atroci.
Gianfranco Rosi legge un articolo dell'amico Charles Bowden, pubblicato da "Harper's magazine", sul tasso di criminalità di Ciudad Juarez, la più pericolosa del mondo, e incontra quest'uomo, arruolato dai narcos giovanissimo, comandante della polizia statale di Chihuahua, addestrato dal FBI, libero e impunito dopo centinaia di esecuzioni sommarie e di massa, con una taglia di 250 mila dollari sulla testa.
Mentre al pubblico del film quella stessa testa resta opportunamente nascosta dietro un velo nero, ciò che dice non fa sconti. Uomini bolliti in pentola perché colpevoli di aver disobbedito al Cartello; alcool e droga senza soluzione di continuità, per fare il lavoro sporco senza lasciare fessure alle pericolose infiltrazioni della coscienza; e poi il punto di non ritorno, quando il sogno di vivere di risorse illimitate diventa incubo e raggiunge la propria casa, il proprio letto. Oggi l'ex assassino è passato agli ordini di Dio, con una conversione megalomane e spettacolare, in linea con l'enfasi che ha già ampiamente dimostrato di possedere, nella prima parte del suo racconto, quella dedicata alla vida loca, alla scalata criminale.
Rosi ha per le mani, per il suo documentario, un attore nato. Non è tanto un paradosso quanto, probabilmente, una delle ragioni che hanno reso interessante e fattibile la produzione di questo film. Il sicario della stanza 164 ravviva infatti l'esposizione della sua parabola (come se ce ne fosse bisogno...) abbandonando spesso il discorso indiretto per recitare i dialoghi tra lui e la vittima di turno o per mimare le azioni (come tirare la corda deputata al soffocamento), mentre con metodo disegna su un blocco lo storyboard delle sue personalissime "memorie di un gangster", sottolineando le cifre macabre, riscrivendo le parole che pronuncia a voce, perché inchiostrandole si carichino di peso e autenticità. Il profilmico parla da solo, insomma, come vorrebbe il manuale del perfetto documentario, e Rosi non ha davvero bisogno d'altro: non di una sceneggiatura né di altri ambienti o di altri personaggi. Il sicario fa tutto da solo. Chi non fa come lui, nel mestiere, non è che un povero imitatore.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 2 giugno 2017
Dandy

Un documentario insolito,tanto breve e spartano nella messa in scena composta quasi esclusivamente di piani fissi,quanto efficace ed scioccante su una vita vissuta in modo estremo,oltre i limiti dell'immaginabile.Il protagonista è l'unico a parlare,il volto prennemente coperto da un velo nero,quasi sempre aiutandosi con disegni su un quadernone,elementari ma fin troppo eloquenti.

giovedì 8 marzo 2012
gionni47

Il tipo realistico del documento e i temi trattati lasciano a volte senza fiato. Ci rivelano come il Messico, e naturalmente i vicini USA, siano in realtà non tanto il paradiso della democrazia ma, al contrario, della sopraffazione, del liberismo più selvaggio tollerato dalle istituzioni. L'intreccio tra i "cartelli" e le istituzioni in quei luoghi viene a galla nel racconto dell'unico protagonista [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati